Scarpette da arrampicata

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Avvertenza
Alcuni dei contenuti riportati potrebbero generare situazioni di pericolo o danni. Le informazioni hanno solo fine illustrativo, non esortativo né didattico. L'uso di Wikipedia è a proprio rischio: leggi le avvertenze.
Una scarpetta per arrampicata.

Le scarpette da arrampicata sono delle scarpe appositamente studiate e disegnate per l'arrampicata libera e quella sportiva. A volte sono anche denominate varappe (dal termine francese per indicare la scalata, probabilmente derivato dal nome dato ad una conformazione rocciosa del monte Salève, nei pressi di Ginevra, ritrovo di arrampicatori alla fine del XIX secolo).

Descrizione[modifica | modifica sorgente]

Per aumentare l'attrito, e quindi l'aderenza, con la parete che si sta scalando, le scarpette sono coperte in gran parte da uno strato di gomma liscia dello spessore di pochi millimetri e di morbidezza variabile a seconda dei modelli (ad esempio, una mescola morbida garantisce maggiore aderenza a scapito di una minore resistenza all'usura).

Agli albori dell'alpinismo e dell'arrampicata si scalava con scarponi e scarpe sportive, a volte anche con suola chiodata. A partire dagli anni trenta il francese Pierre Allain inventa e perfeziona le prime scarpette da arrampicata a suola liscia, denominate "PA" dalle sue iniziali, e le inizia a produrre dal 1947. Dal 1950 lo sviluppo delle scarpette continua da parte di Edouard Bourdonneau, che fonderà l'azienda EB.[1] I modelli utilizzati al giorno d'oggi sono evoluzioni di queste prime calzature.

Le scarpette hanno forme variabili, ed i modelli più tecnici sono realizzati in base al tipo di utilizzo e della difficoltà da affrontare in parete. Le scarpette con una forma curva molto accentuata sono definite in gergo "a banana"; quelle con degli elastici (o del velcro) al posto dei lacci prendono il nome di "ballerine"; alcuni modelli hanno un collo alto e sono generalmente utilizzati in montagna perché offrono una maggiore protezione del calcagno e dei malleoli. Tutto questo per poter rispondere alle esigenze di comfort degli arrampicatori, i quali, per poter aumentare la precisione sugli appoggi più piccoli, specie sulle vie di grado elevato, usano delle scarpette di una o due misure più piccole, aumentando così l'aderenza fra il piede e la tomaia (i calzini, di solito, vengono utilizzati solo in caso di condizioni meteo avverse o in montagna). Le scarpette sono in genere leggerissime e con uno spessore della suola, e della tomaia, di pochi millimetri. Tuttavia sono stati realizzati degli appositi modelli ibridi, con un tacco simile a quello di uno scarponcino e con la punta simile a quella delle scarpette tradizionali. Questi ultimi modelli vengono utilizzati nelle vie d'arrampicata molto lunghe, e consentono una discesa anche su sentiero (evitando quindi di portare il peso di un paio di scarponi nello zaino).

Produttori[modifica | modifica sorgente]

Nel seguente elenco alcuni dei maggiori produttori di scarpette da arrampicata:

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ (FR) Historique de la marque EB, eb-escalade.com. URL consultato il 24 luglio 2012.

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]