Sanpellegrino

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Sanpellegrino S.p.A.
Logo
Stato Italia Italia
Tipo Società per azioni
Fondazione 1899 a San Pellegrino Terme (BG)
Sede principale Milano
Gruppo Svizzera Nestlé
Settore Alimentare
Prodotti
Sito web www.sanpellegrino.it

La Sanpellegrino S.p.A. è un'azienda italiana che produce acqua minerale e bevande soft drink, fondata nel 1899 a San Pellegrino Terme, in provincia di Bergamo.

Ha sede a Milano ma gli stabilimenti di produzione sono a San Pellegrino Terme; controlla numerosi altri marchi nel settore delle acque minerali (ad esempio Levissima, Recoaro) e fa capo alla svizzera Nestlé.

Storia[modifica | modifica sorgente]

La Sanpellegrino conta in Italia 10 siti produttivi compresa la sede centrale e occupa circa 1.850 lavoratori; gestisce marchi come Vera, Levissima, Recoaro, S. Bernardo, Panna e Pejo per un fatturato che si aggira intorno ai 900 milioni di euro.

Le proprietà dell'acqua che sgorga nel comune di San Pellegrino Terme sono note sin dal XV secolo: è documentato che persino Leonardo da Vinci ebbe modo di visitare il paese brembano e in quell'occasione definì "miracolosa" l'acqua di San Pellegrino[senza fonte].

Una bottiglia da 75 cl in vendita negli Stati Uniti.

La Sanpellegrino deve il suo grande sviluppo avvenuto tra la seconda metà dell'XIX secolo e l'inizio del '900 alla nascita dello stabilimento termale (1839) e al conseguente afflusso di visitatori.

Nel 1899 viene fondata la Società Anonima delle Terme di San Pellegrino e inizia la produzione industriale dell'acqua Sanpellegrino; in quest'anno vengono prodotte 35.343 bottiglie di acqua frizzante, di cui oltre 5.000 destinate all'estero. Nel 1908 le bottiglie S. Pellegrino raggiungono già i cinque continenti: oltre che nelle principali città europee l'acqua S. Pellegrino è venduta anche al Cairo, a Tangeri, a Shangai, negli USA, in Brasile, Perù e Australia.

Cassette di bottiglie vuote nello stabilimento di San Pellegrino Terme

Nel 1932 all'acqua si affianca l'aranciata, prodotta utilizzando l'acqua S.Pellegrino.

Nel 1957 la Sanpellegrino acquista l'Acqua Panna, che produce acqua non gassata; la Sanpellegrino ha inoltre imbottigliato fino a qualche anno fa un'altra acqua non gassata, l'acqua Limpia, che sgorga anch'essa nel comune di San Pellegrino Terme.

Nel 1970 l'azienda assume l'attuale denominazione di Sanpellegrino S.p.A.; in quegli anni la società è la principale produttrice di bevande in Italia. Oltre all'acqua e all'aranciata, sono numerosissime le altre bevande gassate prodotte, la più famosa delle quali è il bitter S.Pellegrino (Sanbittèr), aperitivo di colore rosso.

Nel 1997 la famiglia Mentasti cede la proprietà della Sanpellegrino alla multinazionale svizzera Nestlé attraverso la controllata Perrier Vittel[1].

L'acqua S.Pellegrino ha un ruolo primario nel panorama internazionale: nella sola New York se ne consumano oltre 50.000 bottiglie al giorno nei ristoranti. Nell'ottobre 2006 è stato superato il traguardo dei 500 milioni di bottiglie d'acqua vendute in un anno in 110 Paesi del mondo.

L'acqua è prodotta in bottiglie sia di vetro a rendere sia di plastica; le bibite sono prodotte principalmente in lattine, ma anche in bottigliette di vetro e in bottiglie di plastica.

Premi e Riconoscimenti[modifica | modifica sorgente]

S. Pellegrino è stata premiata dell'Istituto Internazionale del Gusto e della Qualità (iTQi) di Bruxelles con il Superior Taste Award[2].

Principali prodotti[modifica | modifica sorgente]

Chinò
  • Acqua minerale
  • Aranciata (dolce, amara, rossa)
  • Chinò (chinotto) e Chinò Energy
  • One O One
  • Sanbittèr (Bitter analcolico)
  • Acqua tonica (Old Tonic)
  • Spell (gassosa)
  • Limonata
  • Mandarino
  • Cedrata
  • BB The (tè freddo)
  • Spuma
  • Cocktail
  • Nano Ghiacciato (aperitivo a base di vino bianco)

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ L' Acqua San Pellegrino Finisce In Mani Francesi - La Repubblica.It
  2. ^ iTQi - Crystal Taste Award

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

cucina Portale Cucina: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di cucina