Saturno che divora i suoi figli

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Saturno che divora i suoi figli
Saturno che divora i suoi figli
Autore Francisco Goya
Data Tra il 1819 e il 1823
Tecnica Olio su intonaco
Dimensioni 146 cm × 83 cm 
Ubicazione Museo del Prado, Madrid

Saturno che divora i suoi figli è un dipinto del pittore spagnolo Francisco Goya, realizzato negli anni tra il 1819 e il 1823, conservato nel museo del Prado a Madrid.

Rappresenta un tema mitologico: il dio Saturno (romano, o Crono presso i Greci), essendogli stato profetizzato che uno dei suoi figli lo avrebbe soppiantato, era solito divorarli al momento stesso della loro nascita.

L'opera fa parte della serie detta delle "Pitture nere", serie di tredici dipinti realizzati da Goya sulle pareti della propria casa ("Quinta del Sordo", o "Villa del sordo"), a Manzanares, presso Madrid, dove abitò negli anni tra il 1819 e il 1823. È realizzata con pittura a olio su intonaco. I dipinti della serie sono tutti caratterizzati da toni scuri, temi macabri e volti deformati e spaventosi. Non erano stati commissionati e non erano intesi per essere mostrati al pubblico. Quando Goya si trasferì in Francia, la casa passò al nipote Mariano e nel 1874 era in possesso del barone di Erlanger, il quale, a causa del loro deterioramento, li fece trasferire su tela con la supervisione del curatore del museo del Prado, Salvador Martinez Cubells, e nel 1878 li donò allo stato spagnolo.

Saturno che divora suo figlio (Rubens)

Il dipinto di Saturno che divora i suoi figli era uno dei sei con cui Goya aveva decorato la sala da pranzo della casa. Come per gli altri dipinti della serie, il titolo dell'opera fu dato da altri dopo la sua morte. Presenta pochi elementi, vivificati da un sapiente uso degli effetti di luce, che fanno risaltare il contrasto tra i colori scuri con cui è resa la figura del dio e il sangue rosso acceso del figlio dilaniato. L'opera sembra aver subito meno degli altri i danni del tempo e della delicata operazione di trasferimento dall'intonaco alla tela.

Sono state offerte varie interpretazioni del significato del dipinto: il conflitto tra vecchiaia e gioventù, il tempo come divoratore di ogni cosa, la Spagna che divorava i suoi figli migliori in guerre e rivoluzioni, o, più in generale, la condizione umana nei tempi moderni. Un'altra interpretazione identifica la figura di Crono con quella di Ferdinando VII, che dopo la restaurazione e il ritorno sul trono di Spagna attuò il ripristino dell'assolutismo e la repressione di qualsiasi fermento d'ispirazione liberale.

Goya trasse forse ispirazione da un'opera del pittore Rubens (Saturno che divora suo figlio, del 1636), conservato anch'esso presso il Prado: si tratta tuttavia di un dipinto maggiormente convenzionale e rappresenta il dio compiere l'atto con maggiore freddezza e calcolo, mentre nell'opera di Goya viene mostrato come un uomo preso dalla follia, nell'opera di Rubens il corpo del figlio divorato è mostrato come quello di un bambino indifeso. Lo stesso Goya aveva prodotto nel 1796-1797 un disegno sul medesimo soggetto, più vicino al modello di Rubens.

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

arte Portale Arte: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di arte