Secretariat (cavallo)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Secretariat
Nato il 30 marzo 1970
Morto il 4 ottobre 1989
Padre Bold Ruler
Madre Somethingroyal
Nonno paterno Nasrullah
Nonno materno Princequillo
Sesso Stallone
Mantello Sauro
Altezza al garrese 1,68
Nazione Stati Uniti Stati Uniti
Allevatore Meadow Stable
Proprietario Meadow Stable, Penny Tweedy
Allenatore Lucien Laurin
Fantino/guidatore Ron Turcotte
Fantino/guidatore Eddie Maple (ultima competizione)
Corse disputate 21
Corse vinte 16
Vittorie principali
Corsa Anni
Kentucky Derby

Preakness Stakes

Belmont Stakes

Triple Crown of Thoroughbred Racing

(1973)

(1973)

(1973)

(1973)

« Questo cavallo sembra una Rolls-Royce in un campo di Volkswagen.[1] »
(Chick Lang - General Manager del Pimlico Race Course - Maryland)

Secretariat (Virginia, 30 marzo 1970 - Kentucky, 4 ottobre 1989) è stato un cavallo di razza purosangue inglese, campione negli USA.

Nel 1973 vinse la Triple Crown of Thoroughbred Racing americana dopo 25 anni dall'ultimo campione Citation[2]. Suo nonno era figlio del campione italiano Nearco[3][4]. Nella classifica dei 100 migliori cavalli da corsa americani del XX secolo è posizionato al n. 2[5], subito dopo Man o' War. Nella sua carriera di corridore vinse un montepremi totale di 1.316.808 dollari[6]. Il suo soprannome era "Big Red" (grande rosso)[1], per via del suo manto rossiccio, soprannome che ereditò proprio da Man o' War[7].

La sua storia è stata raccontata in un film prodotto dalla Walt Disney Pictures[8] diretto da Randall Wallace, intitolato Un anno da ricordare uscito nel 2010 interpretato da Diane Lane nel ruolo della proprietaria Penny Chenery.

La storia[modifica | modifica sorgente]

La storia di Secretariat ha avuto inizio nel 1969 tra Penny Tweedy e Ogden Phipps di Wheatley Stable. Phipps, il proprietario di Bold Ruler, voleva ottenere le migliori fattrici per il suo cavallo. Bold Ruler è considerato uno dei più importanti stalloni del suo tempo. Aveva un buon equilibrio tra velocità e resistenza, e anche se era finito quarto al Kentucky Derby del 1957 ma aveva vinto il Preakness due settimane più tardi. Dopo la sua carriera agonistica, Bold Ruler venne ritirato. Questo significava che sarebbe stato allevato principalmente come cavallo da riproduzione.

Così, Tweedy inviò due cavalle di nome Hasty Matilda e Somethingroyal a Bold Ruler che rimasero entrambre incinte. Phipps decise di fare un lancio della moneta con la singora Tweedy. Chi avrebbe vinto avrebbe scelto il futuro nascituro. Phipps vinse e scelse il puledro di Hasty Matilda, così a Tweedy toccò il puledro di Somethingroyal. Il 30 marzo, alle 12:10, nelle scuderie della Meadow Farm, Somethingroyal diede alla luce un puledro dal manto sauro con tre zampe bianche e una stella sulla fronte. La segretaria Elizabeth Ham, aveva presentato diversi nomi al Jockey Club, ognuno dei quali fu negato per vari motivi. Alla fine, trovò il nome per il puledro, riferendosi al suo lavoro: "Secretariat" (in inglese Segreteria).

Da puledro, il cavallo si distanziava spesso dalla madre dimostrando di essere indipendente e curioso[9]. Questo suo comportamento venne considerato un atteggiamento di grande intelligenza dalla sua proprietaria Penny Tweedy che riscontrò in lui il tipico comportamento individuale dei grandi campioni su pista.

Secondo anno d'età[modifica | modifica sorgente]

Al suo debutto sulle piste avvenuto il 4 luglio 1972 all'Aqueduct Racetrack di New York, Secretariat si piazzò al quarto posto dopo una partenza difficoltosa[10]. Infatti il cavallo cadde a terra[10] non essendo abituato alle porte delle gabbie di partenza. Dopo quest'esperienza, Secretariat imparò ad uscire dalle gabbie più lentamente per evitare il problema della sua prima gara[11].

La seconda gara alla quale venne iscritto fu la Sanford Stakes a Saratoga il 16 agosto 1972 dove trovò come avversario il cavallo favorito della costa orientale Linda's Chief. Secretariat vinse la gara distanziando il favorito di tre lunghezze[10]. Prima di arrivare al terzo anno d'età, Secretariat vinse diverse altre gare tra le quali l'Hopeful Stakes, sempre di Saratoga, la Belmont Futurity Stakes di Belmont (New York), la Laurel Futurity Stakes a Laurel (Maryland) e la Garden State Stakes (New Jersey). Sul suo curriculum si annoverava una sola sconfitta, frutto di una squalifica allo Champagne Stakes. Fino a quel momento, l'importo guadagnato dalle sue vittorie era di 456.404[12] dollari e conquistò l'onore di essere nominato miglior cavallo dell'anno a soli due anni d'età, privilegio ottenuto da soli altri due cavalli prima di lui: Native Dancer nel 1952[13] e Moccasin[14] nel 1965.

Il 14 ottobre del 1972 tagliò il traguardo dello Champagne Stakes al Belmont Race Course in Baltimora ma la vittoria venne invece assegnata al secondo classificato Stop The Music. L'assegnazione del secondo posto venne giustificato[15] dai giudici di gara come una sorta di penalizzazione. Infatti, durante la corsa il fantino Ron Turcotte raddrizzò violentemente Secretariat che si stava dirigendo troppo vicino allo steccato. Questa sua manovra costrinse il cavallo ad urtare Stop The Music che lo affiancava; gli urti tra cavalli durante le gare non erano ammessi e talvolta, come in questo caso, portavano addirittura alla squalifica dalla gara. Questa sconfitta costò alla Meadow Stable il montepremi di 88.000 dollari e il prestigio di avere un campione imbattuto nelle gare giovanili. Nonostante questo avvenimento, Secretariat stabilì comunque un tempo notevole in pista.

Terzo anno d'età: Triple Crown[modifica | modifica sorgente]

Agli inizi di febbraio del 1973, Secretariat cominciò la preparazione per il suo tentativo di vincere la prestigiosa Triple Crown. All'età di tre anni venne iscritto alla Wood Memorial Stakes, gara che si tiene all'Aqueduct Racetrack di New York. Il cavallo, pur essendo il preferito, si piazzò solamente terzo. La gara fu vinta da Angle Light. Dopo questo piazzamento la possibilità di poter vincere il Kentucky Derby e quindi di accedere alla Triple Crown si ridussero fortemente, dato che la gara si sarebbe svolta a poche settimane dalla Wood Memorial.

Kentucky Derby[modifica | modifica sorgente]

Il 5 maggio del 1973 al Churchill Downs di Louisville (Kentucky), la folla stimata per assistere alla gara di Secretariat era composta da più di 134.000 persone[16]. Il tentativo di vincere il Kentucky Derby e quindi di accedere alla gara successiva per vincere la Triple Crown dopo 25 anni dall'ultimo cavallo americano aveva attirato un gran numero di ammiratori. Nonostante fosse il favorito, la precedente sconfitta pesava molto sulla stima dell'esito della gara. Alla partenza, gli altri cavalli presero subito le prime posizioni e Secretariat si posizionò in undicesima posizione[16]. Il fantino Turcotte lasciò che il suo cavallo recuperasse graduatamente le posizioni. Il favorito per la vittoria era Sham che si trovava in prima posizione. Secretariat riuscì a raggiungerlo e approfittò di un'esitazione del suo avversario per affiancarlo dall'esterno pista, vincendo la gara superandolo di due lunghezze e mezzo[16] e stabilendo il record di pista del Kentucky Derby: 1:59 2/5, diventando l'unico cavallo ad aver finito la gara sotto i due minuti[1][17].

Preakness Stakes[modifica | modifica sorgente]

A due settimane dal Kentucky Derby, Secretariat vinse la Preakness Stakes di nuovo di due lunghezze e mezzo, dominando la gara fin dalla partenza. Il calcolo del tempo di arrivo del cavallo fu molto controverso: il cronometro elettronico della pista visualizzò un tempo di 1:55 ma successivamente i giudici di gara si accorsero che l'apparecchio era stato danneggiato dal calpestio della folla che attraversò la pista per entrare nelle parterre[10]. Il cronometrista ufficiale del Pimlico Race Course, E.T. McLean Jr., annunciò che registrò un tempo di 1:54 con un cronometro manuale. Qualche giorno dopo la rivista specializzata Daily Racing Form, pubblicò come tempo di arrivo 1:53, facendo stabilire a Secretariat il record di pista precedentemente appartenuto ad un altro cavallo nel 1971: Canonero II (1:54). Tuttavia, per venirne a capo, si stabilì di rivedere i filmati forniti dalla CBS[18] dei traguardi dei due cavalli. I responsabili del Pimlico Race Course infine stabilirono che il tempo corretto da assegnare al vincitore era quello calcolato manualmente da E.T. McLean Jr. e cioè 1:54. Dopo questa controversia, Secretariat apparve sulle copertine di tre riviste nazionali: TIME[19], Newsweek[20] e Sports Illustrated[21] diventando una celebrità nazionale.

Belmont Stakes[modifica | modifica sorgente]

Il 9 giugno 1973 Secretariat si preparò a vincere la gara che gli avrebbe attribuito il titolo di campione della Triple Crown. La gara fu seguita televisivamente da migliaia di telespettatori diventando una delle competizioni ippiche più importanti della storia.[10]. Secretariat e il suo avversario di sempre Sham, si portarono subito in testa gareggiando in un duello individuale per più di 1 km di pista. In questa distanza, Sham cominciò a risentire la stanchezza e Secretariat lo superò a grande velocità. Il cronista della gara Chick Anderson durante la corsa urlò al microfono durante la telecronaca: «Sta per vincere la Triple Crown. Incredibile! Una gara formidabile: ha 25 lunghezze di vantaggio![1]». Turcotte si girò indietro per accertarsi dove effettivamente fossero i suoi avversari e alla fine della gara dichiarò: «alla fine mi dovetti voltare per vedere dove fossero gli altri. So che sembra assurdo ma il cavallo ha fatto tutto da solo[1]». Secretariat vinse la gara di ben 31 lunghezze (più di 70 metri) stabilendo il record di pista di 2:24 per un miglio e mezzo, record tuttora imbattuto per quella distanza[1].

Gare successive[modifica | modifica sorgente]

Dopo la vittoria della Triple Crown, Secretariat partecipò ad altre gare vincendo la prima Marlboro Cup corsa sempre al Belmont Park di New York nel 1973, dopodiché vinse la Arlington Invitational all'Arlington Park di Chicago. L'8 ottobre del 1973 gareggiò nella sua penultima corsa al Belmont Park correndo la Man o' War Stakes, gara di un miglio e mezzo che si corre sull'erba. Il cavallo vinse la gara per cinque lunghezze[22] dimostrando anche di essere molto versatile per quanto riguarda l'insolita pista rispetto alle piste di terra battute abituali[22], portandosi a casa il montepremi che ammontava a 100.000 dollari e stabilendo il record di pista di 2:24.80 per un miglio e mezzo[22].

L'ultimo trionfo[modifica | modifica sorgente]

L'ultima gara alla quale Secretariat partecipò fu la Woodbine Racetrack a Toronto (Canada). In quegli anni non era abituale far viaggiare i cavalli da corsa in aereo e al suo arrivo in Canada, Secretariat fu accolto da una folla di ammiratori, giornalisti, fotografi e televisioni[23]. La proprietaria Penny Chenery realizzò[23] che il suo cavallo era diventato una vera celebrità nazionale dato che la maggior parte delle corse di Secretariat si erano svolte a New York e non aspettandosi un'accoglienza così in grande. Una delle televisioni indipendenti che ripresero il suo arrivo all'aeroporto di Toronto realizzò in seguito un video documentario sul viaggio di Secretariat in Canada intitolato Big Red's Last Race[23], video inserito anche in un nuovo documentario intitolato The Life and Times of Secretariat[24]. Il fantino Turcotte, originario proprio del Canada, il giorno della gara non poté montare Secretariat avendo subito una sospensione di cinque giorni[23]. L'allenatore Laurin chiamò allora a sostituirlo l'americano Eddie Maple[23]. Secretariat vinse la sua ultima corsa battendo gli altri cavalli di ben 12 lunghezze. Dietro di lui si piazzò Big Spruce e terzo Golden Don. Questa vittoria fece ammontare le sue vincite a 1.316.808 dollari[23].

Generazioni di campioni[modifica | modifica sorgente]

Ritirato dalle competizioni, come stallone Secretariat generò più di 610 puledri, tra cui diversi campioni: Lady's Secret che venne nominata cavallo dell'anno 1986[25], Risen Star che vinse il Preakness Stakes[26] e la Belmont Stakes[27] nel 1988, Weekend Surprise e Terlingua, famose come cavalle da riproduzione, e per aver generato a loro volta campioni.

Secretariat morì il 4 ottobre 1989 alle scuderie Claiborne Farm in Paris, Kentucky all'età di 19 anni. Dopo una lunga e insistente febbre, gli venne diagnosticato una laminite cronica che non gli permetteva di restare eretto sulle zampe. La proprietaria decise, in accordo con il veterinario che lo ebbe in cura, di effettuare un'eutanasia per evitargli ogni sofferenza[1]. Le sue spoglie vennero deposte[28] al cimitero delle scuderie di Claiborne. Poco dopo la sua morte, si scopri' che il suo cuore pesava 22 libbre, il doppio del peso di un cuore normale (8-10 libbre).

Il 19 ottobre 1999 il servizio postale degli Stati Uniti emise un francobollo commemorativo di Secretariat del valore di 33 centesimi[29]; fu il primo cavallo da corsa ad ottenere l'onore di apparire su un francobollo, seguito nel 2009 dal francobollo di 44 centesimi raffigurante Seabiscuit[30].

Incidente al Belmont Park del 2009[modifica | modifica sorgente]

Una statua commemorativa raffigurante Secretariat in scala reale venne esposta all'entrata del Belmont Park a New York. Nel maggio del 2009 City On Line un cavallo di quattro anni, rimase vittima di uno spaventoso incidente[31]. Infatti, mentre si apprestava a raggiungere la pista per iniziare la competizione, inspiegabilmente disarcionò il suo fantino Jose Lezcano[32] e dopo aver fatto inversione si diresse imbizzarrito verso il paddock. Durante la sua corsa scivolò sul marciapiede dell'entrata del parco e rovinò gravemente sulla statua raffigurante Secretariat, fratturandosi un femore e una zampa e distruggendo la statua che per l'impatto cadde a terra[31]. Il cavallo è stato successivamente soppresso per la gravità delle ferite riportate. La statua era una copia dell'originale scolpita nel 1974 da John Skeaping che attualmente è esposta al National Museum of Racing and Hall of Fame di Saratoga Springs, New York dal 1988[31].

Maggiori gare vinte[modifica | modifica sorgente]

  • Sanford Stakes (1972)
  • Hopeful Stakes (1972)
  • Futurity Stakes (1972)
  • Laurel Futurity (1972)
  • Garden State Futurity (1972)
  • Bay Shore Stakes (1973)
  • Gotham Stakes (1973)
  • Kentucky Derby (1973)
  • Preakness Stakes (1973)
  • Belmont Stakes (1973)
  • Arlington Invitational (1973)
  • Marlboro Cup (1973)
  • Man o' War Stakes (1973)
  • Canadian International (1973)

Premi speciali[modifica | modifica sorgente]

Riconoscimenti e onorificenze[modifica | modifica sorgente]

Record e montepremi vinti[modifica | modifica sorgente]

 ANNO 
 ETÀ 
 PARTENZE 
 1ª POSIZ. 
 2ª POSIZ. 
 3ª POSIZ. 
 MONTEPREMI VINTO 
 1972 
   2 
      9 
      7 
      1 
      - 
      $456,404 
 1973 
   3 
     12 
      9 
      2 
      1 
      $860,404 
Totale      21 
     16 
      3 
      1 
    $1,316,808[35] 

Pedigree[modifica | modifica sorgente]

Pedigree di Secretariat[36]:

Padre

Bold Ruler 
(1954)

Nonno
Nasrullah 
(1940) 

  • Nearco (1935)  
  • Mumtaz Begun (1932)  
Nonna

Miss Disco 
(1944) 

  • Discovery (1931)  
  • Outdone (1936)  
Madre

Somethingroyal 
(1952) 

Nonno
Princequillo 
(1940) 

  • Prince Rose (1928)  
  • Cosquilla (1933) 

Nonna
Imperatrice 
(1938) 

  • Caruso (1927)  
  • Cinquepace (1934)  

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ a b c d e f g (EN) Secretariat remains No. 1 name in racing by Ron Flatter, ESPN.com. URL consultato il 27-04-2010.
  2. ^ (EN) Triple Crown Winners Secretariat, Thoroughbredtimes.com. URL consultato il 26-04-2010.
  3. ^ (EN) Pedigree of Secretariat, Pedigree Query. URL consultato il 26-04-2010.
  4. ^ (EN) Thoroughbred bloodlines, sire lines Nearco, Bloodlines.net. URL consultato il 26-04-2010.
  5. ^ a b (EN) Sommario - Elenco top 20 in Thoroughbred Champions: Top 100 Racehorses of the 20th Century, Hong Kong, Blood Horse Publications, 1999/2003, pp.5.
  6. ^ (EN) Secretariat winnings, Thoroughbred Database. URL consultato il 09-06-2009.
  7. ^ (EN) SPORT: Big Red Dynasty, Time.com, 14-03-1938. URL consultato il 27-04-2010.
  8. ^ (EN) / Secretariat, IMDB.com. URL consultato il 29-04-2010.
  9. ^ (EN) Secretariat biography by Kathleen Jones, Thoroughbredchampions.com. URL consultato il 26-04-2010.
  10. ^ a b c d e (EN) Secretariat biography on Indiarace, Indiarace.com.com. URL consultato il 26-04-2010.
  11. ^ (EN) Secretariat: A Horse Racing Legend, Best Horse Photos and History, 15-05-2009. URL consultato il 09-06-2009.
  12. ^ (EN) Secretariat biography by Kathleen Jones - Racing Record, Thoroughbredchampions.com. URL consultato il 26-04-2010.
  13. ^ (EN) Native Dancer 1952 Horse of the Year, 1954, Spiletta.com. URL consultato il 26-04-2010.
  14. ^ (EN) Three Year Old Filly as Horse of the Year? by Ron Hale, Horseracing.com. URL consultato il 26-04-2010.
  15. ^ (EN) October 14, 1972 - Champagne, 1 mile - Belmont Park, Secretariat Official Site, 14-10-1972. URL consultato il 26-04-2010.
  16. ^ a b c (EN) May 5, 1973 - Kentucky Derby - Churchill Downs, Secretariat Official Site. URL consultato il 29-04-2010.
  17. ^ (EN) Fantasy Derby - By Mark Coomes, Kentucky Derby.info. URL consultato il 29-04-2010.
  18. ^ (EN) May 19, 1973 - Preakness Stakes - Pimlico Race Course, Secretariat Official Site. URL consultato il 29-04-2010.
  19. ^ (EN) Cover: Super Horse - Secretariat, Time.com - Archive. URL consultato il 29-04-2010.
  20. ^ (EN) Ron Turcotte - Covers, Derby Legends.com. URL consultato il 29-04-2010.
  21. ^ (EN) On the Cover: Ron Turcotte, Horses and Horse Racing, photographed by: Neil Leifer, Sports Illustrated.cnn.com. URL consultato il 29-04-2010.
  22. ^ a b c (EN) October 8, 1973 - Man o' War Stakes - Belmont Park, Secretariat Official Site. URL consultato il 30-04-2010.
  23. ^ a b c d e f (EN) October 28, 1973 - Canadian International - Woodbine Racecourse, Secretariat Official Site. URL consultato il 30-04-2010.
  24. ^ (EN) The Life and Times of Secretariat DVD, Secretariat Official Site. URL consultato il 30-04-2010.
  25. ^ (EN) A Swell Dame Wins The Beldame Lady's Secret set another record on her path to Horse of the Year, by Demmie Stathoplos, Sports Illustrated Official Site, 20-10-1986. URL consultato il 30-04-2010.
  26. ^ (EN) Preakness winner 1976 - 2000, Preakness Official Site. URL consultato il 30-04-2010.
  27. ^ (EN) Belmont Runners - pdf, Belmont Official Site. URL consultato il 30-04-2010.
  28. ^ (EN) Secretariat, Find a Grave. URL consultato il 30-04-2010.
  29. ^ a b (EN) US Postal Stamp Section, Secretariat Official Site. URL consultato il 30-04-2010.
  30. ^ (EN) Seabiscuit Stamped Envelope to be Unveiled, Blood Horse Official Site, 4 maggio 2009. URL consultato il 9-5-2009.
  31. ^ a b c (EN) Secretariat statue destroyed in fatal accident at Belmont Park - By Jerry Bossert, Daily News.com, 20-05-2009. URL consultato il 30-04-2010.
  32. ^ (EN) Horse crashes into Secretariat statue, put down 4-year-old colt breaks away from lead pony, breaks base of Belmont statue, NBC Sports.com, 20-05-2009. URL consultato il 30-04-2010.
  33. ^ a b (EN) Horse of the year 1971 - Present, Thoroughbred Racing Associations of North America. URL consultato il 09-06-2009.
  34. ^ (EN) Classifica_National_Museum_of_Racing_and_Hall_of_Fame_Thoroughbred.
  35. ^ (EN) Montepremi vinto da Secretariat.
  36. ^ (EN) Database_Pedigree_Cavalli_Purosangue.

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

  • William Nack, Big Red of Meadow Stable: Secretariat, the Making of a Champion, Arthur Fields Books, 1975. ISBN 9780525630128.
  • Raymond G. Woolfe Jr., Secretariat, The Derrydale Press, 2001. ISBN 9781586671174.
  • William Nack, Secretariat: The Making of a Champion, Da Capo Press, 2002. ISBN 9780306811333.
  • Barbara Libby, I Rode the Red Horse: Secretatriat's Belmont Race, Eclipse Press, 2003. ISBN 9781581500967.
  • Lawrence Scanlan, The Horse God Built: Secretariat, His Groom, Their Legacy, HarperCollins Canada, 2006. ISBN 9780002007931.
  • Timothy T. Capps, Secretariat: Racing's Greatest Triple Crown Winner, Eclipse Press, 2007. ISBN 9781581501520.
  • Carolyn R. Scheidies, The day Secretariat won the Triple Crown, C R Publications, 2007. ISBN 9780615159645.
  • Charles Justice, The Greatest Horse of All: A Controversy Examined, AuthorHouse, 2008. ISBN 9781438901930.
  • Lawrence Scanlan, The Horse God Built: The Untold Story of Secretariat, the World's Greatest Racehorse, St. Martin's Griffin, 2008. ISBN 9780312382254.
  • Lawrence Scanlan, Big Red Horse, the Secretariat Story, HarperCollins Children's Books, 2010. ISBN 9780006393528.

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]