Sciurus aberti kaibabensis

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Progetto:Forme di vita/Come leggere il tassoboxCome leggere il tassobox
Scoiattolo del Kaibab[1]
Kaibab Squirrel.jpg
Stato di conservazione
Status none NE.svg
Specie non valutata
Classificazione scientifica
Dominio Eukaryota
Regno Animalia
Phylum Chordata
Classe Mammalia
Ordine Rodentia
Famiglia Sciuridae
Sottofamiglia Sciurinae
Tribù Sciurini
Genere Sciurus
Sottogenere Otosciurus
Specie S. aberti
Sottospecie S. a. kaibabensis
Nomenclatura trinomiale
Sciurus aberti kaibabensis
Merriam, 1904

Lo scoiattolo del Kaibab (Sciurus aberti kaibabensis Merriam, 1904) è una delle sei sottospecie dello scoiattolo di Abert; nell'aspetto morfologico si discosta così tanto da quest'ultimo che in passato veniva considerato una specie a parte. È originario di un'area di 30×60 km dell'altopiano del Kaibab, negli Stati Uniti sud-occidentali.

Descrizione[modifica | modifica wikitesto]

Con un corpo lungo 35 cm e una coda di 25 cm, lo scoiattolo del Kaibab è più grande e robusto dello scoiattolo rosso eurasiatico. Ha il mantello grigio-brunastro brizzolato con sfumature bruno-rossicce. Le parti inferiori sono nere, e le orecchie sono ornate da ciuffi di pelo scuro, che negli esemplari più anziani possono misurare 2,5-5 cm.

Distribuzione e habitat[modifica | modifica wikitesto]

L'intera popolazione di scoiattolo del Kaibab è ristretta alle foreste di pino giallo del margine settentrionale del Parco nazionale del Grand Canyon e della metà settentrionale della Foresta Nazionale del Kaibab, attorno alla cittadina di Jacob Lake (Arizona). Nel 1965, 800 km² dell'areale di questo animale, situati entro i confini del Parco Nazionale del Grand Canyon e della Foresta Nazionale del Kaibab, vennero dichiarati riserva protetta speciale per S. a. kaibabensis.

Lo scoiattolo del Kaibab costituisce un esempio di evoluzione avvenuta per isolamento geografico. Lo scoiattolo di Abert, con le sue sei sottospecie, occupa un areale molto più vasto ed è presente sul margine meridionale del Grand Canyon. La differenza tra gli scoiattoli di Abert del margine settentrionale e quelli di quello meridionale viene comunemente spiegata, erroneamente, con il fatto che il canyon abbia fatto da barriera tra le due popolazioni, impedendo così lo scambio genetico; gli attuali scoiattoli del Kaibab, invece, discendono da popolazioni di scoiattoli di Abert che si dispersero nell'area del Grand Canyon in seguito all'ultima era glaciale. Quando il clima si fece più caldo, i pini gialli e gli scoiattoli di Abert che vivevano nell'area rimasero isolati in regioni più elevate, come appunto l'altopiano del Kaibab. Queste popolazioni isolate pian piano si evolvettero nell'attuale scoiattolo del Kaibab e, quando il clima si fece nuovamente più freddo e i pini gialli riuscirono nuovamente ad attecchire anche a quote meno elevate, le altre sottospecie dello scoiattolo ritornarono nella regione del Grand Canyon, riprendendo possesso della loro vecchia nicchia ecologica sul margine meridionale.

Biologia[modifica | modifica wikitesto]

L'esistenza dello scoiattolo del Kaibab è strettamente correlata alle foreste di pino giallo. Infatti dimora su alberi di questa specie, costruendo nidi fatti di ramoscelli e aghi. Si nutre di ghiande, frutta e funghi, ma soprattutto di semi, corteccia e rametti di pino giallo. I piccoli nascono tra aprile e agosto.

Conservazione[modifica | modifica wikitesto]

La sua consistenza, già limitata, è stata ancora ridotta dai provvedimenti antincendio che impediscono che la foresta bruci creando l'habitat preferito degli scoiattoli. Questa consistenza fluttua notevolmente, come quelle di altri scoiattoli, a causa delle malattie, e più recentemente delle automobili, dato che un certo numero di scoiattoli del Kaibab rimane ucciso ogni anno sulle strade. La sottospecie è severamente protetta dalla legge degli Stati Uniti.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (EN) D.E. Wilson e D.M. Reeder, Sciurus aberti kaibabensis in Mammal Species of the World. A Taxonomic and Geographic Reference, 3ª ed., Johns Hopkins University Press, 2005, ISBN 0-8018-8221-4.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Nigel Sitwell: Wildlife - Das Jahrbuch des Welt-Naturschutzes, Südwest-Verlag, Stuttgart, 1977. ISBN 3-517-00600-9
  • Glover M. Allen: Extinct and vanishing Mammals of the Western Hemisphere, with the Marine species of all the Oceans, 1942
  • Clinton Hart Merriam: Two New Squirrels of the Alberti Group In: Proceedings of the Biological Society of Washington, S. 129–130, 1904

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]


mammiferi Portale Mammiferi: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di mammiferi