Sant'Antonio Abate (Italia)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Sant'Antonio Abate
comune
Sant'Antonio Abate – Stemma
Localizzazione
Stato Italia Italia
Regione Regione-Campania-Stemma.svg Campania
Provincia Provincia di Napoli-Stemma it.png Napoli
Amministrazione
Sindaco Antonio Varone (UDC) dal 25/05/2014
Territorio
Coordinate 40°43′20″N 14°32′40″E / 40.722222°N 14.544444°E40.722222; 14.544444 (Sant'Antonio Abate)Coordinate: 40°43′20″N 14°32′40″E / 40.722222°N 14.544444°E40.722222; 14.544444 (Sant'Antonio Abate)
Altitudine 20 m s.l.m.
Superficie 7,93 km²
Abitanti 24 129[1] (31-12-2010)
Densità 3 042,75 ab./km²
Frazioni Casa Iovine, Fusara, Buonconsiglio, Pontone
Comuni confinanti Angri (SA), Gragnano, Lettere, Pompei, Santa Maria la Carità, Scafati (SA)
Altre informazioni
Cod. postale 80057
Prefisso 081
Fuso orario UTC+1
Codice ISTAT 063074
Cod. catastale I300
Targa NA
Cl. sismica zona 3 (sismicità bassa)
Nome abitanti abatesi
Patrono sant'Antonio abate, compatrono san Gerardo Maiella
Giorno festivo 17 gennaio
Cartografia
Mappa di localizzazione: Italia
Sant'Antonio Abate
Posizione del comune di Sant'Antonio Abate nella provincia di Napoli
Posizione del comune di Sant'Antonio Abate nella provincia di Napoli
Sito istituzionale

Sant'Antonio Abate (Sant'Antuono in napoletano) è un comune italiano di 19.726 abitanti della provincia di Napoli in Campania.

Geografia fisica[modifica | modifica wikitesto]

Sito nella pianura sovrastata dalla catena dei Monti Lattari, culminante nella penisola sorrentina con la vetta del Faito, Sant'Antonio Abate si estende nell'immediato entroterra stabiese (Ager Stabianus) e, in parte, nell'Agro Nocerino Sarnese.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Di origini amministrative recenti, la cittadina si è costituita comune autonomo nel 1925, distaccandosi nel 1929 dalla sovrastante Lettere. Il suo territorio è stato abitato, sin dalle epoche remote, da popolazioni indigene e di origini indoeuropee come gli Opici, gli Osci, gli Etruschi, i Greci, i Sanniti, i Campani ed i Romani. Soprattutto la civiltà di questi ultimi è documentata da numerosi reperti archeologici, riportati alla luce in loco in anni di ricerche.

Di particolare importanza storica è stato lo scontro finale della guerra Gotico-Greca, specialmente nella Battaglia dei Monti Lattari, avvenuta in territorio abatese e risoltasi con la diaspora dei Goti e la morte del loro re Teia, il quale fu molto probabilmente ucciso in territorio abatese e buttato in un pozzo, presso la località Pozzo dei Goti di Angri. Dopo un oscuro periodo di abbandono fino all'anno Mille, la cittadina ha conosciuto, a partire dall'XI secolo, una lenta ripresa economica grazie alla bonifica delle zone paludose, un tempo molto estese, favorita anche dalla nascita, intorno al XV secolo, delle prime masserie che hanno costituito il nucleo del vecchio "Borgo di Sant'Antuono".

Nei secoli successivi il paese si è sviluppato gradatamente, fondando la sua ricchezza sull'agricoltura prima e sulle attività ad esso connesse poi. Negli ultimi anni l'economia di Sant'Antonio Abate si è concentrata soprattutto sul settore industriale della trasformazione del pomodoro e delle colture specializzate in serre che hanno comportato anche, tra le altre, lo sviluppo delle attività del terziario.

Sport[modifica | modifica wikitesto]

La compagine calcistica principale di Sant'Antonio Abate è il Football Club Sant'Antonio Abate, ex campione della Coppa Italia di Serie D ed attualmente militante proprio in Eccellenza regionale, dopo circa sette presente nel massimo campionato dei dilettanti. La città ospita la squadra di Basket G.S.A. Primavera Abatese e la squadra di pallavolo Juvenila Abatese: entrambe le squadre giocano le partite casalinghe al PalaTenda, costruito nel 2013, primo palazzetto dello sport del paese. Dal 2012, inoltre, è affiliata alla Fitet (Federazione Italiana Tennistavolo) l'ASD TT Sant'Antonio Abate, squadra trasferitasi, però, dal vicino comune di Angri.

È originario di Sant'Antonio Abate il calciatore italiano Gennaro Scognamiglio, attualmente in forza al Perugia, in prestito dal Parma, al momento militante in Lega Pro Prima Divisione.

Stemma civico[modifica | modifica wikitesto]

Lo stemma civico di Sant'Antonio si ispira alla presenza del Castello di Lettere sulla omonima collina. Il castello è posto su di uno scudo ornato da una corona e due rami di ulivo, uniti da un fiocco.

Cultura[modifica | modifica wikitesto]

Ogni anno, nei giorni circostanti al 17 gennaio (Sant'Antonio), si tiene la sagra della porchetta. Da notare inoltre che, prima del 1929, quando il comune di Sant'Antonio Abate apparteneva alla gestione comunale di Lettere la popolazione andava a piedi fino a Lettere per venerare la santa patrona Sant'Anna.

Religione[modifica | modifica wikitesto]

La maggior parte della popolazione è cattolica di rito latino.

La città fa parte dell'Arcidiocesi di Sorrento-Castellammare di Stabia ed il santo patrono è Sant'Antonio Abate, compatrono San Gerardo Maiella.

Il 2 febbraio 1931 don Mosè Mascolo vi fondò la congregazione delle Suore Gerardine di Sant'Antonio Abate.

Persone legate a Sant'Antonio Abate[modifica | modifica wikitesto]

Evoluzione demografica[modifica | modifica wikitesto]

Abitanti censiti[2]

Amministrazione[modifica | modifica wikitesto]

Elezioni comunali del 2014[modifica | modifica wikitesto]

Elezioni comunali a Sant'Antonio Abate
Comune Sant'Antonio Abate
Data 25 maggio 2014
Candidati Antonio Varone Nicola Mercurio
Partito indipendente centro-destra
I turno 8.965
70,15 %
2.596
20,31 %
Sindaco uscente
Antonio Varone (UDC)
Left arrow.svg 2009 2019 Right arrow.svg
Candidati e Liste Voti  % Seggi
Antonio Varone 8.965 70,15
Federazione abatese 2.344 18,68 4
Progetto Abatese 1.711 13,63 2
Sant'Antonio Abate Oltre 1.638 13.05 2
Varone Sindaco 1.615 12,87 2
Uniti per Varone 1.223 9,74 2
Insieme X Sant'Antonio Abate 1.051 8,37 1
Nicola Mercurio 2.596 20,31
Nuovo Centrodestra - Unione di Centro 1.188 9,46 1
Siamo il Paese 1.058 8,43 1
Work in Progress 144 1,14 -
Sant'Antonio Abate Protagonista 139 1,10 -
Pasqualino D'Aniello 1.217 9,52
La Città Giusta - SEL 436 3,47 -
Totale alle liste
TOTALE

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Dato Istat - Popolazione residente al 31 dicembre 2010.
  2. ^ Statistiche I.Stat - ISTAT;  URL consultato in data 28-12-2012.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]