Sancho VI di Guascogna

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Sancho di Guascogna (... – 1032) è stato un sovrano franco, duca di Guascogna e conte di Bordeaux.

Origine[modifica | modifica sorgente]

Figlio secondogenito di Guglielmo I e di Urraca di Navarra, vedova del conte Fernán González, (910-970), figlia del re di Navarra García I.

Biografia[modifica | modifica sorgente]

Fu educato a Pamplona, alla corte di Navarra, presso il cognato il re di Navarra Sancho III.

Come il padre Guglielmo, partecipò alla "Reconquista".

Il 25 dicembre 1009, alla morte di suo fratello Bernardo I, gli succedette nel titolo di duca di Guascogna.

Data la forte personalità di Sancho III di Navarra sembra che, la Guascogna fosse in un certo senso succube della Navarra. Comunque il suo regno si distinse per l'evolversi dei legami con la Navarra, che divennero sempre più stretti.

Nel 1010 Sancho VI comparve a Saint-Jean d'Angély assieme a Sancho III di Navarra, Guglielmo V di Aquitania e Roberto II di Francia e non certo per rendere omaggio al re di Francia.

Nel 1027 incontrò Guglielmo V a Blaye ed insieme scelsero il franco Goffredo come arcivescovo di Bordeaux, che nel frattempo, durante il suo regno era diventata la capitale del ducato.

Sua sorella Brisca era andata sposa a Guglielmo V e quando Sancho il 4 ottobre 1032 morì senza eredi maschi, gli successero i figli della sorella e del duca d'Aquitania.

Curiosità[modifica | modifica sorgente]

Sancho VI di Guglielmo in spagnolo si chiama Sancho Guillén; in basco Antso Gilen; in francese Sanche Guillaume; in guascone Sans Guilhem.

Discendenza[modifica | modifica sorgente]

  • Aloisia, sposò il conte Alduino II d'Angoulême († 1030).
  • Sancha, sposò nel 1018, il conte Berengario Raimondo I di Barcellona.

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]


Predecessore Duca di Guascogna Successore BlasonGASCOGNE.PNG
Bernardo I 1009–1032 Oddone II

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

  • Louis Alphen, La Francia nell’XI secolo, in: Storia del mondo medievale, vol. II, 1999, pp. 770-806