Sao (astronomia)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Sao
(Nettuno XI)
Satellite di Nettuno
Scoperta 14 agosto 2002
Scopritori Matthew Holman et al.
Parametri orbitali
(all'epoca J2000)
Semiasse maggiore 22 422 000 km
0,1499 UA[1]
Periodo orbitale 2914,07 giorni
(7,9785 anni)
Inclinazione orbitale 48,511°
Inclinazione rispetto
all'equat. di Nettuno
65,22°
Eccentricità 0,2931
Dati fisici
Diametro equat. 48 km
Massa
9,0 × 1016 kg
Densità media 1,5 × 103 kg/m³
Acceleraz. di gravità in superficie 0,010 m/s²
Periodo di rotazione sconosciuto
Pressione atm. nulla
Albedo 0,16

Sao, o Nettuno XI, è un satellite minore di Nettuno, scoperto il 14 agosto 2002[2][3] da un gruppo di ricerca guidato da Matthew Holman e composto da John Kavelaars, Tommy Grav, Wesley Fraser e Dan Milisavljevic.[4] Nella stessa occasione furono scoperti anche altri due satelliti, Alimede e Laomedea.

Assegnazione del nome[modifica | modifica wikitesto]

I satelliti irregolari di Nettuno.

Al momento della scoperta fu chiamato con la designazione provvisoria di S/2002 N 2. Il suo nome, promulgato dall'Unione Astronomica Internazionale il 29 gennaio 2007, richiama quello di Sao (dal greco Σαώ), una Nereide secondo la mitologia greca, da cui sono tratti anche i nomi di altri satelliti esterni di Nettuno.

Parametri orbitali[modifica | modifica wikitesto]

Orbita intorno a Nettuno ad una distanza di circa 22,4 milioni di chilometri, con un'orbita caratterizzata da una notevole inclinazione, ma una modesta eccentricità in confronto agli altri satelliti irregolari di Nettuno. Nel diagramma che riporta le orbite dei satelliti irregolari del pianeta, i satelliti al di sopra dell'asse orizzontale hanno moto progrado, mentre quelli al do sotto hanno moto retrogrado. I segmenti gialli si estendono dal pericentro all'apocentro mettendo così in evidenza l'eccentricità.

Il satellite è in risonanza di Kozai, vale a dire che l'eccentricità e l'inclinazione sono accoppiate tra loro in modo che l'inclinazione dell'orbita aumenta al diminuire dell'eccentricità e viceversa.[4]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ R. A. Jacobson, [url http://ssd.jpl.nasa.gov/?sat_elem NEP078 – JPL satellite ephemeris] in Planetary Satellite Mean Orbital Parameters, 2008. URL consultato il 23 settembre 2009.
  2. ^ JPL, Planetary Satellite Discovery Circumstances, Jet Propulsion Laboratory, 21 luglio 2011. URL consultato il 24 ottobre 2011.
  3. ^ Daniel W. E. Green, Satellites of Neptune in IAU Circular, vol. 8047, 13 gennaio 2003. URL consultato il 24 ottobre 2011.
  4. ^ a b Holman, M. J.; Kavelaars, J. J.; Grav, T. et al. (2004). Discovery of five irregular moons of Neptune, https://www.cfa.harvard.edu/~mholman/nature_final.pdf. Nature, 430, (7002): 865–867. Bibcode http://adsabs.harvard.edu/abs/2004Natur.430..865H. http://dx.doi.org/10.1038%2Fnature02832. PMID 15318214

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]


Satelliti naturali di Nettuno Nettuno e Tritone
Componenti del sistema: NaiadeTalassaDespinaGalateaLarissaS/2004 N 1ProteoTritoneNereideAlimedeSaoLaomedeaPsamateNeso
Voci correlate: Anelli di Nettuno
Stub astronomia.png Questo box:     vedi · disc. · mod.
Sistema solare Portale Sistema solare: accedi alle voci di Wikipedia sugli oggetti del Sistema solare