Saovabha Bongsri

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Se riscontri problemi nella visualizzazione dei caratteri, clicca qui.
Saovabha Bongsri
Saovabha.jpg
Regina consorte del Siam
In carica 1878 – 23 ottobre 1910
Nascita Bangkok, Siam, 1º gennaio 1864
Morte Bangkok, Siam, 20 ottobre 1919 (58 anni)
Dinastia Chakri
Padre Re Mongkut
Madre Principessa consorte Piam
Consorte Chulalongkorn

Saovabha Bongsri (Bangkok, 1 gennaio 1864Bangkok, 20 ottobre 1919) fu regina consorte di Chulalongkorn, sovrano del Regno di Rattanakosin, detto anche Regno del Siam, l'odierna Thailandia. Fu anche regina madre durante i regni dei figli Vajiravudh e Prajadhipok.

Biografia[modifica | modifica sorgente]

Saovabha nacque con il titolo di principessa del Siam essendo figlia del re Mongkut (chiamato anche Rama IV) e della sua seconda consorte Piam. Nel 1878 Saovabha divenne la moglie del fratellastro re Chulalongkorn, figlio di Mongkut e della regina consorte. Era inoltre la sorella minore delle future regine Sunandha e Savang Vadhana, che a loro volta avrebbero in seguito sposato Chulalongkorn. Insieme al marito generò 9 figli, di cui solo 5 arrivarono all'età adulta. Le fu riconosciuto il titolo di regina madre quando il figlio Vajiravudh divenne re alla morte del padre, e quando l'altro figlio Prajadhipok salì al trono dopo che il fratello maggiore era morto senza lasciare eredi.

Nel 1893, fu nominata dal marito primo presidente della Società thailandese della Croce Rossa, nata in quell'anno per curare i feriti della guerra franco-siamese.[1] Nel 1897 divenne la prima donna della dinastia Chakri a governare il paese, esercitando la funzione di reggente mentre il marito era in viaggio in Europa. Al ritorno il sovrano, compiaciuto della gestione della moglie, le conferì il titolo ed il nome regale Somdet Phra Nang Chao Saovabha Bongsi Praborommarachininat (thai: สมเด็จพระนางเจ้าเสาวภาผ่องศรี พระบรมราชินีนาถ), che equivale all'incirca a quello di 'sua maestà la regina reggente'.

Nel 1904, Saovabha Bongsri istituì a Bangkok la "scuola Rajini", tuttora esistente nei pressi del Grande Palazzo Reale, che fu la prima per sole donne nel Siam.

Morì nel 1919 all'età di 57 anni e le fu riservato un funerale reale presieduto dal figlio, il re Vajiravudh.

Discendenza[modifica | modifica sorgente]

La regina Saovabha con cinque dei suoi figli in un'immagine scattata attorno al 1900 (da sinistra: i principi Asdang Dejavudh, Vajiravudh, Chakrabongse, la regina Saovabha, Prajadhipok e Chudadhut)

Saovabha Bongsri e Re Chulalongkorn ebbero 9 figli:

  1. Principessa Bahurat Manimaya (สมเด็จพระเจ้าบรมวงศ์เธอ เจ้าฟ้าพาหุรัดมณีมัย กรมพระเทพนารีรัตน์) (1878-1887), alla quale Chulalongkorn dedicò thanon Phahurat, che in seguito divenne il centro dell'omonimo Phahurat, il quartiere indiano di Bangkok.[2]
  2. Principe ereditario Vajiravudh, (futuro re Vajiravudh) (พระบาทสมเด็จพระมงกุฎเกล้าเจ้าอยู่หัว) (1880-1925).
  3. Principe Tribeth Rutdhamrong (สมเด็จพระเจ้าบรมวงศ์เธอ เจ้าฟ้าตรีเพ็ชรุตม์ธำรง) (1881-1887).
  4. Principe Chakrabongse Bhuvanath, principe di Phitsanulok (จอมพล สมเด็จพระเจ้าบรมวงศ์เธอ เจ้าฟ้าจักรพงษ์ภูวนาถ กรมหลวงพิษณุโลกประชานาถ) (1882-1920)
  5. Principessa senza nome, morì appena nata (1884).
  6. Principe Siriraj Kakudhabhandu (สมเด็จพระเจ้าบรมวงศ์เธอ เจ้าฟ้าศิริราชกกุธภัณฑ์) (1885-1887).
  7. Principe Asdang Dejavudh, principe di Nakhon Ratchasima (พลเรือเอก สมเด็จพระเจ้าบรมวงศ์เธอ เจ้าฟ้าอัษฎางค์เดชาวุธ กรมหลวงนครราชสีมา) (1889-1924).
  8. Principe Chudadhut Dharadilok, principe di Phetchabun (สมเด็จพระเจ้าบรมวงศ์เธอ เจ้าฟ้าจุฑาธุชธราดิลก กรมขุนเพ็ชรบูรณ์อินทราชัย) (1892-1923).
  9. Principe Prajadhipok Sakdidej, principe di Sukhothai, (futuro re Prajadhipok) (พระบาทสมเด็จพระปกเกล้าเจ้าอยู่หัว) (1893-1941).

Onorificenze[modifica | modifica sorgente]

Dama Nobile dell'Ordine della regina Maria Luisa - nastrino per uniforme ordinaria Dama Nobile dell'Ordine della regina Maria Luisa

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ (EN) The King who gave birth to the Thai Red Cross, redcross.or.th
  2. ^ (EN) Little India in Bangkok Phahurat, videsh.com. URL consultato il 23 novembre 2012.

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]