San Lorenzo (quartiere di Napoli)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
San Lorenzo
Stato Italia Italia
Regione Campania Campania
Provincia Napoli Napoli
Città CoA Città di Napoli.svg Napoli
Circoscrizione IV Municipalità
Superficie 1,42 km²
Abitanti 49 275 ab.
Densità 34 700,7 ab./km²
Mappa dei quartieri di

Coordinate: 40°51′11.97″N 14°15′51.57″E / 40.853326°N 14.264324°E40.853326; 14.264324

« Sul finire di questa via a manca apresi la strada della Consolazione, ove è il vicolo detto ora Limoncello per un albero di Limone che eravi »
(Gennaro Aspreno Galante[1])

San Lorenzo è un quartiere di Napoli, che assieme ai quartieri Poggioreale, Zona Industriale e Vicaria forma la quarta municipalità del comune.

Confina a sud con i quartieri Pendino e San Giuseppe, a ovest col quartiere Avvocata, a nord con i quartieri Stella e San Carlo all'Arena e ad est con il quartiere Vicaria.

San Lorenzo è in genere considerato il cuore storico della città; per gli antichi lo era certamente dato che, sin dai tempi della fondazione greca, sorgeva qui l'Agorà, fulcro delle dinamiche sociali ed economiche, nei pressi di quella che è oggi la basilica di San Lorenzo Maggiore. È vero pure che ancora oggi San Lorenzo concentra gli elementi tipici della tradizione napoletana e gli aspetti caratteristici che hanno reso la città celebre nel mondo.

Monumenti e luoghi di interesse[modifica | modifica sorgente]

Su via Santa Maria di Costantinopoli è l’Accademia di Belle Arti, opera di Errico Alvino (1863). Sulla via Conte di Ruvo si apre il prospetto del Teatro Bellini, costruito da Carlo Sorgente (1876-77). Riprendendo via Santa Maria di Costantinopoli, di fronte si vede il magnifico prospetto di Santa Maria della Sapienza di Francesco Grimaldi (1614-1638), con la facciata di Cosimo Fanzago, attualmente chiusa al pubblico. Di fronte a piazza Bellini, si apre il prospetto di palazzo Firrao, realizzato nella prima metà del XVII secolo da Cosimo Fanzago. Di fronte, la chiesa di San Giovanni Battista delle Monache, realizzata da Francesco Antonio Picchiatti nel 1681.

Viabilità e trasporti[modifica | modifica sorgente]

Logo Metropolitane Italia.svg

Il quartiere è servito dalla Linea 2 con la Stazione di Napoli Piazza Cavour e dalla Linea 1 con la Stazione Museo (metropolitana di Napoli).

Logobus.jpg

Il quartiere è servito dai normali bus e tram di linea della città.

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Aspreno Galante G. (1872) Guida sacra di Napoli, Colonnese, Napoli

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

  • I quartieri di Napoli, Vittorio Gleijeses, fotografie di Antonio Niego. - Napoli: Società editrice napoletana, [1984].

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

Napoli Portale Napoli: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Napoli