Sangiaccato di Nablus

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Sangiaccato di Nablus
ex sangiaccato
Localizzazione
Stato bandiera Impero Ottomano
Vilayet Siria
Amministrazione
Capoluogo Nablus
Data di soppressione 1888
Territorio
Coordinate
del capoluogo
32°13′13″N 35°16′44″E / 32.220278°N 35.278889°E32.220278; 35.278889 (Sangiaccato di Nablus)Coordinate: 32°13′13″N 35°16′44″E / 32.220278°N 35.278889°E32.220278; 35.278889 (Sangiaccato di Nablus)
Abitanti
Kaza Nablus, Jenin, Tulkarem
Altre informazioni
Fuso orario
Cartografia

Sangiaccato di Nablus – Localizzazione

Il Sangiaccato di Nablus è stato una provincia dell'Impero ottomano fino al 1918. Parte della Palestina, la quale faceva parte del vilayet di Sham (Siria), il Sangiaccato di Nablus - fino al 1888 chiamato Belqa - era diviso in tre cazà (Nablus, Jenin, Tulkarem). Nel 1888, quando venne creato il vilayet di Beirut, il Sangiaccato venne compreso nel suo territorio.

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

Storia Portale Storia: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Storia