Sant'Anatolia di Narco

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Sant'Anatolia di Narco
comune
Sant'Anatolia di Narco – Stemma
Sant'Anatolia di Narco – Veduta
Localizzazione
Stato Italia Italia
Regione Regione-Umbria-Stemma.svg Umbria
Provincia Provincia di Perugia-Stemma.png Perugia
Amministrazione
Sindaco Tullio Fibraroli (lista civica) dal 25/05/2014
Territorio
Coordinate 42°44′00″N 12°50′00″E / 42.733333°N 12.833333°E42.733333; 12.833333 (Sant'Anatolia di Narco)Coordinate: 42°44′00″N 12°50′00″E / 42.733333°N 12.833333°E42.733333; 12.833333 (Sant'Anatolia di Narco)
Altitudine 328 m s.l.m.
Superficie 47,32 km²
Abitanti 592[1] (31-12-2010)
Densità 12,51 ab./km²
Frazioni Caso, Castel San Felice, Gavelli, Grotti, San Martino Agelli, Tassinare
Comuni confinanti Monteleone di Spoleto, Poggiodomo, Scheggino, Spoleto, Vallo di Nera
Altre informazioni
Cod. postale 06040
Prefisso 0743
Fuso orario UTC+1
Codice ISTAT 054045
Cod. catastale I263
Targa PG
Cl. sismica zona 1 (sismicità alta)
Nome abitanti narcani
Patrono Sant'Anatolia
Giorno festivo 9 luglio
Cartografia
Mappa di localizzazione: Italia
Sant'Anatolia di Narco
Posizione del comune di Sant'Anatolia di Narco all'interno della provincia di Perugia
Posizione del comune di Sant'Anatolia di Narco all'interno della provincia di Perugia
Sito istituzionale

Sant'Anatolia di Narco è un comune italiano di 581 abitanti della provincia di Perugia.

Geografia fisica[modifica | modifica sorgente]

Storia[modifica | modifica sorgente]

Situata in prossimità del fiume Nera, la località era abitata fin dall'antichità ma deve il suo aspetto attuale al periodo tardomedievale.

Il castello che domina l'abitato è della seconda metà del XII secolo mentre le mura furono costruite due secoli più tardi.

Monumenti e luoghi d'interesse[modifica | modifica sorgente]

La chiesa parrocchiale di Sant'Anatolia contiene pregevoli affreschi del XIV secolo. Di grande interesse artistico è anche la piccola chiesa di Santa Maria delle Grazie in stile rinascimentale. Di recente è stata oggetto di attento restauro conservativo eseguito dalla ditta De Feo Antonio di Roma una delle più imporatanti imprese di restauro italiane.

Il convento di Santa Croce, sorse nel XIII secolo. Vi visse nel XIV secolo la beata Cristina, terziaria francescana.[2] Lasciato in abbandono, venne ricostruito nel 1610. Si trovava sotto il giuspatronato della basilica lateranense e fu attribuito all'ordine francescano. A Sant'Anatolia è attivo dal 2008 il Museo della Canapa, che ha sede nel cinquecentesco palazzo comunale e costituisce una delle antenne dell’ Ecomuseo della Dorsale Appenninica Umbra. Esso ripercorre le vicende dello sviluppo di tale coltivazione nei secoli nella media Valnerina.

Società[modifica | modifica sorgente]

Evoluzione demografica[modifica | modifica sorgente]

Abitanti censiti[3]

Persone legate a Sant'Anatolia di Narco[modifica | modifica sorgente]

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Dato Istat - Popolazione residente al 31 dicembre 2010.
  2. ^ Lodovico Iacobilli, Vite de' Santi e Beati dell'Umbria, e di quelli i corpi de' quali riposano in essa provincia, Foligno, 1647-61, III tomo p. 293 V.
  3. ^ Statistiche I.Stat - ISTAT;  URL consultato in data 28-12-2012.

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]