Scipione de' Ricci

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Scipione de' Ricci
vescovo della Chiesa cattolica
Scipione de' ricci by carlo lasinio, 1787.jpg
BishopCoA PioM.svg
Nato 19 gennaio 1740
Ordinato presbitero 20 settembre 1766
Consacrato vescovo 25 giugno 1780
Deceduto 27 gennaio 1810

Scipione de' Ricci (Firenze, 19 gennaio 1740Rignana, 27 gennaio 1810) è stato un vescovo cattolico italiano. Fu vescovo di Pistoia e Prato dal 1780 al 1791. Aderì al giansenismo e cercò di riformare la propria diocesi secondo i dettami di tale dottrina.

Biografia[modifica | modifica sorgente]

Nato nel 1740 a Firenze da una nobile famiglia (che tra i propri antenati vantava Santa Caterina de' Ricci), fu educato a Roma presso i Gesuiti. Allo stesso tempo si avvicinò al pensiero giansenista.

Nel 1766, ottenuta la laurea in legge, fu ordinato presbitero. Grazie all'influenza del granduca Pietro Leopoldo fu ordinato vescovo di Pistoia e Prato nel 1780. Cercò di riordinare la propria diocesi abolendo vari ordini religiosi e riformando la struttura parrocchiale (molte antiche chiese nel centro di Pistoia furono sconsacrate e ridotte ad uso civile).

Contrastò il culto del Sacro Cuore e sostenne l'autonomia delle chiese locali. Cercò di affermare il proprio pensiero convocando un sinodo, passato alla storia come Sinodo di Pistoia, promosso assieme al teologo e giurista Pietro Tamburini. L'accoglienza negativa che fu riservata a tale iniziativa, prima dal clero toscano ed in seguito dalla Santa Sede, fece sì che Scipione si trovasse in una posizione sempre più isolata.

Quando, nel 1790, il Granduca divenne Imperatore del Sacro Romano Impero facendo perdere al vescovo anche l'appoggio politico, scoppiarono dei tumulti che lo costrinsero alla fuga ed infine, nel 1791, rinunciò alla diocesi. Nel 1799 dovette ritrattare pubblicamente le proprie idee con un atto di sottomissione. Sperò nel sostegno di Napoleone per tornare alla ribalta, ma il generale francese, che in quel momento stava cercando di realizzare un concordato con il Papa, si tenne ben lontano dal giansenismo. Ritiratosi a vita privata, morì nel 1810.

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

  • Scipione de' Ricci - Agenore Gelli, Memorie di Scipione de' Ricci, vescovo di Prato e Pistoia, Firenze, F. Le Monnier, 1865
  • Natale Rauty, Un aspetto particolare dell'attività del vescovo Ricci: il riordinamento delle parrocchie della diocesi di Pistoia, in Scipione de' Ricci e la realtà pistoiese della fine del Settecento, Pistoia, Edizioni del Comune, 1986
  • C. Lamioni, Il Sinodo di Pistoia del 1786. Atti del convegno internazionale per il secondo centenario. Pistoia-Prato, 25-27 settembre 1986, Roma, Herder, 1991
  • C. Lamioni, Lettere di vescovi e cardinali a Scipione de' Ricci, 1780-1793, Pistoia, Società pistoiese di storia patria, 1988
  • M.Verga - B.Bocchini Camaiani, Lettere di Scipione de' Ricci a Pietro Leopoldo, 1780-1791, Firenze, L. S. Olschki, 1990

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

Predecessore Vescovo di Pistoia e Prato Successore BishopCoA PioM.svg
Giuseppe Ippoliti 1780 - 1791 Francesco Falchi Picchinesi

Controllo di autorità VIAF: 73871177 LCCN: n81061541