Scipio Colombo

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Scipio Colombo

Scipio Colombo (Vicenza, 25 maggio 1910Gernsbach, 13 aprile 2002) è stato un baritono italiano.

Biografia[modifica | modifica sorgente]

Dopo aver iniziato gli studi in filosofia presso l'Università di Padova e una breve esperienza come violinista, trovò finalmente la sua strada nel canto, debuttando nel 1937 nel ruolo di Marcello in La bohème di Giacomo Puccini.

Negli anni della seconda guerra mondiale cantò più volte alla Scala, dove, finito il conflitto, nel 1947 cantò alla prima de L'amore delle tre melarance di Sergej Prokofiev. Altre prime scaligere cui prese parte furono Peter Grimes di Benjamin Britten e I dialoghi delle Carmelitane di Francis Poulenc. Molto apprezzate furono anche le sue performance ne Il prigioniero di Luigi Dallapiccola (1950) e Cagliostro di Ildebrando Pizzetti (1953).

In quegli anni fece anche il suo debutto sulle scene internazionali, cantando alla Staatsoper di Vienna (Tosca di Puccini, Il trovatore e Rigoletto di Verdi), al Covent Garden di Londra (Tosca), ad Aix-en-Provence (Don Giovanni, Le nozze di Figaro e Così fan tutte di Mozart). Scipio Colombo interpretò tutti i grandi ruoli per baritono del repertorio italiano, tra cui Rigoletto, il Conte di Luna, Giorgio Germont, il Conte di Almaviva, Don Giovanni, Guglielmo, Lescaut, Marcello.

Dal 1959 si dedicò all'insegnamento del canto. Controllo di autorità VIAF: 85866409 LCCN: n85076166