Santa María (nave)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Santa María
Una replica della Santa María
Una replica della Santa María
Descrizione generale
Banner of arms crown of Castille Habsbourg style.svg
Tipo Caracca
Destino finale Naufragata 26 dicembre 1492
Caratteristiche generali
Dislocamento 233
Lunghezza (coperta) 26,32 m
(galleggiamento) 21,76 m
(chiglia) 18,5 m
Larghezza 8 m
Propulsione a vela
Albero di trinchetto: 18,69 m (vela quadra)
Albero maestro: 27,25 m (due vele quadre)
Albero di mezzana: 13,73 m (vela latina al terzo)
Albero di bompresso: vela quadra di civada
Equipaggio 44
Armamento
Armamento 4 bombarde da 90 mm; colubrine e armi portatili

[senza fonte]

voci di navi presenti su Wikipedia

La Santa María fu la più grande delle tre navi utilizzate da Cristoforo Colombo nel suo primo viaggio attraverso l'oceano Atlantico nel 1492. Era di proprietà di Juan de la Cosa, il pilota di Colombo.

Tecnica[modifica | modifica sorgente]

La Santa María fu una caracca (nonostante comunemente venga ritenuta una caravella come le sue due compagne) e venne usata come nave ammiraglia della spedizione. Era lunga circa 27 m con un ponte e tre alberi, dei quali quelli di maestra e trinchetto a vele quadre e quello di mezzana a vela latina, una vela di civada sul bompresso; un ponte di coperta, castello di prora e un cassero rialzato di poppa con l'alloggio del capitano. Il timone, come per le navi dell'epoca, era privo di ruota di comando e si trasmetteva il movimento al timone stesso per mezzo di due corde. Era la più lenta dei vascelli di Colombo. Portava alcuni cannoni sul ponte inferiore, ed alcuni cannoncini girevoli posti sul castello di prua e su quello di poppa.[1]

Storia[modifica | modifica sorgente]

Il 25 dicembre 1492 durante una notte calmissima, durante la quale tutto l'equipaggio era andato a dormire meno un giovanissimo mozzo cui era stata affidata la barra del timone, si incagliò su una barriera corallina di Haiti andando persa. Il suo relitto venne ritrovato nel 1968. Il suo nome originale era La Gallega ("La Galiziana"), probabilmente perché venne costruita in Galizia[senza fonte] (ma era anche modo di dire eufemistico per indicare la prostituzione)[senza fonte]. Pare che i suoi marinai la chiamassero Marigalante.[senza fonte] Bartolomeo de Las Casas non usò mai i nomi La Gallega, Marigalante o Santa María nei suoi scritti, indicandola come la Capitana o La Nao (la nave).

Le altre navi della spedizione di Colombo furono la Niña e la Pinta.

Una sua replica è stata costruita a Columbus ed è ormeggiata sul fiume Scioto.

Un'altra replica venne costruita nel 1998 da Robert Wijntjie. Salpa, a pagamento, con visitatori da tutto il mondo per avvistare balene e delfini.

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ ricostruzione secondo scatola di montaggio Revell

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]