Schofield

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Schofield
Descrizione
Equipaggio 3 uomini
Dimensioni e peso
Lunghezza 3,987 m
Larghezza 2,602 m
Altezza 2,019 (2,095 su ruote) m
Peso 5,3 t
Propulsione e tecnica
Motore Chevrolet 6 cilindri a benzina commerciale
Potenza 29,5 hp
Trazione cingoli e ruote
Sospensioni tipo Horstmann
Prestazioni
Velocità su ruote 72 km/h; su cingoli 41 km/h
Armamento e corazzatura
Armamento primario 1 cannone da 2 libbre OQF
Armamento secondario 1 Mitragliatrice Besa da 7,92 coassiale
Corazzatura massimo 10 mm.; minimo 6 mm

[senza fonte]

voci di carri armati presenti su Wikipedia

Il carro ruotato e cingolato Schofield fu un carro armato leggero di progettazione neozelandese che rimase allo stadio di prototipo.

Storia[modifica | modifica sorgente]

Nel 1940, durante la seconda guerra mondiale la Nuova Zelanda si trovava a fronteggiare la possibilità di essere coinvolta in un conflitto con il Giappone, e ad una conseguente invasione. Dal momento che la Gran Bretagna era restia ad inviare mezzi corazzati, vista la drammatica situazione europea di quel periodo, il governo neozelandese considerò la necessità di costruirne in proprio.

L'unico carro armato che raggiunse in effetti lo stadio di prototipo fu progettato dall'ing. E.J. Schofield, della General Motors di Wellington. Il prototipo venne ultimato nell'agosto del 1940, ma non fu posto in produzione in quanto di scarsa praticità. A metà del 1943 il prototipo fu inviato in Inghilterra

Specifiche[modifica | modifica sorgente]

Il carro armato Schofield si basava sul telaio dell'autocarro commerciale GMC 6cwt, largamente prodotto in Nuova Zelanda. Cingoli e sospensioni furono tratte da un Universal Carrier, che allora stava entrando in produzione in Nuova Zelanda, mentre ruote e parti meccaniche provenivano dal suddetto autocarro. Anche il motore, un Chevrolet a benzina che sviluppava la potenza di quasi 30 cavalli, era montato sul 6cwt.

Armamento[modifica | modifica sorgente]

La torretta, totalmente brandeggiabile, era a cielo scoperto ed era armata con un cannone controcarro da 2 libbre OQF ed una mitragliatrice Besa coassiale.

Trazione[modifica | modifica sorgente]

Le ruote di autocarro su questo veicolo avevano assali in comune con le ruote motrici e quelle di rinvio, e il passaggio dalla trazione su ruote a quella su cingoli era possibile tramite l'utilizzo di bracci imperniati azionabili dall'interno del veicolo. Su ruote, i cingoli erano sollevati dal suolo per mezzo di catene; su cingoli, invece, le ruote venivano smontate e fissate su tronconi presenti al lato del veicolo.

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

  • Peter Chamberlain e Chris Ellis. Atlante Mondiale dei mezzi corazzati. Parma, 1970. Volume 1 pag. 185

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]