Saw - L'enigmista

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Saw - L'enigmista
Saw I.png
Il bagno dove è ambientato il film. A sinistra Adam (Leigh Whannell) e sullo sfondo, in piedi, Lawrence (Cary Elwes)
Titolo originale Saw
Lingua originale inglese
Paese di produzione USA
Anno 2004
Durata 100 min
Colore colore
Audio sonoro
Rapporto 1.85:1
Genere thriller, orrore
Regia James Wan
Sceneggiatura James Wan, Leigh Whannell
Produttore Gregg Hoffman, Oren Koules, Mark Burg, Daniel Jason Heffner, Richard H. Prince, Stacey Testro, Peter Block, Jason Constantine, Lark Bernini
Distribuzione (Italia) Eagle Pictures
Fotografia David Armstrong
Montaggio Kevin Greutert
Effetti speciali Thomas L. Bellissimo
Musiche Charlie Clouser, Danny Lohner
Scenografia Julie Berghoff
Costumi Jennifer L. Soulages
Interpreti e personaggi
Doppiatori italiani
Premi
« Ho una malattia che mi divora dall'interno e sono stanco, stanco di chi non riesce ad apprezzare il dono della vita. »
(Jigsaw)

Saw - L'enigmista (Saw) è un film horror del 2004, diretto da James Wan, che ne ha anche scritto il soggetto con Leigh Whannell.

Il film venne girato in soli 18 giorni e nel mese di gennaio 2004 avvenne la prima proiezione al Sundance Film Festival. In seguito uscì nei cinema statunitensi il 29 ottobre 2004 e nei cinema italiani il 14 gennaio 2005.

A questo film seguirono Saw II - La soluzione dell'enigma e Saw III - L'enigma senza fine, usciti, rispettivamente, negli Stati Uniti il 28 ottobre 2005 ed il 27 ottobre 2006 (in Italia il 5 gennaio 2006 ed il 9 marzo 2007). Il 30 aprile 2008 in Italia uscì Saw IV, seguito da Saw V il 5 dicembre 2008 e da Saw VI il 1º giugno 2010 (negli Stati Uniti uscì il 23 ottobre 2009). Il settimo ed ultimo capitolo della saga, Saw 3D - Il capitolo finale, uscì negli Stati Uniti il 29 ottobre 2010 mentre in Italia uscì il 17 novembre 2010.

Trama[modifica | modifica sorgente]

« Vivere o morire. Fa' la tua scelta »
(Jigsaw)

All'inizio del film un uomo, Adam Faulkner, si trova svenuto in una vasca da bagno, si sveglia e ne esce in preda al panico. Sente la voce di un'altra persona, il dottor Lawrence Gordon, il quale, un momento dopo, accenderà le luci. I due uomini si trovano in un vecchio e sudicio bagno, incatenati a dei tubi, agli angoli opposti della stanza. In mezzo giace un uomo riverso in una pozza di sangue; in una mano ha una pistola e nell'altra un registratore di audiocassette.

I due uomini scoprono presto due buste che riportano il loro nome e che contengono una audiocassetta. Dopo aver preso il registratore dal cadavere, Adam ascolta la cassetta a lui indirizzata. Una voce anonima gli dice che fino a quel momento non ha fatto altro che guardare gli altri vivere la loro vita, dato che è un voyeur e una spia; in quel giorno avrebbe guardato la sua agonia o avrebbe iniziato a vivere. La cassetta indirizzata a Gordon, invece, lancia un ultimatum: deve uccidere Adam prima delle 6 altrimenti sua moglie e sua figlia moriranno. Inoltre viene detto che l'uomo al centro della stanza si è sparato perché aveva il sangue avvelenato e "che dietro alla X" si trovano degli oggetti utili.

Riascoltando la cassetta Gordon nota che viene fatto riferimento, con un messaggio nascosto, al water presente nel bagno. Infatti Adam troverà all'interno del cassonetto una busta con due seghe. Ben presto i due uomini scopriranno che non sono fatte per tagliare il metallo delle catene ma perché loro si taglino il piede incatenato. Adam, in preda alla disperazione, lancia la sega rompendo lo specchio di fronte al lavandino. Gordon, vista la situazione, sospetta che siano stati rinchiusi dal riabilitatore Jigsaw.

Flashback: le prime vittime di Jigsaw[modifica | modifica sorgente]

In una serie di flashback due detective, David Tapp e Steven Sing, esaminano i luoghi dove sono morte le prime due vittime di Jigsaw: Paul Lealy Stallberg e Mark Wilson Rodriguez. Paul ha tentato più volte il suicidio tagliandosi le vene dei polsi, ma secondo Jigsaw lo ha fatto solo per attirare l'attenzione. Per questo motivo è stato rinchiuso seminudo in una gabbia piena di filo spinato con un orologio che segna l'una e un registratore di audiocassette. L'unica via d'uscita è un'apertura oltre il filo spinato. La cassetta gli dice che per raggiungere la via d'uscita deve passare attraverso il filo spinato entro due ore, poichè alle tre precise l'uscita si sarebbe chiusa per sempre e sarebbe morto lì dentro. Paul tenta la fuga ma muore dissanguato.

Mark invece viene intrappolato perché si dichiara malato ma Jigsaw lo ha visto tranquillamente in giro, inoltre dalla registrazione si intuisce che potrebbe trattarsi di un piromane. L'uomo è rinchiuso nudo su un piedistallo con il solito registratore di audiocassette, è completamente cosparso di un gel infiammabile e nel suo sangue circola un potente veleno. Si trova in una stanza quasi completamente buia dove, grazie ad una candela appoggiata su un ripiano, si intravedono le pareti piene di numeri, una cassaforte e moltissimi frammenti di vetro sparsi sul pavimento. La registrazione gli dice che l'antidoto per il veleno è nella cassaforte e la combinazione si trova fra i numeri sulle pareti: Mark la deve cercare aiutandosi con la candela e facendo attenzione a non bruciarsi e a non calpestare i vetri. l'uomo cerca la combinazione, ma muore bruciato.

Sulla scena dedicata a Mark si vede un foro sulla parete da dove l'Enigmista osserva il gioco e dove poi lascia la penna luminosa usata in precedenza dal dottor Gordon. Di conseguenza quest'ultimo viene inizialmente sospettato dalla polizia che successivamente indaga sul caso. Infatti un giorno, mentre Gordon sta parlando senza molti riguardi ad alcuni tirocinanti di un paziente che ha un cancro inoperabile al cervello (il suo nome è John, come gli viene ricordato dall'infermiere Zep Hindle anche lui presente), la polizia lo preleva e lo porta in centrale per discutere la questione della penna. Gordon, interrogato dai poliziotti, non vuole rivelare dove si trovava la sera della morte di Mark perché vuole proteggere "una persona che non è un paziente". In un momento successivo del film, però, viene detto che l'alibi è stato in qualche modo confermato, e quindi si intuisce che Gordon ad un certo punto ha fatto il nome di questa misteriosa persona che potrebbe scagionarlo. Prima di venir rilasciato gli viene fatta ascoltare la testimonianza di Amanda Young, l'unica superstite dei precedenti delitti di Jigsaw. Essa afferma di provare un senso di gratitudine nei confronti dell'Enigmista, poiché l'ha "aiutata" facendole apprezzare la vita che fino a quel momento "buttava" nella droga.

Secondo flashback: la famiglia di Gordon[modifica | modifica sorgente]

Dopo un breve ritorno al presente in cui Adam scopre che lo specchio sopra il lavandino è semitrasparente e cela dietro di sé una telecamera, viene mostrato un secondo flashback sulla famiglia di Gordon. I rapporti con la moglie Alison non sono fra i migliori: i coniugi litigano e la figlia, Diana, ha paura che il padre l'abbandoni. Successivamente vengono mostrate madre e figlia legate ed imbavagliate al letto da un misterioso uomo vestito di nero, Seth. Scopriamo che la casa del dottor Gordon è controllata dal detective Tapp, sempre convinto che il medico sia il killer, nonostante la conferma del suo alibi. Zep, l'infermiere di Gordon, viene visto da Tapp, il quale pensa sia un amante.

Terzo flashback: il nascondiglio di Jigsaw[modifica | modifica sorgente]

Terminato il secondo flashback, Gordon lancia ad Adam il suo portafoglio in modo che possa vedere la fotografia della figlia. Sfogliando le varie fotografie, Adam trova una Polaroid in cui si vedono Diana e Alison imbavagliate. Dietro l'istantanea è scritto un messaggio che dice: "la X contrassegna il luogo ed a volte si vede meglio con gli occhi chiusi". Adam nasconde la fotografia, non ne parla a Gordon ed ha inizio un nuovo flashback in cui Tapp scopre dove si trova il nascondiglio di Jigsaw guardando il video lasciato ad Amanda. Senza un mandato, lo stesso Tapp ed il suo riluttante collega Sing, irrompono nell'edificio dove trovano un uomo legato ad una sedia, con due trapani vicino al collo. Dopo un po' Jigsaw ritorna nel suo nascondiglio ed i detective si nascondono con l'intento di arrestarlo. Il Riabilitatore, non appena sbucano i poliziotti, attiva i due trapani che lentamente si avvicinano al collo della vittima. Mentre Sing tenta di bloccare la trappola, Jigsaw ferisce Tapp alla gola con una grossa lama retrattile nascosta nella manica dell'abito, e fugge. Bloccati i trapani Sing inizia l'inseguimento ma viene presto ucciso da quattro fucilate, una trappola attivata da un sottile filo calpestato dal poliziotto. Dopo la tragica fuga dell'Enigmista, Tapp lascia la polizia ed è sempre più ossessionato dal suo deisiderio di catturare il criminale.

A questo punto si ritorna al presente, nel bagno dove i due uomini sono prigioniei. Ripensando al messaggio scritto sul retro della fotografia, Adam convince Gordon a spegnere le luci; in questo modo si evidenzia una X sul muro (la X era già menzionata sulla cassetta di Gordon). Rompendo il muro Gordon trova, dentro una scatola, due sigarette, un cellulare che può solo ricevere ed un messaggio che invita ad avvelenare una sigaretta nel sangue del cadavere al centro della stanza. In questo modo Gordon potrà uccidere Adam offrendogli semplicemente la sigaretta. Effettivamente il medico avvelena la sigaretta e la mette nuovamente nella scatola. Mentre prova a telefonare si ricorda cosa gli è successo poco prima di essere rapito, nel parcheggio dell'ospedale.

Gordon ed Adam, discutendo sottovoce in modo da non essere sentiti dall'uomo che li osserva con la telecamera, decidono di inscenare la morte del secondo. Gordon lancia ad Adam la sigaretta non avvelenata ed il giovane finge di morire tra gli spasmi del veleno. Subito dopo, però, una scarica elettrica lo colpisce attraverso la catena fissata al suo piede, smascherando la messa in scena. A questo punto anche Adam ricorda cosa gli è successo prima del rapimento. Ricorda di essere entrato nel suo appartamento, di essere andato nella camera oscura e di aver sviluppato delle fotografie, alcune delle quali ricordano il dottor Gordon. Mentre Adam sviluppa le foto, si presuppone che qualcuno lo stia spiando. Ad un tratto Adam si sveglia da un sonno improvviso nella sua camera oscura dove però la luce è spenta. Cerca di accenderla ma la luce non funziona, prende una pila ma le batterie sono scariche. Una porta sbatte: Adam allora decide di prendere la macchina fotografica e di usare il flash per fare luce. Improvvisamente si sente una risata sinistra, ed il flash inquadra lo stesso pupazzo apparso nel video della prova di Amanda. Adam colpisce il pupazzo con una mazza da baseball, facendolo smettere di ridere, e poi prosegue nella ricerca. Apre la porta da cui proveniva il rumore, fa scattare ancora una volta il flash e una figura con una maschera di maiale lo aggredisce, dopodiché più niente.

La moglie del medico chiama suo marito. Prima di riattaccare lo avverte che Adam conosce molte più cose di quanto dice. Viene rivelato che Adam è un fotografo pagato dal detective Tapp per spiare Gordon, che tradiva da tempo la moglie. Le foto sono state nascoste insieme alle seghe nel cassonetto del bagno. Riguardandole Adam scopre, in una foto, la presenza dell'uomo misterioso che verrà riconosciuto da Gordon come l'infermiere Zep. Nel frattempo, l'orologio nella stanza arriva ad indicare le sei: il tempo è scaduto.

A casa del dottore, Zep si prepara ad uccidere Diana e Alison dato che Gordon ha fallito la sua prova. Obbliga quindi la moglie a telefonare al marito proprio per dirgli che ha fallito. Nel momento in cui prende il telefono la donna, che nel frattempo si era slegata, aggredisce Zep.

Gordon sente il trambusto, ma non riesce a capire cosa stia succedendo. Mentre Zep e Alison lottano parte un colpo di pistola ed il rumore fa intervenire Tapp, appostato nella casa vicina. Zep ferisce l'ex-poliziotto e si reca ad uccidere Gordon. Tapp lo segue.

Nel frattempo nel bagno Gordon viene colpito da una scarica elettrica che lo fa svenire. Al risveglio il cellulare inizia a suonare, ma è troppo lontano perché l'uomo lo riesca a prendere. Gordon diventa isterico, urla e piange e decide di tagliarsi il piede. Liberato dalla catena prende la pistola, carica un proiettile e spara ad Adam.

Tapp e Zep, nel frattempo, entrano nello stabile dove si trova il bagno e, dopo un inseguimento, Zep uccide Tapp. Entra quindi nel bagno dove Gordon, urlando, gli chiede di rilasciare la famiglia. Zep gli punta la pistola contro dicendo che è troppo tardi. Un secondo dopo Adam si rialza (Gordon aveva mirato alla spalla), afferra Zep e lo uccide colpendolo ripetutamente alla testa con il coperchio in pietra del cassonetto del bagno. Gordon va a cercare aiuto, per non morire dissanguato, promettendo ad Adam che sarebbe tornato.

Rimasto solo, Adam cerca nelle tasche di Zep la chiave della catena; trova invece un registratore che lo lascia terrorizzato

« Salve signor Hindle, o come ti chiamano in ospedale: Zep. Voglio che tu faccia una scelta. C'è un veleno a lento rilascio in circolazione nel tuo sangue e solo io ho l'antidoto. Devi uccidere una madre e sua figlia se vuoi salvarti. Segui attentamente quello che dico; rispetta le regole. »

A questo punto il "corpo" disteso al centro del bagno si alza e si strappa una maschera: si rivela essere John, il paziente con il cancro al cervello nonché lo stesso Jigsaw. Quest'ultimo dice ad Adam che la chiave della catena è nella vasca da bagno (e non nel cassonetto come viene detto nella versione italiana: con un veloce flashback si vede che la chiave era attaccata al misterioso oggetto luminoso che galleggiava nell'acqua. Adam afferra la pistola ma Jigsaw, con un telecomando, gli dà un'altra scarica elettrica.

Jigsaw si dirige verso la porta e si sente lo stesso messaggio lasciato ad Amanda:

« Molta gente è poco riconoscente nei confronti della vita; ma tu no, non più ora. »

A questo punto Jigsaw, dicendo "Fine del gioco", spegne la luce e chiude la porta mentre Adam urla disperato nel buio.

Trappole[modifica | modifica sorgente]

Labirinto a filo spinato: Paul Stallberg riprende conoscenza, nudo, all'interno di un labirinto circondato da filo spinato, situato in un seminterrato. Gli viene comunicato per mezzo di un registratore che l'unico mezzo di fuga è una porta che ha di fronte, ma ha 2 ore di tempo prima che la porta si blocchi senza lasciargli via di fuga. Gli viene detto che se vuole salvarsi deve attraversare il filo spinato. Viene fatto sapere che Paul è un uomo della classe media americana che però è incline ad atti di autolesionismo; secondo l'Enigmista se vuole morire deve semplicemente restare fermo dove è, ma se egli vuole vivere deve tagliarsi nuovamente. Le riprese del film mostrano la fatica che l'uomo fa per scappare ed il vano tentativo di attraversare il labirinto. Tuttavia, egli giunge troppo tardi ed infine muore per le profonde ferite riportate.

Gelatina infiammabile: Mark Rodriguez si risveglia, nudo, con il corpo cosparso di gelatina infiammabile. Egli simulava d'essere malato per non lavorare; l'Enigmista decide di testarlo per la sua "malattia" e collocarlo in una stanza buia, con una candela accesa ed una scatola di fiammiferi, uniche fonti di luce. Sotto i suoi piedi del vetro rotto ricopre tutto il pavimento della stanza; centinaia di numeri sono stati scritti in rosso sui muri. Una cassetta di sicurezza posta al centro della stanza contiene l'antidoto al veleno che gli è stato iniettato. Mark viene informato sia della gelatina infiammabile cosparsa sul suo corpo sia del veleno capace di ucciderlo in circa due ore. Deve recuperare il prima possibile l'antidoto se vuole salvarsi; la combinazione della cassetta di sicurezza è stata scritta sui muri, ma mentre cerca la combinazione con l'ausilio della luce della candela, Mark giunge troppo vicino alla fiamma e prende fuoco morendo bruciato.

Trappola per orsi: Una giovane donna di nome Amanda Young si risveglia in una stanza illuminata da diversi faretti, ha i polsi legati ad una sedia e con un congegno simile ad una trappola per orsi che le avvolge la testa. Pochi attimi più tardi un televisore posto al suo fianco si accende e la maschera di Billy le annuncia che per salvarsi da una morte orrenda deve recuperare la chiave nello stomaco del suo compagno di cella immobilizzato con sedativi. Entrando in funzione, il congegno le avrebbe distrutto la mascella, come una trappola per orsi al contrario. Pochi istanti dopo Amanda si libera i polsi e trova un bisturi, con il quale recupera la chiave dallo stomaco dell'uomo, che si risveglia poco prima di essere brutalmente ucciso e sventrato dalla donna. Amanda riesce a liberarsi dalla trappola prima che entri in funzione e viene raggiunta dal pupazzo Billy in triciclo, che si complimenta con lei per essere ancora in vita.

Sedia con trapani: Un uomo di nome Jeff si risveglia costretto ad una sedia; sul collo è stato montato un telaio alle cui estremità sono posti due trapani che minacciano di trapassarlo avvicinandosi lentamente. La trappola viene attivata dall'Enigmista per testare la volontà dei detective David Tapp e Steven Sing di salvare la vita di un uomo invece che arrestare lui. Jeff si salva perché i due detective non trovando le chiavi sparano al dispositivo bloccandolo.

Corridoio con 4 fucili: La trappola dei 4 fucili appesi al soffitto è utilizzata dell'Enigmista per motivi di sicurezza. Quattro fucili da caccia sono appesi al soffitto e i rispettivi grilletti sono innescati da un sottile filo di nylon teso a pochi centimetri da terra e in prossimità degli stessi, una trappola micidiale che entra in funzione quando il detective Sing, mentre insegue l'Enigmista, inciampa nel filo di nylon facendo sparare i fucili che lo feriscono a morte. Jigsaw invece evita la trappola passando per un passaggio segreto laterale.

Trappola del bagno: Il film è ambientato per la maggior parte in un grosso e sudicio bagno abbandonato. In questo test vengono collocate due vittime: Adam Stanheight, fotografo freelance, ed il dottor Lawrence Gordon. Sono bloccati alle pareti uno opposto all'altro ed ambedue hanno un piede legato con un grosso catenaccio ad un tubo arrugginito. In mezzo al bagno giace l'Enigmista, che ha le sembianze di un cadavere, con la testa completamente sventrata e in un lago di sangue. Tiene in mano un registratore ed una pistola senza proiettili. I due uomini sono impossibilitati a raggiungere il corpo né tantomeno la pistola o il registratore: l'Enigmista ha calcolato accuratamente le distanze. I due poco dopo sanno dai rispettivi nastri in cosa consiste la loro prova. Adam trova un sacco di immondizia nel wc e ne estrae 2 seghe: i due capiscono dopo i vani tentativi di tagliare le catene che l'Enigmista vuole che si taglino i piedi. A Lawrence è stato detto di uccidere Adam entro otto ore, ovvero le 18:00, o sua figlia e sua moglie moriranno. A seguito di più indizi, Lawrence trova una scatola nella parete accanto a lui la quale contiene un cellulare che può solo ricevere le chiamate, due sigarette ed un accendino. Con le sigarette Lawrence trova una nota in cui l'Enigmista lo informa che egli non ha bisogno di una pistola per uccidere Adam, ma basta immergere nel sangue la sigaretta ed Adam una volta aspirata morirà. Non disposto ad uccidere Adam in questo modo, Lawrence finge di intingere una delle sigarette nel sangue. Adam simulando di morire regge il gioco, però poco dopo una scossa elettrica colpisce Adam, rivelando l'inganno. Alle 18:00 Lawrence riceve una chiamata dalla moglie, ma in preda al panico Lawrence scaglia il cellulare lontano e fuori dalla sua portata. Il cellulare squilla ma lui non è in grado di rispondere. Egli decide di utilizzare la sua sega per tagliarsi il piede e liberarsi per salvare la moglie e la figlia prima di afferrare la pistola dal cadavere e sparare ad Adam, ma troppo tardi, poiché è scaduto il tempo, ma Adam non è stato ferito a morte. In quel momento arriva Zep, che cerca di uccidere Lawrence in quanto le regole del gioco non sono state rispettate. Mentre gli punta la pistola, Adam lo colpisce con la tavoletta del bagno, uccidendolo. Lawrence promette ad Adam di tornare a salvarlo, anche se non sarà così: infatti di lì a poco l'Enigmista, il cadavere dell'uomo al centro del bagno presente dall'inizio, si alza e chiude la porta lasciando Adam al buio. Il suo cadavere è rimasto nel bagno, e lo si può vedere anche in Saw II, in decomposizione, e alla fine di Saw 3D ridotto a uno scheletro. In Saw III si scopre che Adam è morto perché soffocato con un sacchetto di plastica da Amanda, contro gli ordini dell'Enigmista.

Test di Zep: Zep è l'inserviente dell'ospedale in cui lavora il Dottor Gordon. A lui viene comunicato di avere nel sangue un veleno a lento rilascio; se vuole salvarsi, deve tenere in ostaggio una madre e una figlia, Alison e Diana Gordon, controllare lo svolgersi della trappola del bagno ed uccidere Lawrence nel caso in cui questi non riesca ad uccidere Adam entro le 18:00. Zep fallisce il suo test: Alison e Diana sfuggono al sequestro e non riesce ad uccidere Lawrence perché egli stesso è ucciso dal fotografo Adam.

Videogioco[modifica | modifica sorgente]

Nel 2009 viene rilasciato un gioco per PlayStation 3, Xbox 360 e PC chiamato Saw.

Collegamenti ad altre pellicole[modifica | modifica sorgente]

  • In Interceptor (1979) alla fine del film Max ammanetta un uomo a un'automobile che sta per esplodere e dandogli una sega gli dice che per salvarsi dovrà tagliarsi il piede, dato che per tagliare le manette impiegherebbe troppo tempo. La frase è: "La catena delle manette è fatta di un acciaio super resistente. Ti ci vorranno dieci minuti per segarla con questa. Ma se hai abbastanza coraggio, ti puoi segare il piede in soli cinque minuti".
  • In Yes Man, con Jim Carrey, si può vedere una clip di Gordon che si taglia il piede sulla Tv, mentre Carl si alza per aprire la porta.
  • In Scary Movie 4, all'inizio, si può vedere la parodia della scena con la sega con Shaquille O'Neal e Dr.Phil.
  • In Dead Silence, si vede una marionetta simile a Billy.
  • Nell'episodio Grasso è bello ma non troppo de I Griffin, in una specie di flashback una donna, per via di una caccia al tesoro, ha bisogno di un piede umano. Peter esita ma dopo un po' accetta, tagliandosi il piede con tanto di dolore.
  • Nella Quinta stagione della serie televisiva Smallville durante la puntata Il persecutore un uomo in cerca di vendetta prende in ostaggio Lionel e Martha e li costringe ad affrontare una serie di prove emulando l'enigmista.
  • Nell'episodio Matrimonio per un disastro de I Simpson, durante una sequenza, Homer è legato al tubo di un vasto bagno con una catena mentre una voce artefatta gli dice che la chiave si trova all'interno di un lecca-lecca alla salsa piccante: l'unico modo per recuperare la chiave è leccare tutto il lecca-lecca.
  • Nell'episodio Fratello di Bart, dove sei? de I Simpson, nella scena in cui Bart porta il bambino dell'orfanotrofio al cinema, si può vedere Billy il pupazzo con un coltello in mano nel film.
  • In Insidious, Billy compare disegnato con il gesso su una lavagna, nella scuola dove insegna il protagonista; al di sotto compare anche il numero otto.
  • Nell'albo di Dylan Dog numero 311, intitolato "Il Giudizio del Corvo", Dylan è sottoposto a diverse prove, per salvare la sua ragazza, simili alle trappole di Jigsaw.
  • La scena in cui Adam, poco prima di essere rapito, trova all'improvviso nel suo appartamento il pupazzo Billy e lo spacca con la mazza da baseball è una citazione da Profondo rosso.
  • In Death Sentence il volto di Billy il Pupazzo appare in un grande cartellone.

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

cinema Portale Cinema: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di cinema