Saqiya

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Schema di una saqiya ideale.

La Sāqiya (arabo: ﺳﺎﻗﻴـة‎)[1] è una macchina simile alla noria, quindi appartenente alla categoria delle ruote idrauliche aventi lo scopo di sollevare l'acqua per distribuirla in vari punti. La sua origine risale all'antico Egitto ed è stata molto diffusa nel mondo islamico.

Il dispositivo è costituito da una serie di secchi oppure otri o pale a cucchiaio, azionati dalla forza di un animale che si muove circolarmente spingendo una barra collegata a un asse, il cui pignone invia la rotazione a un ingranaggio posto in verticale. L'ingranaggio è formato da una puleggia che sposta la serie di secchi consentendo loro di sollevare l'acqua e di trasferirla in una canalizzazione o in un punto di raccolta.[2]

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Talvolta trascritta "Seguia", come nel caso della regione chiamata Saguia el-Hamra.
  2. ^ "Ingegneria meccanica nel Vicino oriente medievale", di Donald R. Hill, pubbl. su "Le Scienze (Scientific American)", num. 275, luglio 1991, pag. 92-98

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

  • Descrizione Sakiya.org website.
  • Stefano Giovanni Loffi, Piccola Storia dell'Idraulica (traduzione ridotta, ma integrata, di History of Hydraulics” di Hunter Rose e Simon Ince) - www.consorzioirrigazioni.it

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

  • Fraenkel, P., "Water-Pumping Devices: A Handbook for users and choosers" Intermediate Technology Publications, 1990.
  • Molenaar, A., "Water lifting devices for irrigation" FAO Agricultural Development Paper No. 60, Food and Agriculture Organization of the United Nations, Rome, 1956.
  • Hill, Donald R., "A History of Engineering in Classical and Medieval Times", Open Court Publishing Company, 1984.