Sayat-Nova

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Se riscontri problemi nella visualizzazione dei caratteri, clicca qui.
Caricatura di Sayat-Nova

Sayat-Nova, (in armeno Սայաթ-Նովա, in persiano سایات‌نووا, in georgiano საიათ-ნოვა), pseudonimo di Harutyun Sayatyan (Tbilisi, 14 giugno 1712Haghpat, 22 settembre 1795), è stato un poeta armeno.

È considerato il più grande poeta armeno del Settecento. La sua lirica amorosa è intensa, talora venata di malinconia talora colma di gioia. Sayat-Nova usa un linguaggio raffinato, denso di metafore e similitudini: in un periodo di oppressione culturale, i suoi canti rappresentarono una testimonianza straordinariamente vitale di amore per la vita e per la natura.

L'ingresso della cattedrale di San Giorgio, a Tbilisi, dove è sepolto Sayat Nova

A Sayat-Nova vengono attribuite circa 220 poesie benché si ritiene possa averne composto anche migliaia. La gran parte di esse sono scritte in lingua azera mentre diverse sono quelle scritte in armeno, persiano, georgiano.

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

Controllo di autorità VIAF: 77715540 LCCN: n84099172