Scuderia Toro Rosso STR2

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Toro Rosso STR2
Toro Rosso STR2 2007 London.jpg
Descrizione generale
Costruttore bandiera  Toro Rosso
Categoria Formula 1
Squadra Scuderia Toro Rosso
Progettata da Adrian Newey
Sostituisce Toro Rosso STR1
Sostituita da Toro Rosso STR3
Descrizione tecnica
Meccanica
Telaio Monoscocca con struttura in materiale composito
Motore Ferrari 056 V8 di 90° 2398 cc
Trasmissione Cambio longitudinale, semiautomatico 7 rapporti
Altro
Carburante Shell
Pneumatici Bridgestone Potenza
Risultati sportivi
Debutto Gran Premio d'Australia 2007
Piloti (STR2) 18. Vitantonio Liuzzi,
19. Scott Speed, Sebastian Vettel
(STR2B) 14. Sébastien Bourdais,
15. Sebastian Vettel
Palmares
Corse Vittorie Pole Giri veloci
22 0 0 0

La Scuderia Toro Rosso STR2 (o Toro Rosso STR2) è un'automobile monoposto sportiva di Formula 1, che ha gareggiato nella stagione 2007. Venne iscritta dalla Scuderia Toro Rosso, anche se il progetto era sostanzialmente identico a quello della Red Bull RB3. I piloti che la portarono in gara furono Vitantonio Liuzzi, Scott Speed e Sebastian Vettel. Per la prima fase della stagione 2008, la Scuderia Toro Rosso ha fatto correre una versione modificata della STR2, denominata STR2B, adattata ai regolamenti in vigore, in attesa di far debuttare la STR3.

La vettura[modifica | modifica wikitesto]

La vettura provocò delle perplessità dalla sua apparizione, in febbraio. Era infatti una copia della vettura messa in pista dall'altra squadra di proprietà della Red Bull, ossia la Red Bull RB3. La differenza principale fra le due vetture era la motorizzazione: la vettura della Red Bull montava infatti un motore Renault V8, mentre quella della Toro Rosso era spinta dal V8 Ferrari. Essendo il progetto principale quello della vettura "gemella", era ottimizzato per il motore Renault, e le modifiche necessarie per alloggiare il Ferrari ed i relativi accessori, per forza di cose, aveva portato a dei compromessi. Considerato comunque che nel 2006 la Toro Rosso aveva corso con un telaio del 2005 adattato ai nuovi regolamenti, ed un motore limitato, la STR2 rappresentava comunque un deciso progresso, almeno sulla carta. Disponeva di sospensioni con triangolo superiore ed inferiore e puntoni in carbonio, con barre di torsione e barre anti-rollio.

Le controversie legali[modifica | modifica wikitesto]

Alcuni concorrenti del Mondiale di Formula 1 protestarono vivacemente contro la Scuderia Toro Rosso, contestando la violazione del Patto della Concordia. In particolare Spyker e Williams furono i più accesi sostenitori del fatto che la regola, secondo cui ogni concorrente deve realizzare il proprio telaio, fosse stata infranta dalla scuderia faentina, ed anche dalla Super Aguri, che correva con un telaio identico a quello usato l'anno precedente dalla Honda.

In realtà il progettista, Adrian Newey, non era dipendente di nessuna delle due squadre coinvolte, Red Bull Racing e Toro Rosso, ma lavorava per un terzo soggetto, denominato Red Bull Technology. In questo modo, ognuno dei due concorrenti utilizzava un telaio progettato da un soggetto esterno, in maniera del tutto legale.

La Spyker sporse anche reclamo, contro la Toro Rosso, al Gran Premio di Malesia, come aveva già fatto in Australia contro la Super Aguri. I commissari dell'evento decisero però di non procedere, in quanto la violazione non era relativa al regolamento tecnico o sportivo FIA, ma riguardava il Patto della Concordia[1][2].

La stagione 2007[modifica | modifica wikitesto]

Il lancio della vettura avvenne sul circuito di Barcellona, il 13 febbraio 2007[3]. Benché i piloti rimanessero quelli dell'anno precedente, l'annuncio dell'ingaggio di Liuzzi fu dato contestualmente al lancio della vettura[4], mentre quello di Speed avvenne successivamente, il 24 febbraio[5].

I test preliminari vennero condotti sia sul circuito tradizionale di Barcellona, sia su quello di Sakhir, sede del Gran Premio del Bahrain. Lo sviluppo della vettura fu per alcuni versi "parallelo" a quello della RB3: a Monaco venne introdotto un profilo supplementare ai lati del muso, analogo a quello introdotto dalla scuderia Red Bull nella gara precedente[6][7]. La successiva evoluzione fu l'unione di questi due profili aggiuntivi in un profilo unico, formante un arco sopra il muso, come già fatto da McLaren e Williams. In questo caso, fu la STR2 a provare per prima in pista la soluzione, al Gran Premio del Belgio, mentre la RB3 introdusse la stessa innovazione per la trasferta in Estremo Oriente (Giappone e Cina)[8]. Sempre nel finale di stagione la Toro Rosso introdusse anche una pinna sul cofano motore, simile a quelle usate da BMW e Ferrari, per migliorare il flusso d'aria diretto all'ala posteriore e la stabilità generale della vettura[9]. Oltre a queste modifiche sostanziali, nel corso della stagione vennero introdotte modifiche minori, in particolare agli elementi aerodinamici necessari per l'adattamento della vettura alle diverse tipologie di circuiti[10].

Risultati completi[modifica | modifica wikitesto]

Team Vettura Motore Gomme Pilota AUS MAL BAH SPA MON CAN USA FRA GBR EUR HUN TUR ITA BEL JPN CHN BRA Pnt Pos
Italia Toro Rosso-Ferrari Italia STR02 Italia Ferrari V8 B Italia Vitantonio Liuzzi 18 14 17 Rit Rit Rit Rit 17 Rit 16 Rit Rit 15 17 12 9 6 13 8 7
B Stati Uniti Scott Speed 19 Rit 14 Rit Rit 9 Rit 13 Rit Rit Rit
B Germania Sebastian Vettel 19 16 19 18 Rit Rit 4 Rit

Il modello STR2B[modifica | modifica wikitesto]

La relativa stabilità regolamentare permise alla Scuderia Toro Rosso di prendere parte alle prime gare della stagione 2008 con una vettura, denominata STR2B, che consisteva nell'adattamento della STR2 alle novità previste dal regolamento. In questo modo era possibile proseguire lo sviluppo della vettura successiva, la STR3, che avrebbe fatto il suo debutto nel prosieguo della stagione.

L'area di maggior sviluppo, rispetto al modello STR2, fu quello della trasmissione, in quanto la stagione precedente aveva visto entrambe le squadre del gruppo Red Bull alle prese con problemi di affidabilità al cambio. Inoltre, il regolamento prevedeva, a partire dal 2008, che il cambio dovesse durare quattro gare, per non incorrere in penalità. Insieme al cambio, la necessità di montare la centralina elettronica unificata richiese lo sviluppo della parte telaistica, per far fronte all'assenza di traction control e freno motore. Da ultimo, vennero ingrandite le protezioni ai lati del casco[11].

La stagione 2008[modifica | modifica wikitesto]

Le prime gare della stagione 2008, per la Scuderia Toro Rosso, furono piuttosto deludenti, considerato il vantaggio di non aver dovuto mettere in pista una vettura nuova. Gli arrivi furono complessivamente tre, di cui uno a punti (Bourdais nella gara inaugurale, dove venne classificato nonostante non fosse giunto al traguardo), su 10 partecipazioni complessive. In alcuni casi ci furono problemi di affidabilità, ma diversi ritiri furono causati da contatti nelle prime fasi di gara, spesso in mezzo al gruppo.

Il team prevedeva di far debuttare la STR3 già al Gran Premio di Turchia, ma l'incidente di Bourdais nei test della nuova vettura, oltre alla scarsa dotazione di ricambi, costrinse la squadra a posticipare il debutto al Gran Premio di Monaco.

Note[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Formula 1 Portale Formula 1: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Formula 1