Sebastian Vrancx

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Ritratto di Sebastian Vrancx in grisaglia eseguito da Antoon van Dyck

Sebastian o Sebastiaen o Sebastiaan Vrancx, o Vranckx (Anversa, 22 gennaio 1573Anversa, 19 maggio 1647), è stato un pittore e disegnatore fiammingo, particolarmente noto per la pittura di scene militari e di battaglia.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Soldati saccheggiano una fattoria
Battaglia (1640 c.)

Figlio di Jan Vrancx e di Barbara Coutereau, secondo il biografo Karel van Mander[1] studiò pittura ad Anversa presso Adam van Noort[1][2][3], che fu maestro anche di Peter Paul Rubens[4]. Successivamente partì alla volta dell'Italia per studiarne l'arte e visitò le città di Venezia, Roma e Napoli[2] (1596-1600)[3].

Nel 1601, ritornato in patria, entrò a far parte della Corporazione di San Luca[2], di cui divenne prima vicepresidente (onderdeken) nel 1611 e poi decano (opperdeken) nel 1612[5], e s'affiliò alla Confraternita dei SS Pietro e Paolo, di cui era membro anche Peter Paul Rubens[2].

Nel 1612 sposò Maria Pamphi[1] o Pampfi[5], figlia di un commerciante d'arte e cognata di Tobias Verhaecht. Quest'ultimo divenne in seguito padrino di sua figlia[1].

Fu un membro della Camera degli Oratori di Anversa (Violieren), che aveva legami con la Corporazione di San Luca. Oltre all'impegno letterario, eseguì anche alcuni dipinti per quest'associazione[1]. Acquisì anche una certa fama come poeta e organizzatore di feste[5].

Fece inoltre parte di una compagnia di guardia civica, divenendone ufficiale nel 1613 e capitano otto anni dopo[4][6], grado che mantenne per dieci anni[5].

Profilo artistico[modifica | modifica wikitesto]

I primi disegni conosciuti di quest'artista risentono dell'influenza di Cornelis Floris de Vriendt e di Cornelis Bos, mentre le opere eseguite durante il soggiorno italiano presentano affinità con i primi lavori di Paul Brill, anch'egli a Roma in quel periodo, e di Jan Brueghel il Vecchio. Caratteristica esclusiva delle opere di questo periodo sono le figure gesticolanti e gli alberi imponenti, mentre permarranno per tutta la sua carriera il gusto per il dettaglio aneddotico e le figure vestite di abiti particolarmente colorati inserite in paesaggi classici e decorativi[1].

Tra il 1602 ed il 1611, realizzò i primi dipinti del tipo della festa galante, con figure eleganti in un paesaggio caratterizzato da elementi sia naturali, quali giardini o parchi alberati, che architettonici, quali colonnati, padiglioni, pergolati, palazzi, statue e fontane. Queste composizioni erano generalmente eseguite in un formato orizzontale e ben delineate dal punto di vista prospettico[2]. Gli alberi rappresentati divennero più alti e meno imponenti rispetto al periodo precedente[1].

Oltre a questa tipologia di pittura di genere, si dedicò anche alla rappresentazione di scene militari e di battaglie[2] in piccola scala[1], per cui è particolarmente noto e che fu probabilmente tra i primi in Olanda ad utilizzare come soggetto per i suoi dipinti[7][8]. Queste opere furono eseguite in base ad esperienze di prima mano, avendo Vrancx abbracciato la carriera militare[4][6]. Egli divenne perciò una figura di primo piano nello sviluppo di questo genere di pittura nel suo paese[6] e oltre la metà delle sue opere riguardano questo soggetto[4].

Inoltre saltuariamente realizzò dipinti di soggetto religioso e allegorico[2] e paesaggi[4].

Nella fase matura della sua carriera artistica (1611-1625), si può notare la crescita stilistica di Vrancx caratterizzata dal tocco preciso con cui realizza le forme, dal maggior controllo con cui rappresenta lo spazio e vi inserisce un numero maggiore di figure disposte in gruppi più complessi[1].

A partire dal 1620 c. iniziò a dipingere i cavalli in modo più raffinato, rendendo il loro aspetto più nobile, mentre rese gli alberi in modo meno dettagliato[1].

Negli anni finali della sua vita (1625 c.-1647), Vrancx pose l'accento maggiormente sulla rappresentazione del paesaggio, piuttosto che delle figure, più sulla grazia che sulla forza[1].

Nelle sue opere si nota l'influenza dei pittori italiani contemporanei e di Pieter Brueghel il Vecchio[9].

Fra i suoi mecenati e collezionisti vi fu il re Cristiano IV di Danimarca[7].

Collaborò con Jan Brueghel il Vecchio, Jan Brueghel il Giovane, Joos de Momper, i pittori della famiglia Neefs, Tobias Verhaecht[7], Alexander Keirinckx, Jan van Balen, Frans Francken II[1] e David Vinckboons[5], dipingendo figure nei loro quadri[3]. Tuttavia, nei suoi dipinti, non faceva ricorso di solito ad altri pittori per la realizzazione del paesaggio[1].

Tenne anche scuola, presso cui si formò Pieter Snayers[7].

Fra i suoi seguaci vi furono, in Olanda meridionale, Pieter Meulener e Jacques van der Wijhen e in Francia Adam Frans van der Meulen, allievo di Pieter Snayers. In Olanda settentrionale la sua influenza si può ritrovare in Esaias van de Velde e Pauwels van Hillegaert[1][4].

Le sue opere furono molto copiate e riprodotte per incisione[8], in particolare da Pieter de Jode[7].

Opere[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b c d e f g h i j k l m n Sphinx fine art
  2. ^ a b c d e f g Artnet
  3. ^ a b c Treccani online
  4. ^ a b c d e f The Collectors: Old Master Paintings
  5. ^ a b c d e Flemish and German paintings of the 17th century
  6. ^ a b c Sphinx Fine Art - Convoglio sotto attacco
  7. ^ a b c d e The grove Dictionary of Art
  8. ^ a b The Oxford Dictionary of Art in Encyclopedia.com
  9. ^ a b c The Web gallery of Art
  10. ^ Paesaggio con caccia al daino - Web Gallery of Art
  11. ^ Orfeo e gli animali - Web Gallery of Art
  12. ^ Veduta di Tivoli - The Getty
  13. ^ Veduta del porto d'Anversa - Artnet
  14. ^ Figure nel giardino di un palazzo - Artnet
  15. ^ Corteo militare esce da un villaggio - Artnet
  16. ^ Imboscata - Web Gallery of Art
  17. ^ Le quattro stagioni - Artnet
  18. ^ Gennaio - Web Gallery of Art
  19. ^ Cavalieri attaccano viaggiatori in una piana alberata - Sphinx Fine Art
  20. ^ Convoglio sotto attacco - Sphinx fine Art

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità VIAF: 87274969 LCCN: no2007004434