Savina Petrilli

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Beata Savina Petrilli
Religiosa e fondatrice
Nascita Siena, 29 agosto 1851
Morte Siena, 18 aprile 1923
Venerata da Chiesa cattolica
Beatificazione Giovanni Paolo II, 24 aprile 1988
Ricorrenza 18 aprile

Savina Petrilli (Siena, 29 agosto 1851Siena, 18 aprile 1923) è stata una religiosa italiana, fondatrice delle Sorelle dei Poveri di Santa Caterina da Siena: papa Giovanni Paolo II nel 1988 l'ha proclamata beata.

Biografia[modifica | modifica sorgente]

Nacque a Siena nel 1851, secondogenita di Celso e Matilde Venturini. Dopo aver fatto parte giovanissima della congregazione delle Figlie di Maria ed esserne stata presidente, nel 1873, raccogliendo l'invito rivoltole da papa Pio IX, fondò la congregazione Sorelle dei Poveri di Santa Caterina da Siena[1].

La prima casa nacque a Onano (VT) nel 1881; la prima missione fu a Belém (Brasile) nel 1903; le Costituzioni della Congregazione furono approvate definitivamente il 17 giugno 1906.

Dopo la morte della fondatrice, avvenuta a Siena il 18 aprile 1923, la congregazione, che attualmente ha 25 case in Italia, si diffuse in Brasile, Argentina, India, Stati Uniti, Filippine e Paraguay.

La congregazione è principalmente al servizio dei poveri, e il suo carisma è volto a "far risplendere nel mondo l’immagine di Cristo Sacerdote e Vittima, adoratore del Padre"[2].

Il culto[modifica | modifica sorgente]

La causa di canonizzazione venne introdotta il 15 ottobre 1981: dichiarata venerabile il 16 novembre 1985, è stata proclamata beata da papa Giovanni Paolo II il 24 aprile 1988.

La memoria liturgica ricorre il 18 aprile.

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Beata Savina Petrilli
  2. ^ Chi siamo

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

  • Savina Petrilli, Sì, o Signore... sulle tue ali. Eredità spirituale di Savina Petrilli, Edizioni San Paolo, 2008
  • Cristina Siccardi, Come aquila che plana. Savina Petrilli, Edizioni San Paolo, 2008
  • Guido Pettinati, I Santi canonizzati del giorno, vol. IV, Edizioni Segno, Udine, 1991, pp. 247-254.

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]