Santa Cesarea Terme

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Santa Cesarea Terme
comune
Santa Cesarea Terme – Stemma
Santa Cesarea Terme – Veduta
Localizzazione
Stato Italia Italia
Regione Regione Puglia-Stemma it.png Puglia
Provincia Provincia di Lecce-Stemma.png Lecce
Amministrazione
Sindaco Pasquale Bleve (lista civica Cambiare si può) dal 27/05/2013
Territorio
Coordinate 40°02′00″N 18°28′00″E / 40.033333°N 18.466667°E40.033333; 18.466667 (Santa Cesarea Terme)Coordinate: 40°02′00″N 18°28′00″E / 40.033333°N 18.466667°E40.033333; 18.466667 (Santa Cesarea Terme)
Altitudine 56 m s.l.m.
Superficie 26,44 km²
Abitanti 3 027[1] (31-01-2013)
Densità 114,49 ab./km²
Frazioni Cerfignano, Porto Miggiano, Vitigliano
Comuni confinanti Castro, Minervino di Lecce, Ortelle, Otranto, Poggiardo, Uggiano la Chiesa
Altre informazioni
Cod. postale 73020
Prefisso 0836
Fuso orario UTC+1
Codice ISTAT 075072
Cod. catastale I172
Targa LE
Cl. sismica zona 4 (sismicità molto bassa)
Cl. climatica zona C, 1 178 GG[2]
Nome abitanti cesarini
Patrono santa Cesaria Vergine
Giorno festivo 12 settembre
Cartografia
Mappa di localizzazione: Italia
Santa Cesarea Terme
Posizione del comune di Santa Cesarea Terme all'interno della provincia di Lecce
Posizione del comune di Santa Cesarea Terme all'interno della provincia di Lecce
Sito istituzionale

Santa Cesàrea Terme (Santa Cisaria in dialetto salentino, fino al 1929 chiamata Santa Cesarea) è un comune italiano di 3.027 abitanti[3] della provincia di Lecce in Puglia.

Situato sulla costa orientale della penisola salentina, all'imbocco del Canale d'Otranto, è uno dei centri a maggiore vocazione turistica del Salento. È una stazione idrotermale[4].

Geografia fisica[modifica | modifica sorgente]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Geografia della Puglia.

Territorio[modifica | modifica sorgente]

Il territorio del comune di Santa Cesarea Terme, che occupa una superficie di 26,66 km² nella parte più orientale della provincia di Lecce, è compreso tra gli 0 e i 129 metri sul livello del mare. Presenta una morfologia pianeggiante all'interno, con distese di uliveti secolari, e una fascia costiera alta e frastagliata con faraglioni, grotte e piccole baie.

Santa Cesarea Terme

L'abitato di Santa Cesarea Terme è arroccato su un ripiano della scogliera che si affaccia sul Canale d'Otranto ed è attraversato dalla strada litoranea che collega Otranto a Santa Maria di Leuca. La località è caratterizzata dalla presenza di sorgenti termali di acque sulfureo-salso-bromoiodiche che sgorgano a una temperatura di 30° in quattro grotte denominate Gattulla, Solfurea, Fetida e Solfatara.
Dall'ottobre 2006 parte del suo territorio rientra nel Parco Costa Otranto - Santa Maria di Leuca e Bosco di Tricase istituito dalla Regione Puglia allo scopo di salvaguardare la costa orientale del Salento, ricca di pregiati beni architettonici e di importanti specie animali e vegetali.

Bagnato ad est dal Mar Ionio[5], confina a nord con i comuni di Otranto e Uggiano la Chiesa, ad ovest con i comuni di Minervino di Lecce e Poggiardo, a sud con i comuni di Ortelle e Castro.

Clima[modifica | modifica sorgente]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Clima della Puglia e Stazione meteorologica di Otranto-Punta Palascia.

Dal punto di vista meteorologico Santa Cesarea Terme rientra nel territorio del basso Salento che presenta un clima prettamente mediterraneo, con inverni miti ed estati caldo umide. In base alle medie di riferimento, la temperatura media del mese più freddo, gennaio, si attesta attorno ai +9 °C, mentre quella del mese più caldo, agosto, si aggira sui +35,1 °C. Le precipitazioni medie annue, che si aggirano intorno ai 676 mm, presentano un minimo in primavera-estate ed un picco in autunno-inverno.
Facendo riferimento alla ventosità, i comuni del basso Salento risentono debolmente delle correnti occidentali grazie alla protezione determinata dalle Serre Salentine che creano un sistema a scudo. Al contrario le correnti autunnali e invernali da Sud-Est, favoriscono in parte l'incremento delle precipitazioni, in questo periodo, rispetto al resto della penisola[6].

Santa Cesarea Terme Mesi Stagioni Anno
Gen Feb Mar Apr Mag Giu Lug Ago Set Ott Nov Dic Inv Pri Est Aut
T. max. mediaC) 12,4 13,0 14,8 18,1 22,6 27,0 29,8 38,0 26,4 21,7 17,4 14,1 13,2 18,5 31,6 21,8 21,3
T. min. mediaC) 5,6 5,8 7,3 9,6 13,3 17,2 19,8 20,1 17,4 13,7 10,1 7,3 6,2 10,1 19,0 13,7 12,3
Precipitazioni (mm) 80 60 70 40 29 21 14 21 53 96 109 83 223 139 56 258 676
Umidità relativa media (%) 79,0 78,9 78,6 77,8 75,7 71,1 68,4 70,2 75,4 79,3 80,8 80,4 79,4 77,4 69,9 78,5 76,3

Storia[modifica | modifica sorgente]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Storia del Salento e Storia della Puglia.

Nonostante le proprietà benefiche delle acque fossero note già dall'antichità, la nascita di un centro urbano a Santa Cesarea avvenne molto tardi, a causa dell'isolamento dovuto alle asperità del territorio. Solo all'indomani della costruzione di una strada agevole, nel XIX secolo, ebbe inizio lo sviluppo della cittadina termale. Lo sfruttamento delle acque solfuree e dei fanghi termali risale al II secolo a.C. e su questo oggi si basa l'economia della città. Le acque curative sgorgano da quattro grotte: la Gattulla, la Solfatara, la Solfurea e la Fetida. Il mito pagano collega la genesi delle acque solfuree al disfacimento dei corpi dei giganti Leuterni, uccisi da Eracle[8]. La versione cristiana vuole invece che Cesarea, o Cisaria, fosse una fanciulla con la precoce vocazione alla vita monastica. Il malvagio padre invece la voleva costringere ad accondiscendere ai suoi incestuosi propositi, e all'ennesimo rifiuto di Cesarea, egli la inseguì per ucciderla. Giunti in riva al mare la fanciulla, nascostasi in una grotta per sfuggire alle ire paterne, fu salvata dalle fiamme che avvolsero il padre, inghiottito poi dal mare.

Il centro, che si sviluppa con il nome di Marina di Santa Cesaria, dipese amministrativamente da Ortelle fino al 1913. Con legge n.753 del 25 giugno 1913 si stabilì la costituzione di un comune autonomo con il nome di Santa Cesarea (Santa Cesarea Terme dal 1929) che comprendesse anche le frazioni di Cerfignano, amministrato da Minervino di Lecce, e Vitigliano, amministrato da Ortelle.

Simboli[modifica | modifica sorgente]

Santa Cesarea Terme-Stemma.png

Descrizione:

« Lo stemma raffigura una torre con una bandiera, una pianta di tabacco e una grotta con un giglio. »

Monumenti e luoghi d'interesse[modifica | modifica sorgente]

Architetture religiose[modifica | modifica sorgente]

Chiesa Madre del Sacro Cuore

Chiesa Madre del Sacro Cuore[modifica | modifica sorgente]

La chiesa madre del Sacro Cuore, sorta nel XIV secolo sul luogo dove secondo la tradizione morì la Vergine Cesaria, venne affidata nel 1924 ai Frati Minori che la sostituirono con una nuova costruzione. Venne elevata a parrocchia nel 1954. Presenta una sobria facciata con portale e rosone centrali. L'interno, a tre navate, termina nel presbiterio che accoglie l'altare maggiore sovrastato dalla statua del Sacro Cuore di Gesù. Di interesse artistico è la statua in cartapesta di Santa Cesaria Vergine.

Altre chiese[modifica | modifica sorgente]

Cerfignano

  • Chiesa della Visitazione di Maria Vergine
  • Chiesa dell'Immacolata Concezione
  • Cappella di San Giuseppe
  • Cappella della Madonna di Costantinopoli

Vitigliano

Architetture civili[modifica | modifica sorgente]

Villa Sticchi

Villa Sticchi[modifica | modifica sorgente]

La villa costituisce una delle più importanti espressioni dello stile moresco, genere diffuso nell'Ottocento in alcune località balneari del Salento. L'edificio venne edificato per volontà di Giovanni Pasca, primo concessionario dello sfruttamento termale di Santa Cesarea, tra il 1894 e il 1900. Il sito si colloca a 20 metri s.l.m., su uno sperone roccioso. I lavori furono affidati a Pasquale Ruggieri.
All'esterno, la struttura si presenta circondata su tre lati da un porticato con archi poggianti su colonne tortili. La facciata si articola su due piani, collegati da una duplice rampa di scale culminante in un'ampia loggia con trifora. Delicati intagli nella pietra leccese, opera di maestranze locali, impreziosiscono porte e finestre; rimangono deboli tracce delle pitture in bianco, azzurro e rosso con arabeschi, stelle e motivi floreali. La grande cupola era accompagnata da quattro più piccole poste sopra le torri angolari. Il rivestimento esterno della cupola presentava motivi geometrici realizzati con intonaci riflettenti, secondo i dettami dell'architettura islamica.
All'interno, gli ambienti principali si sviluppano lungo un asse, con il vestibolo, il salone rettangolare e il vano absidato che sporge sulla terrazza. I pavimenti dei vani sono realizzati a mosaico con disegni geometrici.

Villa Raffaella

Villa Raffaella[modifica | modifica sorgente]

La villa fu edificata nella seconda metà dell'Ottocento come residenza estiva della baronessa Raffaella della famiglia Lubelli. Artefice dell'opera fu Emilio Corti, celebre architetto e ingegnere milanese, già autore dell'edificio che ospita lo stabilimento termale di Santa Cesarea. Lo stile è eclettico.

Palazzo Tamborino

L'imponente facciata si sviluppa armonicamente attraverso la sapiente disposizione di corpi aggettanti e spazi aperti, come la grande balaustra sorretta da archi su colonne. La torretta ottagonale e il terrazzo presentano un registro con motivi floreali che ne ingentiliscono l'aspetto severo. All'interno, un ingresso a pianta ottagonale introduce attraverso una scala al primo piano, dotato di ampie stanze voltate e decorate con stucchi. Attualmente la villa è adibita a struttura ricettiva.

Palazzo Tamborino[modifica | modifica sorgente]

Noto anche come Palazzo Miramare, fu fatto costruire nei primi anni del XX secolo dal senatore Vincenzo Tamborino. Era destinato a locazione. È situato a picco sulla scogliera e possiede un accesso privato al mare.

Architetture militari[modifica | modifica sorgente]

Torri costiere[modifica | modifica sorgente]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Torri costiere del Salento.
Torre Miggiano
Torre Santa Cesarea

Le torri costiere, tutte costruite nel XVI secolo, furono volute da Carlo V per la difesa del territorio salentino dalle insidie provenienti dal mare. Preoccupazione questa che spinse i regnanti del tempo a fortificare le città e i castelli e a provvedere le coste di una serie ininterrotta di torri di avvistamento, per formare una linea telegrafica in grado di comunicare anche all'interno eventuali allarmi. Le torri costiere presenti nel territorio di Santa Cesarea Terme sono quattro :

Aree naturali[modifica | modifica sorgente]

Terme[modifica | modifica sorgente]

Santa Cesarea Terme è sita su un lungo tratto di costa interessato dal fenomeno delle sorgenti termali. Le acque clorurate, solfuree e iodiche delle sorgenti di Santa Cesarea sgorgano a temperature variabili in quattro grotte naturali, comunicanti con il mare, denominate: Gattulla, Fetida, Sulfurea e Solfatara. Quando l'acqua delle grotte arriva negli stabilimenti viene sottoposta a un processo di eutermalizzazione, che la porta dai 30 °C originari ai 36-37 °C necessari per il suo utilizzo terapeutico. Il loro effetto benefico pare fosse noto fin da epoche remote presso gli abitanti della zona, ma la loro valorizzazione scientifica è databile alla fine dell'Ottocento e, soprattutto, ai primi del Novecento quando venne inaugurato lo stabilimento termale Gattulla (1910).

I bagni e i fanghi termali risultano particolarmente indicati per le patologie artroreumatiche, dermatologiche, delle vie respiratorie, postumi di traumi, nonché per le cure estetiche e antistress.

Società[modifica | modifica sorgente]

Evoluzione demografica[modifica | modifica sorgente]

Abitanti censiti[9]

Censimento 2001[10]:

  • Cerfignano - 1.633 abitanti
  • Vitigliano - 1.136 abitanti
  • Santa Cesarea Terme - 313 abitanti
  • Località Fraula - 9 abitanti
  • Case sparse - 4 abitanti

Etnie e minoranze straniere[modifica | modifica sorgente]

Al 31 dicembre 2010 a Santa Cesarea Terme risultano residenti 69 cittadini stranieri. Le nazionalità principali sono:[11]

Diffusione del dialetto Salentino

Lingue e dialetti[modifica | modifica sorgente]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi dialetto salentino.

Il dialetto parlato a Santa Cesarea Terme è il dialetto salentino nella sua variante meridionale. Il dialetto salentino, appartenente alla famiglia delle lingue romanze e classificato nel gruppo meridionale estremo, si presenta carico di influenze riconducibili alle dominazioni e ai popoli stabilitisi in questi territori nei secoli: messapi, greci, romani, bizantini, longobardi, normanni, albanesi, francesi, spagnoli.

Cultura[modifica | modifica sorgente]

Istruzione[modifica | modifica sorgente]

Scuole[modifica | modifica sorgente]

Nel comune di Santa Cesarea Terme hanno sede due scuole dell'infanzia (Cerfignano e Vitigliano), due scuole primarie (Cerfignano e Vitigliano) e una scuola secondaria di 1º grado (Cerfignano) appartenenti all'Istituto Comprensivo Statale di Minervino di Lecce.

Musei[modifica | modifica sorgente]

Museo del Mare[modifica | modifica sorgente]

Allestito nei locali dell'ex convento dei Frati Minori, è articolato in tre sezioni che illustrano la vita del mare attraverso i reperti e le collezioni raccolte da Umberto Pessolano, Direttore scientifico del Museo e Leo Paiano, presidente dell'associazione "ECODIMARE", nel corso dei loro viaggi ed esplorazioni nel mondo. Il Museo del Mare ospita bivalvi, gasteropodi, cefalopodi, crostacei, echinodermi e poriferi che popolano non solo il mare Mediterraneo ma anche i mari esotici. È presente una collezione di attrezzature subacquee ed ingegni del mare che ricostruisce la storia della subacquea[12].

Museo degli Orologi delle Torri Civiche[modifica | modifica sorgente]

Il museo ha sede in alcune sale del Palazzo Gargasole di Vitigliano. Voluto dall'amministrazione comunale, con il contributo del Programma LEADER + del GAL Capo Santa Maria di Leuca, ospita gli antichi orologi delle torri civiche dei tre centri del comune.
Le tre comunità ebbero infatti il proprio orologio civico fino agli anni novanta, quando vennero sostituiti da macchine più moderne. L'orologio di Vitigliano fu costruito dalla ditta Granaglia di Torino agli inizi del Novecento, mentre quello di Cerfignano è opera della Premiata Fabbrica di orologi di Fontana Cesare di Milano (datato 1911). L'orologio di Santa Cesarea risale presumibilmente al periodo 1945-1950, ma non è nota la ditta costruttrice. Custoditi per alcuni anni in un deposito comunale, sono stati recuperati da un artigiano orologiaio. Nell'atrio del Palazzo Gargasole è stata ricostruita una Torre dell'Orologio, che rende visibile la complessità dei meccanismi che sottendono al funzionamento del restaurato orologio di Santa Cesarea Terme. Negli altri ambienti del piano terra sono esposti gli orologi di Cerfignano e Vitigliano. In una delle sale viene proiettata la clip del tempo, un viaggio a ritroso in queste tre comunità del Salento. L'offerta culturale di Palazzo Gargasole si completa con la mostra permanente dei fossili.

Persone legate a Santa Cesarea Terme[modifica | modifica sorgente]

Eventi[modifica | modifica sorgente]

  • Sagra della Cuddura - Lunedì dell'Angelo (pane con uovo lesso)
  • Festa patronale di Santa Cesarea Vergine - 11 e 12 settembre

Geografia antropica[modifica | modifica sorgente]

Frazioni[modifica | modifica sorgente]

Cerfignano[modifica | modifica sorgente]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Cerfignano.

Cerfignano è il centro urbano più abitato del comune di Santa Cesarea Terme. Conta 1.633 abitanti[10] ed è situato a 3 km dal capoluogo comunale in direzione nord. Fu comune autonomo fino al 1829, quando un regio decreto ne stabilisce l'unione in amministrazione comunale a Minervino di Lecce. Nel 1913 Cerfignano è distaccata da Minervino per formare, con Vitigliano e Marina di Santa Cesaria, il nuovo ente comunale.

Vitigliano[modifica | modifica sorgente]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Vitigliano.

Vitigliano ha una popolazione di 1.136 abitanti[10] ed è situato ad ovest del capoluogo comunale a 4 km di distanza. Le origini antichissime del centro sono testimoniate da un menhir e dal Cisternale, un monumento legato alle usanze del culto divino nel periodo della civiltà messapica. Vitigliano rimane comune autonomo fino al 1829, quando un Regio Decreto stabilì nuovi comuni nella zona. Per effetto di quel Regio Decreto, a partire dal primo gennaio 1830, il paese venne assegnato come frazione ad Ortelle fino al 1913.

Porto Miggiano[modifica | modifica sorgente]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Porto Miggiano.
La baia di Porto Miggiano

Porto Miggiano è una località costiera a sud del centro abitato di Santa Cesarea Terme. Si tratta principalmente di una caletta rocciosa incastonata in un'insenatura caratterizzata da alte falesie calcaree. La costa è costellata da piccole grotte abitate sin dalla preistoria. Nella località è presente l'omonima torre cinquecentesca e un piccolo porticciolo turistico. Nel XVI secolo vi erano le cave di estrazione dei conci di carparo per la costruzione delle torri difensive.

Economia[modifica | modifica sorgente]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Economia della Puglia.

L'economia del comune di Santa Cesarea Terme è principalmente legata al turismo termale e balneare. Numerose sono le strutture ricettive presenti lungo la costa cesarina, camping attrezzati e discoteche che svolgono un richiamo prettamente estivo. Nelle frazioni, la cui economia è da sempre stata legata all'agricoltura e alla coltivazione dell'ulivo, si sono sviluppate di recente piccole attività legate al settore turistico e commerciale.

Infrastrutture e trasporti[modifica | modifica sorgente]

Strade[modifica | modifica sorgente]

I collegamenti stradali principali sono rappresentati da:

Il centro è anche raggiungibile dalle strade provinciali interne SP61 Cerfignano-Santa Cesarea Terme, SP259 Santa Cesarea Terme-Vignacastrisi, SP358 Strada litoranea Otranto-Santa Maria di Leuca.

Ferrovie[modifica | modifica sorgente]

La stazione ferroviaria più vicina è quella di Poggiardo posta sulla linea Maglie-Gagliano del Capo delle Ferrovie Sud Est. La stazione di Lecce, che permette di raggiungere le principali località italiane e regionali, dista 48 km.

Amministrazione[modifica | modifica sorgente]

Gemellaggi[modifica | modifica sorgente]

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Dato Istat - Popolazione residente al 31 gennaio 2013.
  2. ^ Tabella dei gradi/giorno dei Comuni italiani raggruppati per Regione e Provincia (PDF) in Legge 26 agosto 1993, n. 412, allegato A, Ente per le Nuove Tecnologie, l'Energia e l'Ambiente, 1 marzo 2011, p. 151. URL consultato il 25 aprile 2012.
  3. ^ Dati demo.istat.it - Bilancio demografico mensile del 31/01/2013
  4. ^ [1] Puglia Portale Ufficiale del Turismo
  5. ^ Mare Adriatico secondo alcune convenzioni nautiche.
  6. ^ http://clima.meteoam.it/AtlanteClimatico/pdf/(332)Lecce%20Galatina.pdf Tabelle climatiche 1971-2000 dall'Atlante Climatico 1971-2000 del Servizio Meteorologico dell'Aeronautica Militare
  7. ^ Pagina con le classificazioni climatiche dei vari comuni italiani.
  8. ^ Strabone Leutarnia
  9. ^ Statistiche I.Stat - ISTAT;  URL consultato in data 28-12-2012.
  10. ^ a b c Censimento Istat 2001.
  11. ^ Dati Istat
  12. ^ Sito del Ministero per i Beni e le Attività Culturali

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

  • L. A. Montefusco, Le successioni feudali in Terra d'Otranto, Istituto Araldico salentino, Lecce, 1994
  • (AA.VV.): Salento. Architetture antiche e siti archeologici - Edizioni del Grifo, 2008
  • De Marco Mario, Torri e castelli del Salento. Itinerario costiero, Capone L., 1994
  • Ferrara Caterina, Le torri costiere della penisola salentina. Sentinelle di pietra a difesa del territorio, Progeca, 2008

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]