Scouting

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Una guida impegnata in una prova di topografia

Lo scouting è un atteggiamento di proiezione verso l'ignoto, animato dal gusto di esplorare, che spinge ad andare oltre la frontiera. I bambini, i ragazzi, e i giovani imparano facendo, privilegiando l'esperienza attraverso l'esercizio continuo dell'osservazione, della deduzione e dell'azione. Questo atteggiamento si realizza prevalentemente attraverso l'acquisizione di abilità e di tecniche scout.

Il termine fu introdotto dal fondatore del movimento scout Robert Baden-Powell per riferirsi all'arte dell'uomo dei boschi e degli esploratori delle terre selvagge, ed è il nome con cui viene chiamato in generale il movimento scout. In italiano il termine può essere tradotto parlando di "tecniche scout".

Le tecniche a cui ci si riferisce parlando genericamente di scouting sono:

  • Pioneristica o campismo: tecnica che permette di adattare spazi naturali alle esigenze della vita quotidiana, usando quello che la natura fornisce.
  • Froissartage: tecnica di costruzione senza chiodi, viti o legature.
  • Cucina trapper: tecnica per cucinare in assenza di qualunque utensile da cucina.
  • Orienteering: tecnica di orientamento con e senza bussola.
  • Meteorologia: previsione del tempo per essere preparati.
  • Naturalismo: conoscenza della natura intellettivamente e dal punto di vista utilitaristico.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]