Sarcodon imbricatus

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Progetto:Forme di vita/Come leggere il tassoboxCome leggere il tassobox
Sarcodon imbricatus
Sarcodon imbricatus.jpg
Sarcodon imbricatus
Classificazione scientifica
Dominio Eukaryota
Regno Fungi
Phylum Basidiomycota
Classe Basidiomycetes
Ordine Thelephorales
Famiglia Bankeraceae
Genere Sarcodon
Specie S. imbricatus
Nomenclatura binomiale
Sarcodon imbricatus
(L.:Fr.) Karsten
Caratteristiche morfologiche
Sarcodon imbricatus
Cappello umbellato disegno.png
Cappello umbellato
Teeth icon.png
Imenio aculei
Decurrent gills icon2.svg
Lamelle decorrenti
Brown spore print icon.png
Sporata marrone
Bare stipe icon.png
Velo nudo
Immutabile icona.png
Carne immutabile
Saprotrophic ecology icon.png
Saprofita
Foodlogo.svg
Commestibile

Il Sarcodon imbricatus (o Hydnum imbricatum) è un fungo della famiglia delle Hydnaceae. Esso è ritenuto da molti cercatori una variante bruna e squamosa dell'Hydnum repandum, mentre appartiene a tutt'altro genere. Nonostante ciò viene volgarmente chiamato "steccherino bruno".
Viene reputato da molti un eccellente condimento da secco, ridotto in polvere. È invece un fungo molto mediocre se consumato fresco.

Descrizione della specie[modifica | modifica sorgente]

Cappello[modifica | modifica sorgente]

Largo fino a 25 cm, inizialmente convesso, poi piano, irregolare, con una depressione al centro.
Di color bruno, presenta grosse scaglie scure che risultano più coriacee ed un po' rialzate, concentriche. Con l'invecchiamento del fungo il cappello si inzuppa d'acqua quasi totalmente.

Aculei[modifica | modifica sorgente]

Corti, decorrenti, separabili dal cappello, color grigio in principio, poi color bruno.

Gambo[modifica | modifica sorgente]

8 x 5 cm, più grosso alla base, un po' eccentrico, liscio, color bruno sporco.

Carne[modifica | modifica sorgente]

Coriacea, brunastra.

  • Odore: di dadi da brodo; più intenso negli esemplari essiccati.
  • Sapore: amarognolo, gradevole.

Spore[modifica | modifica sorgente]

Marroni in massa.

Habitat[modifica | modifica sorgente]

Comune nei boschi di conifere, gregario, estate-autunno.

Commestibilità[modifica | modifica sorgente]

S. imbricatus

Commestibile aromatico ma esclusivamente come condimento, essiccato e ridotto in polvere; si presta molto bene ad essere adoperato come aromatizzante; ottimo per condire sughi, minestre o risotti.

Consumare preferibilmente esemplari giovani, scadente da fresco. Si sconsiglia il consumo di esemplari troppo vecchi, come quello nella foto a fianco, in quanto diventano troppo coriacei e leggermente indigesti; in tal caso si consiglia la prebollitura prima di sottoporli ad essiccazione.

Specie simili[modifica | modifica sorgente]

Etimologia[modifica | modifica sorgente]

Dal latino imbricatus = disposto a embrici sovrapposti, per via delle scaglie sul cappello.

Nomi comuni[modifica | modifica sorgente]

  • Steccherino
  • Steccherino bruno
  • Steccherino embricato
  • Sarcodone

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

micologia Portale Micologia: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di micologia