Scimmia Skunk

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Presunta scimmia Skunk in una foto del 2000

La scimmia Skunk è una creatura antropomorfa che secondo leggende metropolitane prive di qualunque fondamento scientifico vivrebbe nel sud degli Stati Uniti [1]. I sostenitori dell'esistenza di tale creatura la definiscono come appartenente alla specie, anch'essa priva di fondamento scientifico, dei cosiddetti criptidi umanoidi. I presunti avvistamenti sarebbero avvenuti nel North Carolina, in Arkansas e in Florida.

Il nome "Skunk" deriva principalmente da alcune credenze che accompagnano il mito della creatura, in questo caso il cattivo odore che emanerebbe (skunk in inglese è la moffetta, comunemente scambiata per la puzzola). In accordo con lo United States National Park Service, vista la mancanza di prove concrete sulla sua reale esistenza, è considerato un mito locale. [2]

Presunti avvistamenti[modifica | modifica sorgente]

Relazioni sul primate sono state riportate in maniera consistente tra gli anni '60 e '70. Nell'autunno del 1974, in particolare, nell'area della Contea di Miami-Dade (Florida), la sua presenza fu segnalata nelle zone suburbane, accompagnata dalle prime descrizioni: creatura scimmiesca, stazza possente, cattivo odore, bipede.

Nel 2000 furono inviate in forma anonima al Dipartimento dello Sceriffo di Sarasota (Florida) due fotografie accompagnate dalla lettera [3] di una signora che si dichiarava autrice degli scatti. La donna spiegava come la creatura scimmiesca fosse entrata nella sua proprietà per tre notti a prendere le mele che lei teneva sul paniere nel portico; pensava però si trattasse di un orangutan fuggito da qualche posto e non dello Skunk. [4]

Le presunte prove fotografiche, oggi note come le "foto di Myakka", sono state inviate in un laboratorio fotografico Eckerd di Sarasota County dalla ricercatrice Loren Coleman per verificarne l'autenticità. [5]

Citazioni cinematografiche[modifica | modifica sorgente]

  • Nel 2003 i fratelli Matt e Greg Brookens hanno realizzato il cortometraggio Skunk Ape!? della durata di 30 minuti, sul genere della commedia horror, utilizzando attori esordienti o poco conosciuti. [6]

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

  • Michael Newton. Encyclopedia of Cryptozoology: A Global Guide. McFarland & Company, Inc. (2005) ISBN 0-7864-2036-7
  • Bigfoot!: The True Story of Apes in America, New York, Paraview Pocket-Simon and Schuster, 2003, ISBN 0-7434-6975-5..
  • Loren Coleman, Patrick Huyghe, The Field Guide to Bigfoot, Yeti, and Other Mystery Primates Worldwide, ISBN 0-380-80263-5.

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Vince Lennon, Is a Skunk Ape Loose in Campbell County? in WATE 6 News, WorldNow, 22 ottobre 2003. URL consultato il 23 dicembre 2006.
  2. ^ The abominable swampman, BBC News, 6 marzo 1998. URL consultato il 23 dicembre 2006.
  3. ^ Loren Coleman, Myakka Skunk Ape "Letter".
  4. ^ Newton, Michael, Skunk Ape in Encyclopedia of Cryptozoology: A Global Guide, McFarland & Company, Inc., 2005, pp. 430–431.
  5. ^ Loren Coleman, The Myakka "Skunk Ape" photographs.
  6. ^ (EN) Scimmia Skunk in Internet Movie Database, IMDb.com Inc.

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]