Santa Isabel (Isole Salomone)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Santa Isabel
Geografia fisica
Localizzazione Oceano Pacifico
Coordinate 8°00′21″S 159°01′50″E / 8.005833°S 159.030556°E-8.005833; 159.030556Coordinate: 8°00′21″S 159°01′50″E / 8.005833°S 159.030556°E-8.005833; 159.030556
Arcipelago Isole Salomone
Superficie 2999 km²
Altitudine massima 1220 m m s.l.m.
Geografia politica
stato Isole Salomone Isole Salomone
Città provincia di Isabel
ISO 3166-2 SOL
Centro principale Buala
Cartografia
SantaIsabelmap.png
Mappa di localizzazione: Isole Salomone
Santa Isabel
LocationSolomonIslands.png

[senza fonte]

voci di isole delle Isole Salomone presenti su Wikipedia
Mappa topografica di Santa Isabel.

Santa Isabel è l'isola più lunga tra le isole Salomone e la più grande della provincia di Isabel.

Geografia[modifica | modifica sorgente]

Ad ovest di Santa Isabel troviamo l'isola di Choiseul, a est l'isola di Malaita, a sud Guadalcanal e a nord c'è l'oceano pacifico.

La vetta più alta dell'isola è il monte Sasari la cui vetta si erge a 1220 metri sul livello del mare,[1] da questa montagna sgorga il fiume Marutho che sfocia nell'oceano presso Hofi.

Il centro amministrativo è Buala, dove si trova anche un aeroporto, un altro importante villaggio dell'isola è Samasodu.

Storia[modifica | modifica sorgente]

Il primo contatto europeo con le isole salomone avvenne in quest'isola ad opera degli esploratori spagnoli Pedro Sarmiento de Gamboa, Pedro de Ortega e Álvaro de Mendaña de Neira nel 1568 che crearono una colonia sul posto e costruirono un'imbarcazione per studiare le isole ed il mare circostante.

Molto presto gli spagnoli suscitarono le ostilità degli indigeni, e avendo poco cibo, non trovando oro ed essendo assediati dagli attacchi e dalle malattie trasferirono la colonia nell'odierna Honiara a Guadalcanal.

Gli abitanti di Santa Isabel si convertirono al cristianesimo all'inizio del XX secolo.

Lingue[modifica | modifica sorgente]

Gli abitanti di Santa Isabel usano altre otto lingue oltre all'inglese e la lingua Pijin

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Hammond World Travel Atlas. Union, N.J.: Hammond World Atlas Corporation, c. 2004-2005. ISBN 0843719826. Page 245

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]