Selasphorus sasin

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Progetto:Forme di vita/Come leggere il tassoboxCome leggere il tassobox
Colibrì di Allen
Selasphorus sasin01.jpg
Selasphorus sasin
Stato di conservazione
Status iucn3.1 LC it.svg
Rischio minimo[1]
Classificazione scientifica
Dominio Eukaryota
Regno Animalia
Phylum Chordata
Classe Aves
Sottoclasse Neornithes
Superordine Neognathae
Ordine Apodiformes
Famiglia Trochilidae
Genere Selasphorus
Specie S. sasin
Nomenclatura binomiale
Selasphorus sasin
(Lesson, 1829)

Il colibrì di Allen (Selasphorus sasin (Lesson, 1829) ) è un uccello della famiglia Trochilidae.[2]

Descrizione[modifica | modifica sorgente]

Il colibrì di Allen da adulto misura dai 75 ai 90 mm di lunghezza. Il maschio ha una colorazione verde sul fronte e sul dorso, mentre è di color ruggine sulla coda e sui fianchi, sotto il becco invece è di colore rosso/arancio iridescente. La femmina e i novelli sono dello stesso colore, si differenziano dal maschio in quanto sulla gola non hanno la colorazione iridescente ma una serie di macchioline. Le femmine sono prevalentemente verdi, hanno una colorazione ruggine solo sulla coda nella quale ha anche punte di bianco. I novelli sono simili alla femmina di colibrì rosso (Selasphorus rufus) e sono indistinguibili.

Distribuzione e habitat[modifica | modifica sorgente]

È presente solamente nei boschi, nei giardini e nelle zone costiere a nord di Santa Barbara in California e in piccola parte in Oregon. Il nome comune è dedicato ad Charles Andrew Allen (1841-1930), collezionista e tassidermista americano. Un ibrido tra questa specie e il colibrì di Anna (Calypte anna) è stato descritto come Colibrì Flores, Selasphorus floresii.[3][4]

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ (EN) Selasphorus sasin in IUCN Red List of Threatened Species, Versione 2014.2, IUCN, 2014.
  2. ^ (EN) Gill F. and Donsker D. (eds), Family Trochilidae in IOC World Bird Names (ver 4.2), International Ornithologists’ Union, 2014. URL consultato il 7 maggio 2014.
  3. ^ Ridgway, 1909
  4. ^ Taylor, 1909

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

  • Ridgway Robert (1909). Hybridism and Generic Characters in the Trochilidae. Auk 26(4): 440-442. PDF fulltext
  • Taylor Walter P. (1909). An instance of hybridization in hummingbirds, with remarks on the weight of generic characters in the Trochilidae. Auk 26(3): 291-293. PDF fulltext

Galleria immagini[modifica | modifica sorgente]

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

uccelli Portale Uccelli: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di uccelli