Sebastiano Bongiorno

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
on. Sebastiano Bongiorno
Bandiera italiana
Parlamento italiano
Camera dei deputati
Luogo nascita Cattolica Eraclea (Ag)
Data nascita 4 febbraio 1949
Titolo di studio Laurea in giurisprudenza
Professione Magistrato, docente
Partito Partito Democratico della Sinistra
Legislatura XII
Coalizione Progressisti
Circoscrizione Sicilia
Collegio Sciacca
Incarichi parlamentari
  • Membro della II Commissione (Giustizia)
  • Membro del Comitato Parlamentare per i procedimenti di accusa
  • Membro della Commissione parlamentare per il parere al Governo sulla destinazione dei fondi per la ricostruzione del Belice
Pagina istituzionale

Sebastiano Giacomo Bongiorno (Cattolica Eraclea, 4 febbraio 1949) è un magistrato e politico italiano.

Biografia[modifica | modifica sorgente]

Laureato in giurisprudenza, ha svolto la professione di docente ed avvocato ed inoltre giudice istruttore e giudice per le indagini preliminari a Caltanissetta[1][2].

Ha condotto le indagini sull'omicidio del giudice Rosario Livatino e quelle sulle stragi di Capaci e di via D'Amelio[1][2].

Alle Elezioni Politiche del 27 marzo 1994 fu eletto alla Camera dei deputati con la coalizione dei Progressisti raccogliendo 29.735 voti nel collegio uninominale di Sciacca[3].

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ a b Sergio Buonadonna, Roberto Ginex, Guida alla seconda Repubblica, Arbor, 1994, pag.200, ISBN 88-86325-18-5.
  2. ^ a b Gian Antonio Stella, Solo, con carta e penna, in prima linea contro i killer in Corriere della Sera, 26 luglio 1992, p. 2. URL consultato il 03-01-2010.
  3. ^ Elezioni della Camera dei Deputati del 27 marzo 1994 in Archivio Storico delle Elezioni. URL consultato il 03-01-2010.

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]