Sciovinismo del carbonio

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Lo sciovinismo del carbonio è la tesi secondo la quale, di tutti gli elementi, solo il carbonio può formare l'ossatura molecolare di ogni biochimica concepibile nell'universo.

È una tesi che è emersa degli studi biochimici e delle proiezioni sulla possibilità delle biochimiche ipotetiche.

Questa tesi non è, allo stato, dimostrabile, perché richiede di poter descrivere e studiare, almeno in linea di principio, tutte le possibilità di disposizione di tutti gli elementi possibili, in tutti gli ambienti naturali possibili.

Il termine è stato utilizzato nel 1973, quando lo scienziato Carl Sagan l'ha descritto, assieme ad altri sciovinismi umani che limiterebbero l'immaginazione sulle possibili forme che la vita extraterrestre potrebbe assumere.
Suggerisce che gli esseri umani, in quanto forme di vita a base di carbonio che non hanno mai incontrato altre forme di vita sviluppate al di fuori dell'ambiente della Terra, possano trovare difficile considerare altri tipi di biochimiche.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]