Sana'i di Ghazna

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Se riscontri problemi nella visualizzazione dei caratteri, clicca qui.

Sana'i di Ghazna, noto anche come Hakīm Sanāʾi (ossia: "Sana'i il saggio/il sapiente") (in lingua persiana ابوالمجد مجدود‌ بن آدم سنایی غزنوی, Abu l-Majd Majdud b. Adam Sanāʾi Ghaznavi; Ghazni, ultimo quarto del XI sec. – Ghazni, tra il 1141 e il 1151), è stato un poeta persiano.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Sana'i, da qualcuno definito un "precursore persiano di Dante" (Nicholson), appartiene con Farid al-Din 'Attar e Rumi alla triade dei grandi poeti mistici della letteratura persiana medievale. Divise la sua vita tra la frequentazione di varie corti locali e quella di ambienti religiosi e della mistica sufi. Dopo un lungo apprendistato presso le corti più provinciali dell'Iran orientale, tornò a Ghazna dove terminò gloriosamente la sua carriera come poeta dei sultani ghaznavidi.

L'opera[modifica | modifica wikitesto]

Egli è l'autore di: un Divan (canzoniere) contenente ghazal e qasida; un monumentale poema didattico d'intonazione mistica intitolato Hadiqa al-Haqiqa ("Il giardino della verità") che comprende, nelle varie versioni, pervenute dai 3.500 ai 10.000 versi; un cosiddetto "Settetto" di più brevi poemi di vario argomento, tra cui spicca il celebre Sayr al-'Ibad ilà l-Ma'ad ("Il viaggio dei servi di Dio nel Regno del Ritorno"). Quest'ultimo è una sorta di "Divina Commedia" in miniatura di circa 800 versi, in cui il poeta guidato da un saggio vegliardo s'immagina di percorrere il regni dell'aldilà in un viaggio iniziatico attraverso la cripta cosmica che lo porterà dall'"inferno" del mondo sub-lunare, attraverso il "purgatorio" delle sfere celesti, sino a un "paradiso" posto oltre il cielo delle Stelle Fisse, dove incontrerà una misteriosa Luce in cammino dai più identificata con la luce della profezia o con la stessa luce divina.

Opere di riferimento sulla letteratura persiana medievale[modifica | modifica wikitesto]

  • E.G. Browne, A Literary History of Persia, 4 voll., Cambridge 1951-53 (più volte ristampato)
  • Jan Rypka, A History of Iranian Literature, Reidel Publishing Company, London 1968
  • A. J. Arberry, Classical Persian Literature, London 1958
  • A.Pagliaro-A.Bausani, La letteratura persiana, Sansoni-Accademia, Firenze-Milano 1968
  • A.M. Piemontese, Storia della letteratura persiana, 2 voll., Fratelli Fabbri, Milano 1970
  • C. Saccone, Storia tematica della letteratura persiana classica vol. I: Viaggi e visioni di re sufi profeti, Luni, Milano-Trento 1999; vol. II: Il maestro sufi e la bella cristiana. Poetica della perversione nella Persia medievale, Carocci, Roma 2005

Studi e articoli in italiano su Sana'i di Ghazna[modifica | modifica wikitesto]

  • AA.VV., Colloquio italo-iraniano: il poeta mistico Sana'i, Ed. dell'Accademia Nazionale dei Lincei, Roma 1979
  • C.Saccone, Viaggi e visioni di re sufi profeti, Luni, Milano-Trento 1999
  • A. Bausani, Il pazzo sacro nell'islam, Luni. Milano-Trento 2000
  • J.C.Buergel, Il discorso è nave, il significato un mare. Saggi sull'amore e il viaggio nella poesia persiana medievale, Carocci, Roma 2006

Traduzioni italiane[modifica | modifica wikitesto]

  • Sana'i, Viaggio nel regno del ritorno, a cura di C. Saccone, Luni Ed., Milano-Trento 1998 (prima ed.: Pratiche, 1993)

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità VIAF: 96993055