Sarraceniaceae

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Progetto:Forme di vita/Come leggere il tassoboxCome leggere il tassobox
Sarraceniaceae
Sarracenia oreophila ne3.jpg
Sarracenia oreophila
Classificazione Cronquist
Dominio Eukaryota
Regno Plantae
Divisione Magnoliophyta
Classe Magnoliopsida
Ordine Nepenthales
Famiglia Sarraceniaceae
Dumort.
Classificazione APG
Ordine Ericales
Famiglia Sarraceniaceae
Generi

Sarraceniaceae Dumort. è una famiglia di piante carnivore appartenente all'ordine Nepenthales.

Tassonomia[modifica | modifica sorgente]

Secondo la classificazione Cronquist le sarraceniacee appartengono all'ordine Nepenthales,mentre la classificazione APG mantiene il nome della famiglia, ma la attribuisce all'ordine Ericales. Alla famiglia Sarraceniaceae vengono ascritte 25 specie suddivise in tre generi:

Morfologia[modifica | modifica sorgente]

Presentano delle foglie modificate, che formano delle strutture tubulari, chiamate ascidi, colme di acqua ed enzimi digestivi ( o batteri simbionti in Darlingtonia). Gli ascidi agiscono come trappole per attirare, catturare ed uccidere gli insetti da cui ricavano le sostanze nutritive mediante la digestione delle proteine.

Gli ascidi si sviluppano per mezzo di rizomi sotterranei e in genere durante la stagione invernale si riducono, diventando più bassi e meno efficienti.

La maggior parte delle sarraceniacee hanno ascidi alti e stretti, che crescono verticalmente. Sarracenia purpurea presenta ascidi corti e bulbosi e che crescono vicino al terreno, mentre in Sarracenia psittacina gli ascidi si accrescono orizzontalmente.

Distribuzione e habitat[modifica | modifica sorgente]

I generi Sarracenia e Darlingtonia sono endemici dell'America del Nord, mentre Heliamphora è nativa del Sud America. Tutte vivono in suoli acidi e poveri di nutrienti, come le torbiere.

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

  • (EN) L. Watson, M. J. Dallwitz, Sarraceniaceae Dum. in The families of flowering plants: descriptions, illustrations, identification, and information retrieval, 1º giugno 2007. URL consultato il 12 novembre 2007.
  • (EN) Peter D’Amato, The Savage Garden: Cultivating Carnivorous Plants, Berkeley, Ten Speed Press, 1998, p. 314, ISBN 0-89815-915-6.

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

botanica Portale Botanica: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di botanica