Anna (madre di Maria)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
(Reindirizzamento da Sant'Anna)
bussola Disambiguazione – "Sant'Anna" rimanda qui. Se stai cercando altri significati, vedi Sant'Anna (disambigua).
Sant'Anna
Maestro di Moulins, Incontro di Anna e Gioacchino alla Porta Aurea Londra, National Gallery.
Maestro di Moulins, Incontro di Anna e Gioacchino alla Porta Aurea
Londra, National Gallery.

Madre della Beata Vergine Maria

Nascita I secolo a.C.
Venerata da Tutte le Chiese che ammettono il culto dei santi
Canonizzazione pre canonizzazione
Ricorrenza 26 luglio
Patrona di Caserta, Mainar, [ARCO Tn]

[partorienti, madri, nonne

Anna (Sapphira [1] –, I secolo a.C. – ...) è considerata dalla tradizione cristiana la moglie di Gioacchino e la madre di Maria Vergine ed è venerata come santa.

I genitori di Maria non sono mai nominati nei testi biblici canonici; la loro storia fu narrata per la prima volta negli apocrifi Protovangelo di Giacomo e Vangelo dello pseudo-Matteo, per poi arricchirsi di dettagli agiografici nel corso dei secoli, fino alla Legenda Aurea di Jacopo da Varagine.

Molti santi orientali hanno predicato su sant'Anna, quali, ad esempio, San Giovanni Damasceno, Sant'Epifanio di Salamina, San Sofronio di Gerusalemme.

Le vicende della santa furono poi raccolte nel De Laudibus Sanctissime Matris Annae tractatus del 1494.

Agiografia[modifica | modifica wikitesto]

Secondo i vangeli apocrifi Anna era figlia di Achar, della tribù di Levi e sorella di Esmeria, madre di santa Elisabetta e nonna del Battista. Giuseppe d'Arimatea era suo zio materno. Il suo matrimonio con Gioacchino, uomo virtuoso e molto ricco della tribù del Regno di Giuda e della stirpe di Davide, non produsse prole, anche dopo venti anni, a causa della sterilità del marito: umiliato pubblicamente (un uomo di nome Ruben gli aveva impedito di sacrificare al tempio per non aver dato figli a Israele), Gioacchino si ritirò nel deserto, tra i pastori. Mentre erano separati, un angelo sarebbe apparso ad Anna e le avrebbe annunciato l'imminente concepimento di un figlio: lo stesso angelo sarebbe apparso contemporaneamente in sogno anche a Gioacchino. I due si incontrarono alla Porta Aurea di Gerusalemme: gli autori medievali vedono nel loro casto bacio il momento dell'immacolato concepimento di Maria. Secondo la tradizione Anna e Gioacchino, con Maria bambina, abitavano a Gerusalemme nei pressi dell'attuale Porta dei Leoni, nella parte nord orientale della città vecchia, laddove ci sono i resti della piscina di Betzaeta. Oggi nel luogo dove avrebbero abitato e dove sarebbe cresciuta Maria sorge una chiesa costruita dai crociati nel XII secolo, dedicata a sant'Anna e custodita dai Padri Bianchi.

La tradizione vuole che le reliquie della santa furono salvate dall'essere distrutte dallo stesso centurione Longino. I resti furono poi custoditi in Terra Santa finché ad opera di alcuni monaci non giunsero in Francia dove rimasero per anni. Durante le famose incursioni ottomane, l'intero corpo fu chiuso in una bara di cipresso e murato, per precauzione, in una cappella scavata sotto la nascente cattedrale di Apt. Molti anni dopo avvenne il ritrovamento, preceduto e seguito, secondo i racconti, da diversi miracoli che portarono all'identificazione del corpo, grazie perlopiù ad una scritta in greco. In seguito ne avvenne la smembratura e divisione fra i vari nobili ed il clero, attualmente il suo teschio viene custodito e portato in processione il 27 luglio a Castelbuono in Sicilia. Tra i presunti miracoli si ricorda il "lumino", rimasto acceso accanto alla bara di cipresso per anni nonostante l'assenza di aria.

Nell'arte e nel culto[modifica | modifica wikitesto]

Gli episodi della storia di Anna e Gioacchino vengono spesso rappresentati nelle raffigurazioni della Vita Christi; celebri quelle di Giotto del 1305 nella cappella degli Scrovegni, a Padova. A partire dall'alto medioevo si diffuse l'iconografia di sant'Anna metterza (con Maria e il Bambino Gesù), ripresa anche dal Masaccio e da Leonardo.

La Chiesa ortodossa celebra la festa di sant'Anna il 25 luglio; la Chiesa cattolica con papa Sisto IV ha fissato la data della memoria liturgica al 26 luglio. Vengono venerati anche dalla Chiesa copta.

La santa è invocata come protettrice delle madri e delle partorienti.

La famiglia di Hiram (Gioacchino) è il titolo della seconda sura del Corano (la più lunga).

A sant'Anna sono intitolate numerose congregazioni religiose: le suore della Carità di Sant'Anna, fondate da María Rafols nel 1804 a Saragozza; le suore di Sant'Anna, sorte a Torino nel 1834 a opera della beata Maria Enrichetta Dominici; le suore di Sant'Anna di Lachine, istituite in Québec nel 1850 da Marie-Anne Sureau Blondin; le figlie di Sant'Anna, fondate a Piacenza l'8 dicembre 1866 da Anna Rosa Gattorno.

Immagini dalla Cappella degli Scrovegni (Padova)[modifica | modifica wikitesto]

Chiese dedicate a Sant'Anna (selezione)[modifica | modifica wikitesto]

Numerose sono le chiese dedicate a Sant'Anna:

Confraternite dedicate a Sant'Anna[modifica | modifica wikitesto]

  • Congregazione di Sant'Anna al Borgo Vecchio (Palermo) 1555
  • Congregazione di Sant'Anna (Castelbuono)

Culto e feste dedicate alla Santa[modifica | modifica wikitesto]

  • Altofonte (PA): festa patronale di Sant'Anna con solenne processione del simulacro
  • Belvedere di Siracusa: festa di Sant'Anna con processione del simulacro
  • Caserta: festa patronale di Sant'Anna con processione del simulacro trionfalmente portato per le vie della città
  • Castelbuono (PA): 17-27 luglio, festa patronale con 8 processioni del simulacro (17-24) e processione della Sacra Reliquia (27) scortata dalle confraternite, dal simulacri della Madonna del rosario e dalle reliquie del Beato Guglielmo.
  • Forino (AV): nella frazione Celzi il 26 luglio la statua viene portata per le vie del paese con la statua della Madonna del Carmine, dopo processione per tradizione si fa il "ciuccio di fuoco".
  • Floresta (ME): festa patronale di Sant'Anna con caratteristica processione "ballata"
  • Jelsi (CB): 26 luglio, festa di Sant'Anna (compatrona) con abbondante offerta votiva di grano trasportato su carri e su slitte di legno chiamate traglie.
  • Palermo, borgo vecchio: Domenica successiva al 26 luglio, festa del quartiere (di cui è stata eletta patrona) con novenario e solenne processione del simulacro.
  • Rezzato (BS):Festa patronale di Sant' Anna con solenne processione e sfilata di tutti i santi, l'ultima domenica di luglio.
  • Santa Flavia (PA): 26 luglio, festa patronale di Sant'Anna con solenne processione (Triunfi) del simulacro con caratteristica "ballata"
  • Santa Caterina di Villarmosa : 26 luglio, festa e processione con il simulacro
  • Tovere di Amalfi (SA) : 26 luglio, festa paesana con banda musicale, processione e brevi fuochi pirotecnici.
  • Riola Sardo (OR): festa patronale di Sant'Anna con processione del simulacro e fuochi pirotecnici.
  • Boves (CN): 26 Luglio Festa Patronale Frazione Sant'Anna di Boves con Concerti, Cene a tema, Torneo Calcio saponato, bocce e messa solenne.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ località nei pressi di Ramallah, abbandonata dopo il 1948.
  2. ^ Sito ufficiale della Parrocchia S.Anna, Pietro Leoni.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità VIAF: 120155150 LCCN: n/81/96009