Seen

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
(EN)
« A real train writer worked as if it was a job, seven days a week. You went out at night, or daytime, whatever time you had, to paint the fucking train. That's a real writer »
(IT)
« Un vero trainwriter lavora come se questo fosse un lavoro, sette giorni a settimana. Esci di notte, di giorno, appena hai tempo, per dipingere il fottuto treno. Questo è un vero writer »
(Seen[1])

Richard Mirando meglio conosciuto con lo pseudonimo di Seen o Godfather of Graffiti[1] (New York, 1961) è un writer statunitense, membro della crew internazionale United Artists (UA)[2].

Biografia[modifica | modifica sorgente]

Nasce nel 1961 nel Bronx, NY, e dipinge il primo graffito sulla metropolitana di New York nel 1973, con il fratello Mad[1]. Comincia a dipingere treni per il fatto che la città è infestata dalle gang, e, non essendo lui legato ad alcuna di esse, diventa pericoloso realizzare graffiti, o anche semplici tag, nei territori controllati dalle diverse organizzazioni criminali[1]. Per lui, essendo bianco e frequentando solo bianchi, è addirittura pericoloso il solo camminare in zone controllate da bande afroamericane; per altri writer come Comet e Blade, le cose erano più semplici: il primo era bianco, il secondo afroamericano, e girando per i vari quartieri si proteggevano a vicenda, godendo così di più libertà[1]. Il periodo in cui l'artista è più attivo sono gli anni settanta e gli anni ottanta[2], vista la seguente esposizione mediatica dovuta alla partecipazione al film Style Wars e al libro Subway Art[1]

Durante gli anni, diventa specialista nel whole car, graffito che richiede la copertura totale di una carrozza, i più famosi sono "Black Sabbath", "Hicki and Ski" (dedicato alle due menti della Vandal Squad) e "The Hand of Doom"[1].

Nel 1984 partecipa al film di Henry Chalfant e Tony Silver Style Wars, interpretando se stesso[3], nel 2002 partecipa al documentario Through the Years of Hip Hop, Vol. 1: Graffiti[4].

Videografia[modifica | modifica sorgente]

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ a b c d e f g Luke Dyms, Seen in Artillery - Chapter Four, 2008, pp. 48-61.
  2. ^ a b (EN) at149st.com - United Artists. URL consultato il 24 dicembre 2010.
  3. ^ (EN) Style Wars in Internet Movie Database, IMDb.com Inc.
  4. ^ (EN) Through the Years of Hip Hop, Vol. 1: Graffiti in Internet Movie Database, IMDb.com Inc.

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]