Scotophilus borbonicus

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Progetto:Forme di vita/Come leggere il tassoboxCome leggere il tassobox
Scotophilus borbonicus
Immagine di Scotophilus borbonicus mancante
Stato di conservazione
Status none DD.svg
Dati insufficienti[1]
Classificazione scientifica
Dominio Eukaryota
Regno Animalia
Phylum Chordata
Classe Mammalia
Superordine Laurasiatheria
Ordine Chiroptera
Sottordine Microchiroptera
Famiglia Vespertilionidae
Sottofamiglia Vespertilioninae
Genere Scotophilus
Specie S.borbonicus
Nomenclatura binomiale
Scotophilus borbonicus
E.Geoffroy, 1803
Sinonimi

Vespertilio borbonicus

Areale
Distribution of Scotophilus borbonicus.png

Scotophilus borbonicus (E.Geoffroy, 1803) è un pipistrello della famiglia dei Vespertilionidi diffuso nel Madagascar e sull'isola di La Réunion.[1][2]

Etimologia[modifica | modifica wikitesto]

L'epiteto specifico deriva dall'antico nome Île Bourbon con il quale era conosciuta La Réunion fino alla Rivoluzione francese.

Descrizione[modifica | modifica wikitesto]

Dimensioni[modifica | modifica wikitesto]

Pipistrello di medie dimensioni, con la lunghezza dell'avambraccio tra 51 e 52 mm, la lunghezza della coda di 47 mm, la lunghezza del piede di 9 mm e la lunghezza delle orecchie di 13 mm.[3]

Aspetto[modifica | modifica wikitesto]

La pelliccia è relativamente lunga. Le parti dorsali sono bruno-olivastre, mentre le parti ventrali e la gola sono bianco-giallastre. Il muso è corto e tozzo. Le orecchie sono corte, arrotondate, con il bordo posteriore diritto e un piccolo lobo alla base. Il trago è lungo, inclinato in avanti, con l'estremità arrotondata ed un peduncolo alla base. La coda è lunga ed è completamente inclusa nell'ampio uropatagio.

Biologia[modifica | modifica wikitesto]

Comportamento[modifica | modifica wikitesto]

Si rifugia probabilmente nelle grotte lungo le coste.

Alimentazione[modifica | modifica wikitesto]

Si nutre di insetti.

Distribuzione e habitat[modifica | modifica wikitesto]

In passato S. borbonicus era abbastanza comune sull'isola di La Réunion, da cui proviene l'olotipo; l'ultima cattura di un esemplare sull'isola risale tuttavia ad oltre 140 anni fa e non si può escludere che la specie sia andata incontro ad estinzione locale. La sua presenza in Madagascar è nota per un unico esemplare raccolto nel 1868 a Sarodrano, vicino Toliara[1][3]. Si tratta invece di un errore l'indicazione di una sua presenza sull'isola di Mauritius.

Stato di conservazione[modifica | modifica wikitesto]

La IUCN Red List, considerato che nonostante siano state effettuate delle ricerche approfondite sull'isola di La Réunion per osservarla senza risultati, che l'ultima cattura è avvenuta più di 140 anni fa e che non ci sono informazioni sufficienti per determinarne la posizione tassonomica poiché l'olotipo è in pessime condizioni, classifica S. borbonicus come specie con dati insufficienti (DD).[1]. Se gli individui conosciuti dovrebbero effettivamente appartenere a questa specie allora potrebbe essere considerata in una categoria più critica od addirittura estinta.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b c d (EN) Andriafidison, D, Cardiff, S.G., Goodman, S.M., Hutson, A.M., Jenkins, R.K.B., Kofoky, A.F., Racey, P.A., Ranivo, J., Ratrimomanarivo, F.H. & Razafimanahaka, H.J. 2008, Scotophilus borbonicus in IUCN Red List of Threatened Species, Versione 2014.3, IUCN, 2014.
  2. ^ (EN) D.E. Wilson e D.M. Reeder, Scotophilus borbonicus in Mammal Species of the World. A Taxonomic and Geographic Reference, 3ª ed., Johns Hopkins University Press, 2005, ISBN 0-8018-8221-4.
  3. ^ a b Goodman SM, Jenkins RKB & Ratrimomanarivo FH, A review of the genus Scotophilus (Mammalia, Chiroptera, Vespertilionidae) on Madagascar, with the description of a new species in Zoosystema, vol. 27, nº 4, 2005, pp. 867-882.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]