Saul Bravetti

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Saul Bravetti (Cesenatico, 29 giugno 1907Savignano sul Rubicone, 11 agosto 1971) è stato un architetto italiano.

Il suo studio era ubicato in via Roverella a Cesena ma è a Cesenatico che ha espresso al meglio la sua progettualità

Opere[modifica | modifica wikitesto]

Ville private
per le quali si è richiamato agli stilemi dell'architettura organica con le facciate tipicamente rivestite in pietra naturale.
Condomini e alberghi
per la Cesenatico che si avviava a diventare un centro turistico di primaria importanza sul litorale romagnolo.
Casa Bravetti
costruita per i suoi genitori nei pressi del porto canale di levante a Cesenatico.
Domus Popilia
enoteca poi trasformata in pub (edificata postuma ma nel rispetto del progetto originale dell'arch. Bravetti sotto la direzione dell'amico arch. Lombardi)
Villa privata
edificata sul Viale De Amicis.
Bagno Marconi
ai tempi innovativo stabilimento balneare poi preso d'esempio come modello per le successive costruzioni similari. In tempi recenti è stato riadeguato da Giovanni Lucchi, architetto in Cesenatico.
Condominio Adriatico ed il suo gemello
Palazzo "L'Arlecchino"
costruito su Viale Roma per negozi e uffici.
Palazzo del turismo
che gli venne commissionato per ospitare gli Uffici dell'azienda Autonoma di Soggiorno e per offrire agli ospiti della cittadina balneare una migliore vetrina dell'offerta turistica. È proprio in questa costruzione che l'architetto Bravetti ha lasciato il meglio della sua impronta stilistica, sia nelle forme pulite e lineari dei prospetti, sia per la sincerità strutturale del cemento armato come viene dimostrato nei due arditi pilastri che si rastremano ciascuno in quattro travi a sorreggere un'ampia terrazza. Nella cura degli interni del Palazzo del Turismo sorprende la leggerezza della scala elicoidale di rappresentanza che permette l'accesso al Salone delle Feste poi divenuto Salone dei Congressi. Sulla facciata del Palazzo è stata posta successivamente una lapide commemorativa in marmo recante la scritta: "SE ESISTE INSCINDIBILITA' TRA ARTE E VITA NE È STATO ESEMPIO IL CITTADINO Dr. Arch. SAUL BRAVETTI CHE CON QUESTA SUA OPERA GENUINA E SCHIETTA DEL 1956 PIEGANDO MATERIALI E MODERNE TECNOLOGIE PRECORSE LE NUOVE VIE DELL'ARCHITETTURA".

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Monalisa Valmori, "Palazzo del Turismo" di Cesenatico (arch. Saul Bravetti, 1956) Rilievo, ipotesi di riuso, consolidamento ed analisi strutturale, Tesi di Laurea A.A. 1996-1997 Università degli Studi di Firenze Facoltà di Architettura c/o Biblioteca Comunale di Cesenatico
  • Il Resto del Carlino, 13 settembre 1998, pagina Cervia e Cesenatico.
  • Corriere di Romagna, 25 settembre 1998, pagina Cesena.