Seconda battaglia di Fort Sumter

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Seconda Battaglia di Fort Sumter
FTSumterSep1863a.jpg
Resti delle mura di Fort Sumter dopo il bombardamento
Data 7 settembre - 8 settembre 1863
Luogo Contea di Charleston, Carolina del Sud
Esito Vittoria della Confederazione
Schieramenti
Comandanti
Effettivi
413[1] 320
Perdite
117[1] sconosciute
Voci di battaglie presenti su Wikipedia

La Seconda Battaglia di Fort Sumter fu combattuta tra il 7 e l'8 settembre 1863 nella Contea di Charleston. Il generale della confederazione P. G. T. Beauregard, che aveva comandato le difese di Charleston e conquistato Fort Sumter durante la prima battaglia di Fort Sumter, era al comando generale delle truppe.

Battaglia[modifica | modifica sorgente]

Le forze dell'Unione, capeggiate dal generale Quincy Adams Gillmore tentarono di riconquistare la fortezza alla foce del porto. Gli artiglieri dell'Unione preso di mira il forte con le loro batterie. Dopo un forte bombardamento, [Pierre Gustave Toutant de Beauregard|Beauregard] sospettava un attacco da parte di tutta la fanteria, ma solo 320 fanti fanti con alcuni cannoni attaccarono le forze della Confedarzione. Gillmore aveva ridotto Fort Sumter a un cumulo di macerie, ma la bandiera confederata sventolava ancora sulle rovine.

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ a b Fort Sumter

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]