Scrittura indu

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Sigillo che mostra la semplice impressione di cinque caratteri..
Collezione di sigilli.

Il termine scrittura indu (altrimenti detta scrittura Harappa) si riferisce a brevi stringhe di simboli connessi con la Civiltà della valle dell'Indo, in uso durante il periodo Harappa maturo, tra il XXVI e il XX secolo a.C. Non è generalmente accettato che questi simboli rappresentassero una scrittura utilizzata per registrare la lingua, e l'argomento rimane controverso. Nonostante i molti tentativi di decifrazione e le dichiarazioni, [1] essa rimane ancora indecifrata e nessun linguaggio di base è stato identificato. Non è nota alcuna iscrizione bilingue.

La prima pubblicazione del sigillo Harappa risale al 1873, in un disegno di Alexander Cunningham. Da allora, sono stati scoperti oltre 4.000 oggetti del genere, alcuni lontani come in Mesopotamia. Nei primi anni 1970, Iravatham Mahadevan ha pubblicato un corpus sulle scritture indu comprendente circa 3.700 timbri e circa 417 segni distinti in modelli specifici. L'iscrizione contiene in media cinque segni, e la scritta più lunga è lunga solo 17 segni. Egli ha anche stabilito la direzione della scrittura come da destra a sinistra.[2]

Alcuni dei primi studiosi, contemporanei di Cunningham (1877), pensano che si tratti dell'antenata della famiglia di scritture Brahmi. L'idea di Cunningham fu supportata da G.R. Hunter, F. Raymond Allchin ed altri studiosi minori, che continuarono a ritenere la scrittura indu come genitrice della famiglia di scritture Brahmi. Comunque, altri studiosi (compresi Asko Parpola e Iravatham Mahadevan) non si dichiararono d'accordo, sostenendo che lingue Brahmi derivassero dalla scrittura aramaica.

Corpus[modifica | modifica sorgente]

I primi esempi del sistema di simboli si trovano nel contesto del primo periodo Harappa, datato al più presto intorno al XXXIII secolo a.C., secondo un servizio della BBC del 1999.[3] Del periodo Harappa maturo, da circa il 2600 a.C., esistono numerose stringhe di caratteri in scrittura indu, in fogge piatte, rettangolari, timbri, ma si trovano anche su almeno una dozzina di altri materiali, tra cui oggetti, tavolette in miniatura, lastre di rame e ceramiche.

Tardo periodo Harappa[modifica | modifica sorgente]

Dopo il 1900 a.C., l'uso sistematico dei simboli si concluse, nella fase finale della civiltà Harappa matura. Pochi segni Harappa sono stati rivendicati ad apparire fino al più tardi intorno al 1100 a.C. (l'inizio dell'era del ferro indiana). Esplorazioni vicino Bet Dwarka nelle stato indiano del Gujarat hanno rivelato la presenza ritardata di scritture indu raffigurante un animale con tre teste, vaso di terra cotta con iscrizioni in quello che è affermato essere una scrittura tardo Harappa, e un grande quantità di vasellame simili a ciotole rosse e piatti rossi Ware, piatti con supporto, vasi forati e ciotole incurvate, che sono databili al XVI secolo a.C. a Dwarka, Rangpur e Prabhas. La prova in termoluminescenza per la ceramica a Bet Dvârakâ ha indicato la costruzione intorno al 1528 a.C. Questa prova è stata utilizzata per sostenere che la scrittura tardo Harappa è stata utilizzata fino a circa il 1500 a.C. Altri scavi in India a Vaisali, Bihar e Mayiladuthurai, Tamil Nadu hanno portato al ritrovamento di simboli di scrittura indu in uso ancora nel 1100 a.C.

Nel maggio 2007, il Dipartimento archeologico Tamil Nadu ha trovato vasi con simboli freccia a testa durante uno scavo a Melaperumpallam vicino Poompuhar. Questi simboli, secondo quanto affermato, avevano una sorprendente somiglianza con i sigilli rinvenuti nel Mohenjo-daro negli anni 1920.[4]

In una presunta "decifrazione" dello script, l'archeologo indiano S. R. Rao ha sostenuto che la fase tardiva della scrittura indu rappresentava l'inizio dell'alfabeto. Egli rilevò una serie di sorprendenti analogie nella forma e nella successione fra il tardo Harappa e le lettere dell'alfabeto fenicio, sostenendo che la scrittura fenicia si era evoluta dai simboli Harappa, sfidando la teoria classica che il primo alfabeto era stato il proto-sinaico.[5]

Caratteristiche[modifica | modifica sorgente]

Iscrizione di dieci caratteri da Dholavira

Il sistema di scrittura è in gran parte pittorico, ma include molti segni astratti. La scrittura è pensata per essere stata per lo più scritta da destra a sinistra, ma a volte segue uno bustrofedico. Il numero di segni principali è di circa 400-600, paragonabile al tipico segno di un logogramma. La visione scientifica prevalente sostiene che l'analisi strutturale indica che la lingua è agglutinante, come le lingue dravidiche.[6]

Secondo un articolo di ricercatori che hanno fatto un'analisi completa della scrittura indu al Tata Institute of Fundamental Research e pubblicato sulla rivista coreana Scripta, è stato necessario un tempo e sforzo notevoli, intelletto, estetica, dettaglio di pianificazione e cura per progettare la scrittura indu.[7][8]

Questioni sulla decifrabilità[modifica | modifica sorgente]

In un articolo del 2004, Farmer, Sproat, e Witzel presentarono una serie di argomenti a sostegno della loro tesi che la scrittura indu è non linguistica, fra le cui motivazioni spiccava l'estrema brevità delle iscrizioni, l'esistenza di troppi segni rari, aumentati nel periodo di 700 anni della civiltà Harappa matura, e la mancanza di casuali ripetizioni di segno tipica della rappresentazione del linguaggio attuale parlato (sia a base sillabica che a base di lettera), come si è visto, per esempio, nel cartiglio in Egitto.

Asko Parpola, nel revisionare le tesi di Farmer, Sproat e Witzel, nel 2005, affermò che quanto da loro sostenuto "può essere facilmente contraddetto".[9] Egli cita la presenza di un gran numero di segni rari nel cinese, e sottolinea che vi è "poca ragione per la ripetizione di un segno in brevi testi scritti con un primitivo alfabeto sillabico". Trattando nuovamente la questione in una conferenza del 2007, [10] Parpola confutò dieci punti della teoria di Farmer, presentando dieci sue contro-argomentazioni. Egli affermò che "anche i sintagmi nominali brevi e frasi incomplete possono qualificarsi come scrittura completa se lo scritto utilizza il principio dei rebus e fonetizza alcuni dei suoi segni".

Uno studio computazionale condotto da un gruppo Indo-americano diretto da Rajesh P N Rao dell'Università di Washington, costituito da Iravatham Mahadevan ed altri membri del Tata Institute of Fundamental Research e dell'Institute of Mathematical Sciences, venne pubblicato nell'aprile del 2009 sulla rivista Science.[11] Essi conclusero che "data la prova preliminare di struttura sintattica della scrittura indu, i risultati aumentano la probabilità che lo scritto rappresenti un linguaggio".[12] Farmer, Sproat e Witzel contestarono questo dato, sottolineando che "Rao non aveva effettivamente confrontato i segni della scrittura indu con "sistemi non linguistici del mondo reale", ma piuttosto con "due sistemi di puro artificio inventati dagli autori".[13] In risposta, Rao sottolineò che i due sistemi artificiali "semplicemente rappresentano i controlli, necessari in qualsiasi indagine scientifica, per delineare i limiti di ciò che è possibile." [14] Essi affermano che sistemi non linguistici del mondo reale erano stati infatti inclusi nella loro analisi ("DNA e sequenze proteiche, FORTRAN codice informatico").[15] Farmer comparò un sistema non linguistico (segni araldici medievali) con alcuni linguaggi naturali usando il metodo Rao e concluse che il metodo non poteva distinguere i sistemi linguistici da quelli non linguistici.[16] Rao chiarì che il loro metodo era un ragionamento induttivo e non deduttivo come presunto da Farmer, e il loro risultato, unitamente altri attributi noti dello scritto, aumenta l'evidenza che la scrittura è linguistica, anche se non è provabile.[17] In uno studio successivo[18] pubblicato su IEEE Computer, Rao presentò dei dati che rafforzano la loro originale entropia condizionale,[19] che coinvolgeva analisi su coppie di simboli. Essi mostrano che la scrittura indu è simile ai sistemi linguistici in termini di blocchi entropici, coinvolgendo le sequenze fino a 6 simboli consecutivi.[18]

Una discussione della questione linguistica rispetto a non linguistiche, da parte di Sproat, Rao ed altri è stata pubblicata sulla rivista Computational Linguistics nel dicembre 2010.[20]

Tentativi di decifrazione[modifica | modifica sorgente]

Nel corso degli anni sono state proposte numerose decifrazioni, ma nessuna di esse è stata accettata dalla comunità scientifica. I seguenti fattori sono di solito considerati come i maggiori ostacoli per una decifrazione accettabile:

  • La lingua di base non è stato identificata anche se circa 300 provenienze linguistiche dal Rig Veda sono un buon punto di partenza per il confronto.[21][22]
  • La lunghezza media di una iscrizione è inferiore a 5 segni, mentre la più lunga ne contiene solo 17 (e un timbro di iscrizioni combinate raggiunge al massimo 27 segni).[23]
  • Non sono mai stati trovati testi bilingue (come la stele di Rosetta).

Il tema è popolare tra i ricercatori dilettanti, e ci sono state diverse dichiarazioni di decifrazione (mutuamente escluse). Nessuna di queste proposte ha trovato riconoscimento accademico.[24]

Ipotesi dravidiana[modifica | modifica sorgente]

Lo studioso russo Yuri Knorozov ipotizzò che i simboli rappresentano un logogramma e ha suggerì, sulla base di un'analisi al computer, un agglutinante lingua dravidica come candidata più probabile per il linguaggio di base.[25] Il suggerimento di Knorozov è stato preceduto dal lavoro di Henry Heras, che suggerì diverse letture dei segni sulla base di un presupposto proto-dravidico.[26]

Lo studioso finlandese Asko Parpola ha guidato un gruppo di studi finlandese nel periodo fra gli anni 1960 e 1980 che gareggiarono con il gruppo sovietico di Knorozov nell'indagare la scrittura utilizzando l'analisi al computer. Sulla base di un presupposto proto-dravidico, hanno proposto letture di molti segni, per alcuni dei quali concordando con le letture suggerite da Heras e Knorozov (come equiparare il segno "pesce" con la parola dravidica per il pesce "min"), ma in disaccordo su diverse altre letture. Una descrizione completa del lavoro di Parpola fino al 1994 è esposta nel suo libro Decifrare la scrittura indu.[27] La scoperta, nel Tamil Nadu di una stele tardo neolitica (inizio II millennio a.C., cioè post-datazione del periodo di declino di Harappa), avrebbe portato alla determinazione che i segni indu potessero derivare da una radice dravidica.[28][29] Tuttavia, la loro identificazione come segni indu è stata contestata.,

Iravatham Mahadevan, che sostiene l'ipotesi dravidica, dice, "noi speriamo si possano provare che le radici proto-dravidiche della lingua Harappa e quelle delle lingue dravidiche del sud dell'India sono simili. Questa è una ipotesi [...] Ma non mi illudo che riuscirò a decifrare la scrittura indu, né ho alcun rimpianto."[30]

Ipotesi sanscritica[modifica | modifica sorgente]

Shikaripura Ranganatha Rao dichiarò di aver decifrato la scrittura indu. Postulando l'uniformità della scrittura in tutta l'estensione della civiltà indu, la paragonò all'alfabeto fenicio, e assegnò valori fonetici in base a questo confronto. I suoi risultati delle decifrazioni in "sanscrito", comprendevano i numeri aeka, tra, chatus, panta, happta/sapta, dasa, dvadasa, sata (1, 3, 4, 5, 7, 10, 12, 100).

Mentre gli studiosi tradizionalisti sono generalmente d'accordo con l'approccio di Rao al confronto, i dettagli della sua decifrazione non sono stati accettati, e la scrittura è ancora generalmente considerata indecifrata. John E. Mitchiner, dopo aver respinto alcuni tentativi più fantasiosi di decifrazione, ricorda che si tratta di "un tentativo fondato su solide basi, ma ancora fortemente soggettivo e poco convincente per discernere una base indoeuropea nella scrittura, come proposto da Rao".[31]

In una intervista del 2002 rilasciata a The Hindu, Rao affermò la sua fiducia nella decifrazione, dicendo che "Recentemente abbiamo confermato che si tratta sicuramente di una lingua indo-ariana e l'abbiamo decifrata. Il prof. WW Grummond della Florida State University, ha scritto nel suo articolo che io la ho già decifrata."[32]

Codifica[modifica | modifica sorgente]

Alla scrittura indu è stata assegnata la codifica ISO 15924 "Inds".Essa è stata proposta per la codifica Unicode Supplementary Multilingual Plane nel 1999; comunque, il Consorzio Unicode ha ancora la proposta in lista di attesa.[33]

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ (Possehl, 1996)
  2. ^ Write signs for Indus script?, Nature India, 31 maggio 2009. URL consultato il 1º giugno 2009.
  3. ^ Whitehouse, David (1999) 'Earliest writing' found BBC
  4. ^ T. S. Subramaniam, From Indus Valley to coastal Tamil Nadu in The Hindu (Chennai, India), 1º maggio 2006. URL consultato il 23 maggio 2008.
  5. ^ Robinson, Andrew. Lost Languages: The Enigma of the World's Undeciphered Scripts. 2002
  6. ^ Frank Raymond Allchin e George Erdosy, The archaeology of early historic South Asia: the emergence of cities and states, Cambridge University Press, 1995, ISBN 978-0-521-37695-2. URL consultato il 21 agosto 2011.
    «Una seconda importante considerazione è che quasi tutti i tentativi scientifici fatti per individuare la lingua delle iscrizioni indu sono d'accordo (con 1-2 eccezioni) che le prove per il suo essere strutturalmente ancestrale delle lingue dravidiche. Mentre è da aspettarsi che le iscrizioni dei sigilli, se e quando verranno decifrate, possono contenere parole in prestito dalla lingua indo-ariana e forse altri linguaggi, la probabilità rimane che la struttura di fondo sia la lingua dravidica.».
  7. ^ Indus script designed with care, say TIFR researchers, Mihika Basu, Mar 18 2012, indianexpress.com
  8. ^ Indus Script: A Study of its Sign Design, Nisha Yadav1 and M. N. Vahia, Tata Institute of Fundamental Research, Mumbai
  9. ^ (Parpola, 2005, p. 37)
  10. ^ (Parpola, 2008).
  11. ^ Rajesh P. N. Rao, Nisha Yadav, Mayank N. Vahia, Hrishikesh Joglekar, R. Adhikari, and Iravatham Mahadevan, Entropic Evidence for Linguistic Structure in the Indus Script published online 23 April 2009 DOI: 10.1126/science.1170391 (in Science Express Brevia)
  12. ^ http://www.cs.washington.edu/homes/rao/ScienceIndus.pdf A discussion of the Rao et al. paper can be found here
  13. ^ A Refutation of the Claimed Refutation of the Non-linguistic Nature of Indus Symbols: Invented Data Sets in the Statistical Paper of Rao et al. (Science, 2009) Retrieved on September 19, 2009.
  14. ^ Rebuttal of Sproat, Farmer, et al.’s supposed "refutation". Retrieved on June 23, 2011.
  15. ^ (Rao et al., 2009)
  16. ^ 'Conditional Entropy' Cannot Distinguish Linguistic from Non-linguistic Systems Retrieved on September 19, 2009.
  17. ^ Entropy, the Indus Script, and Language: A Reply to R. Sproat Retrieved on June 23, 2011.
  18. ^ a b (Rao, 2010).
  19. ^ (Rao et al., 2009).
  20. ^ http://www.mitpressjournals.org/toc/coli/36/4 Computational Linguistics, Volume 36, Issue 4, December 2010.
  21. ^ FBJ Kuiper, Aryans in the Rigveda, Amsterdam/Atlanta 1991
  22. ^ M. Witzel underlines the prefixing nature of these words and calls them Para-Munda, a language related to but not belonging to Proto-Munda; vedere: Witzel, M. Substrate Languages in Old Indo-Aryan (Ṛgvedic, Middle and Late Vedic), EJVS Vol. 5,1, 1999, 1-67
  23. ^ Longest Indus inscription
  24. ^ Vedi Egbert Richter e N. S. Rajaram ad esempio.
  25. ^ (Knorozov 1965)
  26. ^ (Heras, 1953)
  27. ^ (Parpola, 1994)
  28. ^ (Subramanium 2006; si veda anche A Note on the Muruku Sign of the Indus Script in light of the Mayiladuthurai Stone Axe Discovery by I. Mahadevan (2006)
  29. ^ Significance of Mayiladuthurai find
  30. ^ Interview at Harrappa.com
  31. ^ J.E. Mitchiner: Studies in the Indus Valley Inscriptions, p.5, with reference to S.R. Rao: Lothal and the Indus Civilisation (ch.10), Bombay 1973.
  32. ^ Rao si riferisce a una dichiarazione di W.W. De Grummond, del Department of Classics, Florida State University, secondo la quale "la decifrazione del dottor Rao della scrittura indu ha riscosso una notevole accettazione e servirà come base per un ulteriore e continuo studio della lingua dell'antica civiltà della valle dell'Indo", in "Linguistic Affinities of Old Indo-Aryan with Classical Greek and Latin", B.U. Nayak, N.C. Ghosh (eds.) New Trends in Indian Art and Archaeology: S.R. Rao's 70th birthday felicitation volume, Aditya Prakashan (1992), pp. 133-139. ISBN 81-85689-12-1
  33. ^ Everson 1999 and [1]

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]