Sedum acre

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Progetto:Forme di vita/Come leggere il tassoboxCome leggere il tassobox
Borracina acre
Sedum acre goldmoss stonecrop.jpg
Sedum acre
Classificazione Cronquist
Dominio Eukaryota
Regno Plantae
Superdivisione Spermatophyta
Divisione Magnoliophyta
Classe Magnoliopsida
Sottoclasse Rosidae
Ordine Rosales
Famiglia Crassulaceae
Genere Sedum
Specie S. acre
Classificazione APG
Regno Plantae
(clade) Eudicotiledoni
(clade) Core Eudicots
Ordine Saxifragales
Famiglia Crassulaceae
Nomenclatura binomiale
Sedum acre
L.
Sinonimi

Sedum glaciale Clarion ex DC. in Lam. & DC.

Nomi comuni

Borracina gialla
Risetto
Pepe dei muri
Erba pignola

Sedum acre

La Borracina acre (nome scientifico Sedum acre L.) è una piccola pianta carnoso - succulenta di aspetto erbaceo, strisciante, perenne e sempreverde appartenente alla famiglia delle Crassulaceae.

Sistematica[modifica | modifica sorgente]

La sistemazione del genere Sedum non è concorde in tutti gli autori. Infatti il Sistema Cronquist assegna la famiglia delle Crassulaceae all'ordine Rosales mentre la moderna classificazione APG la colloca nell'ordine Saxifragales. E rimane controversa anche la sistemazione dello stesso genere nella classe delle Crassulaceae.
Il numero di specie del genere Sedum è abbastanza ampio: circa 140 elementi; un po' sparsi per tutto l'emisfero boreale. In Italia se ne contano 34 le specie spontanee di questo genere.

Varietà[modifica | modifica sorgente]

A volte si trovano popolazioni senza sapore (non acre) oppure con fusti più alti (oltre 15 cm); i petali possono essere colorati di giallo pallido e lunghi fino a tre volte i sepali. Queste molteplici varietà sono sempre dovute a popolazioni citogeneticamente varie (popolazioni diploidi 2n=40 oppure popolazioni tetraploidi 2n=80). Come documentazione di quanto detto elenchiamo alcune sottospecie e/o varianti:

Specie affini[modifica | modifica sorgente]

  • Sedum sexangulare L. – Borracina inspida o Erba pignola gialla: si differenzia per le foglie verticillate (o sparse) lineari – cilindriche lunghe fino a 6 mm e spesse 1 mm con breve sperone alla base. Si confonde spesso con la nostra pianta in quanto l'habitat delle due specie è lo stesso però non ha lo stesso sapore acre.
  • Sedum alpestre Vill – Borracina alpestre: anche questa specie è spesso confusa con la nostra; si differenzia per i petali più piccoli.

Etimologia[modifica | modifica sorgente]

Il nome del genere (“Sedum”) definito come molti altri da Linneo potrebbe derivare dal verbo di radice latina “sedeo” = “io mi siedo” per il tipo di fusto prostrato oppure anche (secondo altre dizioni) da “sedare”, “calmare” in riferimento ad alcune proprietà della pianta.
Il nome della specie (“Acre”) deriva dal sapore che è appunto acre.

Morfologia[modifica | modifica sorgente]

Descrizione delle parti della pianta

La forma biologica è camefita succulenta (Ch succ): sono piante che frequentano ambienti piuttosto aridi, con gemme perennanti radenti il suolo (disposte ad una altezza non maggiore di 20 cm) e con organi (fusti, foglie e fiori) adatti a conservare l'acqua.
Il Sedun acre è una pianta a foglie succulente quindi caratterizzata da una grande abbondanza di tessuti acquiferi e da un basso numero di stomi (per ridurre al minimo l'evaporazione dei liquidi) e una spessa cuticola fogliare: riesce così ad ottimizzare il consumo di acqua e a farne copiosa riserva nei suoi organi interni.

Radici[modifica | modifica sorgente]

Le radici sono superficiali e sottili prodotte da stoloni. La pianta si strappa facilmente dal terreno.

Fusto[modifica | modifica sorgente]

Il fusto è esile a volte prostrato (se porta solo foglie) e a volte ascendente (se all'apice porta l'infiorescenza). Se il fusto è sterile allora è fittamente foglioso (con struttura embricata) ed è persistente, mentre se è fertile (con fiori) le foglie sono distanziate e si secca durante la stagione fredda (o generalmente dopo l'antesi). Spesso la pianta forma un esteso tappeto (o cuscinetto) in quanto i fusti possono essere anche direttamente radicati. Altezza: da 5 a 15 cm.

Foglie[modifica | modifica sorgente]

Le foglie sono glabre, carnose e sessili. Sono disposte a spirale embricata molto regolarmente e in modo alterno sul fusto. La forma è ovale (pagina superiore piana, quella inferiore convessa), arrotondata alla base (parzialmente amplessicaule) e ottusa all'apice. Larghezza: 2 mm; lunghezza: 3 – 6 mm. Il sapore è lievemente pepato.

Infiorescenza[modifica | modifica sorgente]

I fiori sono raccolti in corte spighe cimose composta da 1 – 3 fiori quasi sessili (subsessili).

Fiori[modifica | modifica sorgente]

Fiori pentameri

I fiori sono pentameri, ermafroditi, attinomorfi e dialipetali.

  • Calice: i sepali sono ovato – lanceolati (ottusi all'apice) e lunghi circa 2 – 3 mm, molto simili alle foglie. La base dei sepali si prolunga in una piccola appendice.
  • Corolla: è formata da 5 petali disposti a stella di colore giallo oro intenso, eretto – patenti, lanceolati e acuti all'apice. Larghezza: 2 mm; lunghezza 7 – 10 mm (quindi il doppio del calice).
  • Androceo: il numero degli stami è 10 e sono lunghi 4 mm. Di norma sono il doppio dei petali e disposti su due verticilli.
  • Gineceo: stili lunghi 3,5 mm.
  • Fioritura: maggio – luglio
  • Impollinazione: tramite api e mosche.

Frutti[modifica | modifica sorgente]

I frutti follicoli disposti a stella al centro dei fiori

Il frutto consiste in 5 follicoli eretti (lunghezza 3–5 mm) e sono disposti a stella le cui punte a maturità si aprono per far uscire i semi di forma ovale.
Questo perché l'ovario durante la crescita forma una stella.

Distribuzione e habitat[modifica | modifica sorgente]

L'origine della pianta è Europea- Caucasica. Si trova anche in Africa settentrionale e in Asia. In Italia vegeta in prevalenza nelle regioni settentrionali. Meno frequente nel Meridione e isole. Facilmente cresce sui muri, greti, rupi e luoghi rocciosi. Diffusione altitudinale: 0 – 2000 m s.l.m..

Usi[modifica | modifica sorgente]

Avvertenza
Le informazioni riportate non sono consigli medici e potrebbero non essere accurate. I contenuti hanno solo fine illustrativo e non sostituiscono il parere medico: leggi le avvertenze.

Farmacia[modifica | modifica sorgente]

Le parti che si usano sono i fiori e le foglie.

  • Componenti: resine, mucillagini e alcaloidi.
  • Proprietà: sedativa, diuretica, abbassa la pressione sanguinea, sonnifera, ipotensive, lassativa.

Cucina[modifica | modifica sorgente]

Per il contenuto di alcaloidi tossici si sconsiglia l'uso in cucina.

Giardinaggio[modifica | modifica sorgente]

Spesso è coltivata nei giardini rocciosi come pianta mellifera.

Galleria di foto[modifica | modifica sorgente]

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

  • Maria Teresa della Beffa, Fiori di montagna, Novara, Istituto Geografico De Agostini, 2001.
  • Wolfgang Lippert Dieter Podlech, Fiori, TN Tuttonatura, 1980.
  • Giacomo Nicolini, Enciclopedia Botanica Motta. Volume terzo, Milano, Federico Motta Editore, 1960, pag. 683.
  • Sandro Pignatti, Flora d'Italia. Volume primo, Bologna, Edagricole, 1982, pag.499, ISBN 88-506-2449-2.

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

botanica Portale Botanica: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di botanica