Sd.Kfz. 9

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Sd.Kfz. 9
Bundesarchiv Bild 101I-235-0996-02A, Russland, Reparatur Panzer III mit Sd.Kfz. 9-1.jpg
Descrizione
Equipaggio dipende dalle configurazioni
Progettista FAMO AG
Costruttore FAMO AG, Vomag, Tatra
Data impostazione 1936
Data entrata in servizio 1938
Data ritiro dal servizio 1950?
Utilizzatore principale Germania Germania
Altre varianti Sd.Kfz. 9/1, Sd.Kfz. 9/2
Dimensioni e peso
Lunghezza 8.32 m
Larghezza 2.6 m
Altezza 2.85 m
Peso 18 t
Capacità combustibile 290 l
Propulsione e tecnica
Motore 10.8L Maybach HL-108
Potenza 270 hp
Sospensioni barre di torsione
Prestazioni
Velocità su strada 50 km/h
Velocità fuori strada 21 km/h
Autonomia 100 km(fuori-strada) - 260 km (strada)
Armamento e corazzatura
Capacità 2.62 t

[senza fonte]

voci di veicoli militari da trasporto presenti su Wikipedia

La serie dei semicingolati tedeschi da carico, tutti molto simili nella struttura base, ebbe il suo maggiore esponente nel formidabile Sd.Kfz. 9 schwewer Zugkraftwagen 18t (trattore pesante da 18 t), un veicolo apparso nel 1939 per compiti davvero speciali.

Caratteristiche[modifica | modifica sorgente]

Prodotto dalla Famo AG di Breslau, esso era un veicolo poderoso e specializzato nel traino di carichi eccezionalmente pesanti, come le artiglierie da 240 mm, ma soprattutto in funzione di veicolo recupero. Ve ne fu anche una versione porta-armi, rimasta veicolo unico, con cabina corazzata e cannone da 88 mm.

Ma il ruolo principale di tali mezzi fu di gran lunga quello di recuperare i veicoli corazzati finiti nei fossi o posti fuori combattimento, elemento cardine dell'efficienza mostrata dai tedeschi nell’ottenere sempre il meglio dai loro reparti corazzati. Esso era presente in 2 versioni, il Sd.Kfz. 9/1 con gru da 6 tonnellate, e poi, essendo questa dimostratasi insufficiente in alcuni compiti, il Sd.Kfz. 9/2 con gru da 10 tonnellate. Il problema maggiore fu però quando il mezzo venne a trovarsi a prestare assistenza a Panther o Tiger: spesso occorrevano 2 veicoli da usare con i cavi di traino per farli uscire dai fossati, ma i Tiger erano tanto pesanti che nelle operazioni di traino ne erano necessari addirittura 3, con ovvi problemi di reperibilità e di coordinazione. Oltretutto, non erano nemmeno corazzati e quindi rischiavano molto sotto il tiro nemico. Queste difficoltà erano tali nonostante che avessero motori Maybach simili a quelli dei Panzer, anzi l’ultimo modello, rimasto in produzione fino al 1944 aveva lo stesso motore del Panzer IV, da 250-300hp. La soluzione sarebbe stata ottenuta solo rassegnandosi a sacrificare scafi di carri come i Panther, privati di torretta per essere più leggeri (Bergerpanther).

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]