Seconda guerra di 'Ndrangheta

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Giovanni Tegano

La seconda guerra di 'Ndrangheta, è quella guerra scoppiata tra il 1985 e il 1991 tra molte 'ndrine calabresi, successiva alla prima guerra degli anni settanta che ha provocato 700 morti e ha ridefinito la struttura gerarchica e organizzativa della criminalità organizzata calabrese.

Cause[modifica | modifica wikitesto]

La guerra scoppiò perché le varie 'ndrine, che erano totalmente indipendenti l'una dall'altra, non avevano trovato un accordo per lo sfruttamento degli enormi capitali accumulati. Alla fine non ci fu né un vincitore né uno sconfitto ma si decise di dotarsi di una sorta di cupola, un organo supremo simile a quello di Cosa Nostra.

Svolgimento[modifica | modifica wikitesto]

L'inizio della guerra scoppia nella città di Reggio Calabria dove nascono dei problemi tra gli Imerti e i De Stefano per la gestione della possibile costruzione del ponte sullo stretto di Messina e perché i De Stefano volevano espandere il loro potere fino a Villa San Giovanni territorio degli Imerti. Giuseppina Condello, sorella dei fratelli Condello, sottocapi dei De Stefano nel 1983 va in moglie ad Antonio Imerti, dell'omonimo clan di Villa San Giovanni. Questa alleanza avrebbe indebolito i De Stefano e l'11 ottobre 1985 Antonio Imerti, detto "nano feroce", capobastone dell'omonima 'ndrina subisce un attentato dal quale riesce a salvarsi: viene fatta esplodere un'autobomba vicino la sua macchina blindata a Villa San Giovanni, moriranno i suoi guardaspalle ma lui no. Due giorni dopo, Paolo De Stefano, mentre si trovava in moto nel quartiere Archi di Reggio Calabria, viene invece ucciso da 5 uomini di Antonio Imerti. Così scoppia la guerra tra le due 'ndrine. Con gli Imerti si schierano i Condello, i Saraceno, i Fontana, i Rosmini, i Lo Giudice e i Serraino, per i De Stefano capeggiati ora da Orazio fratello di Paolo ci sono i Libri, i Tegano[1], i Latella, i Barreca, i Paviglianiti e gli Zito; Per rinsaldare il legame con i Tegano Orazio il 2 dicembre 1985 sposò la nipote di Giovanni Tegano, Antonietta Benestare. Nel gennaio 1988 vengono arrestati i fratelli Paolo e Domenico Condello autori dell'omicidio di Paolo De Stefano.

Domenico Libri divenne poi il nuovo capo dell'alleanza con Giovanni Tegano. Il figlio di Domenico, Pasquale Rocco Libri fu ucciso da un cecchino in carcere, durante l'ora d'aria nel settembre 1988 Sempre un cecchino tentò di ucciderlo all'uscita dal tribunale di Reggio Calabria, scortato dai carabinieri

Pace[modifica | modifica wikitesto]

I morti accertati sono 700, anche se il numero varia tra i 500 e i 1000. La pace si trovò solo nel 1991, Antonino Mammoliti fu il garante per gli Imerti, mentre Antonio Nirta per i De Stefano, e Domenico Alvaro, capo della locale di Sinopoli faceva da terzo mediatore. Secondo diversi pentiti, tra cui Pasquale Barreca e Francesco Fonti furono coinvolti anche membri di Cosa Nostra, tra cui Leoluca Bagarella che suggerirono la creazione di una commissione interprovinciale[2], ma venne coinvolto anche Salvatore Riina per il raggiungimento dell'accordo di pax mafiosa, il boss corleonese si recò in Calabria vestito da prete e venne ospitato a casa sua dal boss di Africo Giuseppe Morabito, detto u tiradrittu. Le cosche calabresi pagarono però un prezzo per questa mediazione di Cosa Nostra ovvero l'omicidio del giudice Antonino Scopelliti, personaggio scomodo per la mafia siciliana dato che rappresentava la pubblica accusa in cassazione per il maxiprocesso[3].

Con il pentimento di Filippo Barreca (santista) avvenuto l'8 gennaio 1992 mentre era in carcere a Cuneo per una condanna di traffico di droga da scontare in 9 anni[4] e con quello di Giacomo Lauro del 9 maggio 1992[4]) si svelano retroscena della seconda guerra di 'Ndrangheta[4]. Le loro rivelazioni saranno utili anche nelle operazioni Olimpia 1, 2, 3 e 4[4].

Conseguenze[modifica | modifica wikitesto]

Le aree di influenza delle 'ndrine sono state suddivise in 3 macroregioni: La Piana (Piana di Gioia Tauro), La Montagna (la Locride) e la città (Reggio Calabria)[5]. I membri di queste 3 aree si riuniscono nella commissione interprovinciale o camera di controllo detta Provincia o Crimine.

Commissione interprovinciale o Provincia[modifica | modifica wikitesto]

I membri della Commissione interprovinciale[6]:

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Preso il numero uno della 'ndrangheta, La Repubblica,17 settembre, 1992
  2. ^ Preso il numero uno della 'ndrangheta, Tribunale di Reggio Calabria, 19 gennaio, 1999
  3. ^ Stop'ndrangheta.it - Archivio Web Multimediale
  4. ^ a b c d Filippo Barreca in Cinquantamila.corriere.it.
  5. ^ Dossier 'Ndrangheta Potenzialmente eversiva...Intervista a Vincenzo Macrì di Marco Nebiolo, in ntacalabria.it. URL consultato il 01-12-2008.
  6. ^ Preso il numero uno della 'ndrangheta in Stop Ndrangheta.it. URL consultato il 16-07-2010.