Scarlino Scalo

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Scarlino Scalo
frazione
Veduta di Scarlino Scalo
Veduta di Scarlino Scalo
Localizzazione
Stato Italia Italia
Regione Coat of arms of Tuscany.svg Toscana
Provincia Provincia di Grosseto-Stemma.png Grosseto
Comune Scarlino-Stemma.png Scarlino
Territorio
Coordinate 42°56′36″N 10°50′13″E / 42.943333°N 10.836944°E42.943333; 10.836944 (Scarlino Scalo)Coordinate: 42°56′36″N 10°50′13″E / 42.943333°N 10.836944°E42.943333; 10.836944 (Scarlino Scalo)
Altitudine 12 m s.l.m.
Abitanti 1 582 (2011)
Altre informazioni
Cod. postale 58020
Prefisso 0566
Fuso orario UTC+1
Cartografia
Mappa di localizzazione: Italia
Scarlino Scalo

Scarlino Scalo è una frazione del comune di Scarlino, in provincia di Grosseto.

La frazione costituisce il centro abitato più esteso e popolato del comune, ed è quindi dotata di numerosi servizi.

Geografia fisica[modifica | modifica wikitesto]

Situato nella piana del fiume Pecora, alle pendici del monte d'Alma, lungo la via Aurelia e la ferrovia Tirrenica, dista circa 6 km dal centro comunale.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Scarlino Scalo si presenta come un moderno centro abitato, sviluppatosi a partire dal XIX secolo nella piana del Pecora intorno alla stazione ferroviaria, scalo del borgo di Scarlino, che invece sorge sulle propaggini del monte d'Alma.

La frazione è nota poiché nell'estate del 1849, Giuseppe Garibaldi, in fuga dalle guardie pontificie, vi si rifugiò ospite di Angiolo Guelfi a Palazzo Guelfi. Il 2 settembre, con l'aiuto di alcuni patrioti maremmani della zona, riuscì a raggiungere la spiaggia di Cala Martina oltre i boschi delle Bandite di Scarlino e si imbarcò su di un peschereccio alla volta di Porto Venere.

Monumenti e luoghi d'interesse[modifica | modifica wikitesto]

Il casello idraulico di Scarlino Scalo

Architetture religiose[modifica | modifica wikitesto]

  • Chiesa della Madonna delle Grazie, chiesa parrocchiale della frazione, è stata inaugurata e consacrata il 13 maggio 1984, con parrocchia già istituita nel 1976.[1]. La parrocchia della Madonna delle Grazie conta circa 1350 abitanti.[2]

Architetture civili[modifica | modifica wikitesto]

  • Casello idraulico di Scarlino Scalo, costruito nel 1905, si presenta come una tipica costruzione che riflette l'eclettismo architettonico dei revival dei primi del Novecento.[3]
  • Palazzo Guelfi, imponente edificio ottocentesco che era di proprietà della famiglia Guelfi, è stato proclamato monumento nazionale italiano[4] poiché è stato rifugio di Giuseppe Garibaldi nell'estate del 1849. Aiutato da Angiolo Guelfi e, fra gli altri, dai fratelli Lapini, a fuggire dalle guardie pontificie, qui soggiornò ed infine fuggì a Porto Venere imbarcandosi da Cala Martina. Al suo interno sono conservati carteggi e lettere scritte da Garibaldi, e un sigaro appartenuto al patriota nizzardo che si dice non fece in tempo a fumare prima della sua fuga.

Società[modifica | modifica wikitesto]

Evoluzione demografica[modifica | modifica wikitesto]

Quella che segue è l'evoluzione demografica della frazione di Scarlino Scalo. Sono indicati gli abitanti del centro abitato e dove è possibile è messa tra parentesi la cifra riferita all'intero territorio della frazione.

Anno Abitanti
1961
476
1981
827 (1 065)
2001
1 230
2011
1 582

Economia[modifica | modifica wikitesto]

In tempi recenti è stata realizzata a ovest del centro abitato, in località Casone, una grande area industriale, dove, tra i vari stabilimenti, si trovano quello dell'industria chimica della Nuova Solmine, che produce acido solforico, e della Huntsman Tioxide, che sintetizza biossido di titanio. Dal 1996 è in funzione, sempre presso l'area industriale del Casone, il Cogeneratore, impianto di produzione di energia elettrica ottenuto recuperando i vecchi forni di arrostimento della pirite. L'impianto era stato concepito per il recupero energetico da rifiuti industriali. Dal 1996 al 2003 ha bruciato CDR e biomasse. Dal 2003 ha bruciato biomasse; attualmente è entrato nell'interesse dell'amministrazione provinciale per lo smaltimento del CDR.

Infrastrutture e trasporti[modifica | modifica wikitesto]

Scarlino Scalo è servita da un'uscita della strada statale Aurelia e dalla stazione di Scarlino, scalo ferroviario dell'intero territorio comunale.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ La parrocchia della Madonna delle Grazie sul sito della Diocesi di Grosseto.
  2. ^ La parrocchia della Madonna delle Grazie sul sito della CEI.
  3. ^ Scheda del Casello idraulico di Scarlino Scalo n. 00495080 sul sito della Soprintendenza per i Beni Architettonici e per il Paesaggio per le province di Siena e Grosseto.
  4. ^ Regio decreto-legge 20 ottobre 1942, n. 1327, in materia di "Dichiarazione di monumento nazionale della casa di Angelo Guelfi a Cala Martina nel comune di Gavorrano"

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Aldo Mazzolai, Guida della Maremma. Percorsi tra arte e natura, Firenze, Le Lettere, 1997.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]