Santuario di Kamo

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Se riscontri problemi nella visualizzazione dei caratteri, clicca qui.

Coordinate: 35°03′37″N 135°45′10″E / 35.060278°N 135.752778°E35.060278; 135.752778 Il santuario di Kamo, Kamigamo Jinja (上鴨神社?) e il santuario di Shimogamo, Shimogamo Jinja (下鴨神社?) sono due santuari shintoisti (jinja) di Kyōto, Giappone. Sono due tra i più antichi santuari di tutto il Giappone. Entrambi dedicati al dio (kami) del fulmine, i santuari sono i principali organizzatori del Matsuri Aoi, che cade in maggio e include una processione da un santuario all'altro, corse di cavalli, e sfilate di arcieria (yabusame). Come altri santuari e castelli di Kyōto, anche i santuari di Kamo e Shimogamo sono patrimonio dell'UNESCO.

Santuario di Kamigamo[modifica | modifica wikitesto]

Il santuario di Kamigamo, il cui nome significa il superiore, è effettivamente il più recente dei due santuari, datato intorno al VII secolo. È famoso per la sua sala haiden, ricostruita nel 1628. Un gran numero di abitazioni per i sacerdoti sono situate nei parchi attorno al santuario, e una, la casa di Nishimura è aperta al pubblico. Il santuario di Kamigamo è conosciuto anche con il nome santuario di Kamo Wakemizuchi.

Santuario di Shimogamo[modifica | modifica wikitesto]

Più a sud, il santuario di Shimogamo, il più antico dei santuari di Kamo, è in realtà solo di un secolo più vecchio, risale infatti al VI secolo. È conosciuto anche con il nome santuario di Kamomioya, e fu costruito in onore della allora capitale, Kyoto. È uno dei santuari dell'area a cui è affidato il compito di assicurare il successo delle annuali raccolte di riso. Il santuario di Shimogamo è collocato nella Tadasu no Mori (糺すの森), la Foresta della Verità un'antica foresta che, si dice, non sia mai bruciata e non sia mai stata toccata dall'uomo. La foresta ha sofferto in realtà, in particolare durante le guerre, ma è considerata ancora sacra e naturale in quanto è rifiorita spontaneamente senza che l'uomo fertilizzasse o piantasse alberi sani.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]