Seamus Elliott

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Seamus Elliott
Seamus Elliott 1963b.jpg
Nazionalità Irlanda Irlanda
Ciclismo Cycling (road) pictogram.svg
Specialità Strada
Ritirato 1970
Carriera
Squadre di club
1956-1961 Helyett
1962-1964 Saint Raphaël
1965 Ford France
1966-1967 Mercier
Nazionale
1956-1966 Irlanda Irlanda
Palmarès
Gnome-emblem-web.svg Mondiali
Argento Salò 1962 In linea
 

Seamus Elliott (Dublino, 4 giugno 1934Dublino, 4 maggio 1971) è stato un ciclista su strada irlandese. Professionista dal 1956 al 1967, fu medaglia d'argento ai campionati del mondo 1962.

Carriera[modifica | modifica wikitesto]

Elliott fu gregario di Anquetil, ma riuscì a ottenere anche diverse vittorie come l'Het Volk del 1959, il suo successo più importante, e tappe nei tre grandi giri (fu pure terzo nella generale alla Vuelta a España 1962). Ai mondiali del 1962 conquistò la medaglia d'argento: dopo essere rimasto a lungo in fuga solitaria venne raggiunto e battuto dal francese Jean Stablinski che si fregiò dell'iride.

Dopo essersi ritirato nel 1967, dopo dodici anni di professionismo, aprì un'officina nella sua Dublino, tornando a casa dopo una carriera spesa soprattutto in Francia. Proprio in quella officina fu trovato morto il 4 maggio 1971: l'inchiesta concluse che trattavasi di suicidio.[1]

Palmarès[modifica | modifica wikitesto]

3ª tappa Tour de Sud-Est
Grand Prix de "L'Echo d'Alger"
Grand Prix Catox
Grand Prix d'Isbergues
Circuit de La Vienne
2ª tappa Quattro Giorni di Dunkerque (Dunkerque > Dunkerque)
3ª tappa Quattro Giorni di Dunkerque (Dunkerque > Dunkerque)
Omloop Het Volk
Grand Prix de Denain
Grand Prix de Nice
Man'x Trophy
Trophée Stan Ockers - Trophée Peugeot
18ª tappa Giro d'Italia (Trieste > Belluno)
2ª tappa Quattro Giorni di Dunkerque
4ª tappa Vuelta a España (Valencia > Benidorm)
13ª tappa Vuelta a España (Tarragona > Valencia)
Classifica generale Tour du Morbihan
Man'x Trophy
Grand Prix de Saint Raphael
Grand Prix d'Esperaza
Classifica generale Tour de l'Oise
Grand Prix d'Orchies

Altri successi[modifica | modifica wikitesto]

Trofeo Longines

Piazzamenti[modifica | modifica wikitesto]

Grandi Giri[modifica | modifica wikitesto]

1959: 40º
1960: 68º
1961: ritirato
1956: ritirato (4ª/2ª tappa)
1958: 48º
1959: fuori tempo (14ª tappa)
1961: 47º
1963: 61º
1964: fuori tempo (14ª tappa)

Classiche monumento[modifica | modifica wikitesto]

1956: 44º
1958: 10º
1959: 32º
1964: 35º
1957: 7º
1959: 9º
1960: 15º
1957: 18º
1958: 20º
1959: 12º
1960: 11º
1964: 38º
1965: 29º
1958: 27º
1959: 21º
1960: 31º

Competizioni mondiali[modifica | modifica wikitesto]

Copenaghen 1956 - In linea: 14º
Reims 1958 - In linea: 22º
Zandvoort 1959 - In linea: 22º
Karl-Marx-Stadt 1960 - In linea: 17º
Berna 1961 - In linea: ritirato
Salò 1962 - In linea: 2°
Ronse 1963 - In linea: 26º
Sallanches 1964 - In linea: 19º
San Sebastián 1965 - In linea: ritirato
Nürburgring 1966 - In linea: 15º

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Angelo Zomegnan, Rino Negri, E adesso Gimondi spinge Pantani in archiviostorico.gazzetta.it, 10 luglio 1998. URL consultato il 20 giugno 2011.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]