Screen Gems

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Screen Gems
Stato Stati Uniti Stati Uniti
Tipo Sussidiaria
Fondazione 1940 (come studio di animazione)
1948 (come sussidiaria televisiva)
1999 (come studio cinematografico) a Hollywood, Los Angeles, California
Gruppo Sony Pictures Entertainment
Settore Cinematografica

La Screen Gems è una compagnia statunitense sussidiaria della Sony Pictures Entertainment, che ha servito diversi scopi per la sua società madre nel corso dei decenni dopo la sua incorporazione.

Studio d'animazione: 1940–1946[modifica | modifica wikitesto]

Per un intero decennio Charles B. Mintz distribuì i suoi Krazy Kat, Scrappy, e Color Rhapsody brevi cortometraggi animati attraverso la Columbia Pictures. Quando Mintz si indebitò con la Columbia nel 1939, fu costretto a vendergli i suoi studios. Sotto la nuova gestione, lo studio assunse un nuovo nome, Screen Gems. Jimmy Bronis, direttore di produzione di Mintz divenne il capo degli studi, ma poco dopo fu sostituito da George Winkler, cognato di Mintz. Successivamente, la Columbia decise di fare "piazza pulita" sostituendo la maggior parte del personale (compreso Winkler) e assumendo il talentuoso fumettista, Frank Tashlin. Il soggiorno di Tashlin fu però breve e infatti venne sostituito da Dave Fleischer, dopo altri successori fu la volta di Ray Katz e Henry Binder dalla Warner Bros.. Gli animatori, i registi, gli scrittori delle serie erano persone del calibro di Art Davis, Sid Marcus, Bob Wickersham, e negli ultimi anni della sua carriera anche Bob Clampett. Gli studi avevano molti personaggi nella loro scuderia. Questi includevano Flippy, Willoughby Wren, e Tito e il suo Burrito. Tuttavia, i personaggi di maggior successo dello studio sono stati La Volpe e il Corvo, un duo comico formato appunto di una furba Volpe e un saggio Corvo.

La Screen Gems è da ricordare anche per essere stata, nel tentativo di contenere i costi, l'ultimo studio di animazione americano a cessare la produzione in bianco e nero di cartoni animati. L'ultimo cartone in bianco e nero della Screen Gems è apparso nel 1946. Nel corso di quello stesso anno, lo studio chiuse le sue porte, anche se i loro prodotti di animazione continuano ad essere distribuiti fino al 1949.

I cartoni della Screen Gems ebbero comunque un successo modesto se paragonati a quelli della Disney, Warner Bros., o MGM. Gli scopi dello studio furono assunti da un produttore esterno, United Productions of America (UPA), i quali cartoni, inclusi Gerald McBoing Boing e Mr. Magoo, erano dei successi di critica e commerciali maggiori.

Filiale televisiva: 1948–1974[modifica | modifica wikitesto]

Nel 1948, la Screen Gems fu rianimata per servire come la sussidiaria televisiva controllata dalla Columbia, per la produzione e la trasmissione di popolari show, e anche per trasmettere in televisione programmi appartenenti alla videoteca della Columbia Pictures, compresa la serie di successo che aveva come protagonisti i Three Stooges verso la fine degli anni cinquanta. In precedenza, avevano anche acquisito i diritti di trasmissione di un pacchetto di film horror della Universal, che ebbe un enorme successo nel rilancio di questo genere. L'ultima produzione notevole di questa incarnazione della Screen Gems è stato la mini-serie del 1974 QB VII.

Dal 1958 fino a tutto il 1974, sotto il Vice Presidente di Produzione Harry Ackerman, la Screen Gems rilasciò classiche sitcom quali: Father Knows Best, Dennis the Menace, The Donna Reed Show, Hazel, Gidget, Vita da strega, Strega per amore, The Monkees, e The Partridge Family. Fu inoltre anche l'originale distributore delle produzioni di Hanna-Barbera, uno studio di animazione fondato da William Hanna e Joseph Barbera dopo aver lasciato la Columbia.

Nei tardi anni cinquanta la Screen Gems, si lancia nella trasmissione. Le stazioni che sarebbero state di proprietà di Screen Gems nel corso degli anni sono: la KCPX (Salt Lake City), WVUE (New Orleans), WAPA (San Juan), WNJU (Linden, NJ), e alcune stazioni radio compresa la WWVA (Wheeling WV).

Nel 1974, il nome Screen Gems viene ritirato e la filiale televisiva della Columbia diventa Columbia Pictures Television. Cambiamenti nella proprietà aziendale della Columbia avvennero nel 1982, quando la Coca-Cola Company acquistò la società, ma comunque continuò a lavorare sotto il nome di CPT. A metà degli anni 1980, la Coca-Cola riorganizzato le sue partecipazioni televisive per creare la Coca-Cola Television, fondendo la CPT con la l'unità televisiva della Embassy Communications formando la Columbia/Embassy Communications, anche se entrambe le società continuarono ad utilizzare distinte identità fino al 1988, quando questa (Columbia/Embassy Communications) e la TriStar Television furono riuniti sotto il nome CPT. Nel 1989 la Columbia Pictures fu acquistata dalla Sony. Nel 1991 quindi, la Columbia Pictures Entertainment fu rinominata Sony Pictures Entertainment diventando una sussidiaria di produzione e distribuzione cinematografica. Successivamente nel 1994, fuse la CPT con la rinata TriStar television formando la Columbia TriStar Television.

La divisione televisiva di oggi è attualmente conosciuta come Sony Pictures Television.

TV shows selezionati[modifica | modifica wikitesto]

Programmi televisivi prodotti e/o trasmessi dalla Screen Gems (molti show prodotti dalla Hanna-Barbera sono adesso di proprietà e distribuiti dalla Warner Bros. Television, ad eccezione di Jeannie):

Studio speciale per lungometraggi, 1999–Presente[modifica | modifica wikitesto]

Nel settembre del 2002, la Columbia TriStar Television diviene Sony Pictures Television, mentre tre anni prima, nel 1999, la Screen Gems venne resuscitata come il secondo braccio speciale di produzione cinematografica, della Sony Columbia TriStar Motion Picture Group, dopo la Sony Pictures Classics. Simile alla Dimension Films, la Screen Gems produce e distribuisce film di fantascienza, horror, per teenager, farsa o etnici a basso budget che mirano ad un target più ristretto rispetto alle principali uscite della Columbia TriStar, anche se ha iniziato come studio sorella della Sony Pictures Classics, che produce film più maturi, ed intellettuali.

Il film con maggior successo commerciale della Screen Gems del 2007 è stato Resident Evil: Extinction, che ha incassato $144,472,642 nei box-office di tutto il mondo.

Screen Gems film[modifica | modifica wikitesto]

EUE/Screen Gems[modifica | modifica wikitesto]

Screen Gems non deve essere confusa con EUE/Screen Gems LTD e EUE/Screen Gems Studios.

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi EUE/Screen Gems.

EUE/Screen Gems LTD possiede e gestisce impianti di produzione televisiva e cinematografica a Wilmington, in North Carolina e a New York. Ed anche una delle società con maggior successo commerciale al mondo.

Una divisione della EUE/Screen Gems collabora con le sedi globali e con le agenzie pubblicitarie per lo sviluppo, la produzione, la commercializzazione e la distribuzione di filmati di intrattenimento per tutti i media - compresi teatri, cinema, televisione, e contenuti digitali per il Web e le piattaforme mobili.

Le serie One Tree Hill della CW Network show e oltre 300 film, pubblicità e progetti televisivi sono stati girati negli studi di Wilmington. Mentre il Rachel Ray Show è prodotto per la CBS Productions nelle strutture di New York che a partire dal 1965 hanno ospitato centinaia di produzioni.

EUE/Screen Gems Studios[modifica | modifica wikitesto]

EUE/Screen Gems Studios a Wilmington, fu costruito da Dino De Laurentiis nel 1984. Operava sotto il nome di DEG (DeLaurentiis Entertainment Group) fino al 1990, quando fu acquistato dalla Carolco (produttrice dei film di Terminator).

George Cooney, proprietario della EUE/Screen Gems, acquistò gli studi di Wilmington nel 1996 e li rinominò EUE/Screen Gems Studios. Nel 1998, è stato costruito un nono capannone a Wilmington e recentemente sono stati acquistati 4 ettari adiacenti per future espansioni.

La compagnia e la Columbia Pictures[modifica | modifica wikitesto]

Nel 1965, la Columbia Pictures acquista il 50 per cento della società EUE con sede a New York. A quel tempo la Screen Gems era la divisione della Columbia Pictures dedita alla produzione televisiva. La società commerciale fu incorporata nella divisione televisiva e rinominata EUE/Screen Gems.

Nel 1982, la Columbia fu venduta alla Coca-Cola. Quindi la EUE/Screen Gems e l'impianto di produzione di New York furono venduti per lungo tempo all'esecutivo della Columbia Pictures, George Cooney.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Screen Gems Network

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]