Scartella cristata

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Progetto:Forme di vita/Come leggere il tassoboxCome leggere il tassobox
Bavosa crestata
Scartella cristata 25-09-07 DSCF1035.jpg
Classificazione scientifica
Dominio Eukaryota
Regno Animalia
Sottoregno Eumetazoa
Ramo Bilateria
Superphylum Deuterostomia
Phylum Chordata
Subphylum Vertebrata
Infraphylum Gnathostomata
Superclasse Osteichthyes
Classe Actinopterygii
Ordine Perciformes
Sottordine Blennioidei
Famiglia Blenniidae
Genere Scartella
Specie S. cristata
Nomenclatura binomiale
Scartella cristata
Linnaeus, 1758
Nomi comuni

Blennius cristatus

La Bavosa crestata (Scartella cristata) è un pesce di mare appartenente alla Famiglia Blenniidae.

Distribuzione e habitat[modifica | modifica sorgente]

È questa l'unica specie di bavosa mediterranea ad ampia diffusione mondiale, infatti, coerentemente con la sua natura termofila, è diffuso in tutto l'Oceano Atlantico sia temperato che tropicale tra lo stretto di Gibilterra e l'Angola sul lato orientale e tra la Florida e le Bermuda a nord e il Brasile a sud su quello occidentale. Nei mari italiani non è rara. Segnalazioni nel Pacifico (Giappone e Taiwan) richiedono conferma.

Vive in acqua bassissima, talvolta tra i frangenti, in zone scogliose.

Descrizione[modifica | modifica sorgente]

Apparentemente simile alle altre bavose, si distingue principalmente per i caratteri dei tentacoli cefalici, infatti il tentaciolo sopraorbitale è corto e sfrangiato ed esiste una fascia di corti tentacoli erettili sulla nuca che non ha nessun altro blennide europeo. La livrea è variabile con marmorizzature scure sul dorso che si estendono alla pinna dorsale e linee chiare verticali sul corpo, molto caratteristiche.

La taglia massima si aggira sui 10 cm.

Alimentazione[modifica | modifica sorgente]

Erbivoro.

Riproduzione[modifica | modifica sorgente]

Avviene in una cavità dove il maschio spinge la femmina. Dopo la deposizione il maschio fa la guardia alle uova.

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

  • Egidio Trainito, Atlante di flora e fauna del Mediterraneo, 2004ª ed., Milano, Il Castello, 2004, ISBN 88-8039-395-2.
  • Patrick Louisy, Guida all'identificazione dei pesci marini d'Europa e del Mediterraneo, a cura di Trainito, Egidio, Milano, Il Castello, 2006, ISBN 88-8039-472-X.

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

pesci Portale Pesci: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di pesci