Sd.Kfz. 2 kleines Kettenkrad

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Sd.Kfz. 2
Bundesarchiv Bild 101I-725-0184-22, Russland, Soldaten auf Kettenkrad.jpg
Un Kettenkrad fotografato nell'inverno 1943-44 in Unione Sovietica
Descrizione
Equipaggio 3
Dimensioni e peso
Lunghezza 3,00 m
Larghezza 1,20 m
Altezza 1,00 m
Peso 1,280 t
Propulsione e tecnica
Motore Opel Olympia 38 a benzina
Potenza 36 hp
Rapporto peso/potenza 28,13 hp/t
Trazione semicingolata
Prestazioni
Velocità 70 km/h
Autonomia 250 km
Armamento e corazzatura
Armamento primario nessuno
Corazzatura nessuna
Note [1]

[senza fonte]

voci di carri armati presenti su Wikipedia

Il Kettenkrad (nome completo in tedesco: Kleines Kettenkraftrad Typ HK 101, tradotto "piccolo veicolo cingolato HK 101", designazione militare: Sonderkraftfahrzeug 2 Sd.Kfz. 2, ovvero "veicolo speciale 2") era un semicingolato tedesco con parte anteriore simile a una motocicletta. Fu fabbricato dalla NSU Motorenwerke AG a Neckarsulm tra il 1940 e il 1945 per le forze armate tedesche impegnate nella seconda guerra mondiale ed era il mezzo adibito a trattore più piccolo a loro disposizione.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Il veicolo inizialmente era conosciuto come NSU-101 e fu concepito come veicolo per il trasporto di cannoni da 37mm Pak36/37 controcarro, a supporto delle unità aviotrasportate tedesche, pezzi che erano abbastanza leggeri da essere trainati da un mezzo del genere.[1]

La sua esistenza, però, prese un’altra piega. Il veicolo era dotato di una struttura cingolata con 6 ruote a raggiera (3) e con fori di alleggerimento (3); il condutture sedeva quasi al centro del veicolo e lo manovrava tramite un manubrio molto simile a quello di una motocicletta. Il Sd.Kfz. 2 poteva trasportare anche 2 uomini seduti dietro, i serventi del cannone, oppure fungere da trasporto materiale, grazie alla sua capacità di rimorchio fino a 450 kg, che però fu giudicata troppo esigua dall'esercito tedesco, quindi inutilizzabile per il supporto logistico[1].

Sebbene il piccolo veicolo potesse assolvere bene le sue funzioni, veloce e mobile com'era, entrò in servizio giusto nel 1941, quando lo stato maggiore tedesco aveva rinunciato, dopo le gravi perdite subite dalle truppe aviotrasportate nella battaglia di Creta, all’uso di grandi unità paracadutisti in azioni d’attacco. Questo mezzo quindi venne usato come mezzo di collegamento e di trasporto leggero, ed anche come mezzo per stendere cavi telefonici, nella versione SdKfz 2/1, o cavi elettrici nella versione SdKfz 2/2.

Fu progettata anche una nuova versione, l' HK 102, con un aumento di cilindrata, e la possibilità di trasporto di 5 uomini, e per ovviare al problema del poco carico trasportabile, ma il progetto fu abbandonato a causa dell'alto costo di produzione. Così nel 1944 finì la produzione anche dell'ormai troppo costoso SdKfz 2. I veicoli vennero utilizzati senza risparmio dai tedeschi, ma furono anche oggetto di molto interesse da parte degli Alleati, che non avevano niente di simile.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Chris McNab, Veicoli Militari, L'Airone, 2008

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b c Chris McNab Veicoli Militari

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]