Scudo deflettore (Star Trek)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Lo scudo deflettore è una tecnologia fantascientifica dell'universo di Star Trek. Gli scudi deflettori servono per proteggere una nave stellare dagli attacchi di armi nemiche (propriamente scudo deflettore, deflector shield) o da pericoli naturali (più precisamente deflettore di navigazione, navigational deflector).

Scudo deflettore[modifica | modifica sorgente]

Nonostante i protagonisti di Star Trek preferiscano tentare la strada della diplomazia per risolvere i conflitti in modo non violento, spesso si trovano costretti a difendere la propria astronave da attacchi nemici, che possono avvenire con missili esplosivi (siluri fotonici) o con raggi di energia (phaser o disgregatori). La difesa è rappresentata dagli scudi deflettori (o semplicemente scudi), barriere di energia.

La loro implementazione è variabile a seconda della tecnologia della specie aliena che li ha costruiti, ma generalmente sono "bolle" invisibili attorno alle astronavi, e se ne ha una qualche visione (più o meno parziale) solo nel momento in cui vengono colpiti. Gli scudi non riescono a fermare tutti gli attacchi, alcuni vengono semplicemente smorzati. Astronavi più grandi ne hanno via via di più efficaci. Man mano che subiscono colpi, gli scudi si indeboliscono, fino a lasciare l'astronave senza difese. Anche se sono invisibili agli occhi, i sensori sono in grado di stabilire lo stato degli scudi delle altre astronavi.

Gli scudi deflettori, oltre a proteggere l'astronave dalle armi nemiche, impediscono il teletrasporto da e verso l'astronave stessa. Tuttavia, numerose specie aliene dispongono del teletrasporto subspaziale, in grado di trasferire materia ad anni luce di distanza e di superare gli scudi deflettori delle navi della Federazione.

Gli scudi deflettori sono impostati su una certa frequenza d'onda (variabile da astronave ad astronave): conoscendola, è possibile attraversarli completamente con i phaser (settandoli sulla stessa frequenza).

Nella serie Star Trek: Enterprise, ambientata prima delle altre, gli umani non possiedono ancora gli scudi deflettori e per prepararsi agli scontri "polarizzano le corazze", tecnica più rudimentale e meno efficace.

Deflettore di navigazione[modifica | modifica sorgente]

Un deflettore di navigazione (o semplicemente deflettore) permette alle navi stellari di procedere nello spazio senza scontrarsi con eventuali corpi solidi.

Benché lo spazio interstellare sia considerato vuoto c'è una notevole quantità di materia. Molta di questa materia è presente in forma di singoli atomi o di ioni, ma si possono trovare anche micrometeore e altri piccoli detriti; ad alte velocità lo scontro con un detrito può causare gravi danni ad una nave.

Sulle navi della Federazione dei Pianeti Uniti i deflettori sono grandi porzioni concave di scafo posizionate in modo da avere visuale libera in fronte alla nave; di solito sono posizionati davanti alla sezione ingegneria e spesso sono abbinati ad un gruppo di sensori.

Funzionamento[modifica | modifica sorgente]

Nel deflettore viene creato un flusso di gravitoni che è inviato al distorsore di campo che li proietta all'esterno della nave. Il distorsore crea due campi principali:

  • uno, a circa 2 chilometri davanti alla nave, a bassa energia in grado di fermare atomi e particelle subatomiche,
  • l'altro, a poche centinaia di metri dallo scafo, serve per deviare le micrometeore e le particelle che hanno attraversato il primo campo.

Inoltre, ne esistono altri tre intermedi.

Tutto ciò che viene a contatto con il campo deflettore "scivola" sul campo stesso scorrendo dietro alla nave.

Il deflettore non ha alcuna influenza sui phaser o su corpi relativamente grandi (oggetti di oltre un metro di diametro penetrano i deflettori).

Componenti del deflettore[modifica | modifica sorgente]

  • Generatori di sorgenti ridondanti ad alta potenza di gravitoni polarizzati: alimentano gli amplificatori di distorsione di campo subspaziale.
  • Distorsori di campo subspaziale: dirigono e focalizzano il flusso di gravitoni in modo da creare un campo di gravitoni all'esterno della nave.

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

Star Trek Portale Star Trek: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Star Trek