San Giovanni d'Asso

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
San Giovanni d'Asso
comune
San Giovanni d'Asso – Stemma San Giovanni d'Asso – Bandiera
San Giovanni d'Asso – Veduta
Localizzazione
Stato Italia Italia
Regione Coat of arms of Tuscany.svg Toscana
Provincia Provincia di Siena-Stemma.png Siena
Amministrazione
Sindaco Fabio Braconi (centrosinistra) dal 25/05/2014
Territorio
Coordinate 43°09′00″N 11°35′00″E / 43.15°N 11.583333°E43.15; 11.583333 (San Giovanni d'Asso)Coordinate: 43°09′00″N 11°35′00″E / 43.15°N 11.583333°E43.15; 11.583333 (San Giovanni d'Asso)
Altitudine 310 m s.l.m.
Superficie 66 km²
Abitanti 912[1] (31-12-2010)
Densità 13,82 ab./km²
Frazioni Lucignano d'Asso, Montelifrè, Monterongriffoli, Montisi, Vergelle
Comuni confinanti Asciano, Buonconvento, Montalcino, Pienza, San Quirico d'Orcia, Trequanda
Altre informazioni
Cod. postale 53020
Prefisso 0577
Fuso orario UTC+1
Codice ISTAT 052029
Cod. catastale H911
Targa SI
Cl. sismica zona 3 (sismicità bassa)
Cl. climatica zona D, 1 873 GG[2]
Diffus. atmosf. media
Nome abitanti sangiovannesi
Patrono san Giovanni Battista
Cartografia
Mappa di localizzazione: Italia
San Giovanni d'Asso
Posizione del comune di San Giovanni d'Asso all'interno della provincia di Siena
Posizione del comune di San Giovanni d'Asso all'interno della provincia di Siena
Sito istituzionale

San Giovanni d'Asso è un comune italiano di 901 abitanti[3] della provincia di Siena in Toscana. Sorge al centro delle Crete Senesi lungo il torrente Asso, da cui prende il nome.

Geografia fisica[modifica | modifica sorgente]

Territorio[modifica | modifica sorgente]

Storia[modifica | modifica sorgente]

Le origini dell'abitato di San Giovanni d'Asso sono antichissime: infatti, recentemente sono state ritrovate in località Pava, lungo la strada che unisce il paese a Lucignano d'Asso e a Torrenieri, dei resti di una pieve, la pieve di Santa Maria di Pava, risalente al V-VI secolo[4]. Nel Medioevo iniziò a nascere il vero e proprio paese: già nel 714[5] è documentata l'esistenza della chiesa di San Pietro in Villore e, fino al 1178, il paese fu conteso fra il vescovo di Arezzo e quello di Siena, che poi ebbe la meglio. Inoltre, nelXIII secolo fu costruita la rocca, notevolmente ampliata dai Petroni nel 1313 e poi successivamente trasformata in grancia dallo Spedale di Santa Maria della Scala di Siena, che ne aveva assunto la proprietà.

Il 2 giugno 1777 il paese divenne ufficialmente comune dapprima con sole tre frazioni (Lucignano d'Asso, Monterongriffoli e Vergelle), poi anche con quelle di Montisi e Montelifrè che, in origine, erano state assegnate alla più vicina Trequanda.

Le origini del nome[modifica | modifica sorgente]

Il nome "San Giovanni d'Asso" proviene dall'unione di due nomi: quello del santo a cui è dedicata la chiesa parrocchiale, ovvero San Giovanni Battista e quello del torrente Asso, affluente dell'Orcia, che scorre alle pendici del colle sul quale si trova il paese.

Monumenti e luoghi di interesse[modifica | modifica sorgente]

Architetture religiose[modifica | modifica sorgente]

Chiesa di San Pietro in Villore[modifica | modifica sorgente]

La facciata della chiesa di San Pietro in Villore

La chiesa di San Pietro in Villore, situata nel paese basso nei pressi della Rocca, è la più antica chiesa del paese: infatti è citata già in un documento del 714. Dopo il suo periodo d'oro, durato dal Duecento al Trecento, in cui fu più volte restaurata ed arricchita di altorilievi, ha iniziato la sua lenta decadenza nel 1492, quando fu elevata al rango di pieve San Giovanni Battista, che ha avuto il suo culmine nel 1577, quando il suo fonte battesimale fu trasportato nella nuova chiesa pievana.

Sia all'esterno che all'interno la chiesetta è ricca di elementi scultorei interessanti, come altorilievi (da notare quello sul portale) e bassorilievi di varie epoche. Al disotto della seconda campata della corta navata e dell'abside si trova la piccola cripta sorretta da quattro colonnine.

Pieve di San Giovanni Battista[modifica | modifica sorgente]

La pieve di San Giovanni d'Asso, anche se non è la chiesa più antica del paese, è la parrocchiale di San Giovanni d'Asso. Fu costruita nel Trecento dai Petroni e, tre secoli dopo, fu restaurata internamente dai Pannilini, nuovi patrocinanti della chiesa.

La facciata della Pieve di San Giovanni Battista

Nella semplice facciata a capanna, preceduta da un piccolo sagrato, si aprono il piccolo rosone circolare ed il portale sormontato da una semplice lunetta vuota. All'interno la chiesa è a navata unica ed è dominata dalla seicentesca ancona, all'interno della quale sono custodite le reliquie di vari santi, fra i quali San Pietro apostolo, donate nel Medioevo da Riccardo Petroni.


Montisi[modifica | modifica sorgente]

Altre frazioni[modifica | modifica sorgente]

Architetture civili[modifica | modifica sorgente]

Rocca[modifica | modifica sorgente]

La facciata della Rocca

Situata al centro del borgo alto, proprio sul punto più alto del colle, attualmente la Rocca è la sede del Museo del Tartufo. Di origine duecentesca, fra il XIII ed il XIV secolo fu notevolmente ampliato, soprattutto dalla famiglia Petroni (Trecento).

Attualmente l'edificio consiste in un corpo dalla pianta irregolare con al centro un cortile porticato su un lato. La facciata principale dà su piazza Vittorio Emanuele II ed è preceduta da uno stretto e profondo fossato. Lungo il fianco destro, che costeggia la ripida via Roma, si possono vedere molte finestre quattrocentesche disposte su più piani.

La sala più importante del palazzo, che esternamente appare come una struttura massiccia e compatta, è la Sala del Caminetto: sia lungo le sue pareti che sul soffitto si trovano degli affreschi rinascimentali policromi.

Castel Verdelli[modifica | modifica sorgente]

Imponente struttura in mattoni risalente al XIV secolo, appare composta da due blocchi separati con base a scarpa, mentre a Sud sono stati aggiunti nel XVI secolo edifici laterali nel tempo più volte ristrutturati.

Castelletto Accarigi[modifica | modifica sorgente]

Situato tra San Giovanni d'Asso e Monterongrifoli, leggermente in rialzo lungo la riva destra del fiume Asso, presenta una struttura composta da due grandi fabbricati, uno medioevale, come testimoniato dalla base a scarpa e dal ritrovamento di resti di antichi piombatoi, l'altro più recente e più volte ristrutturato. Al castello appartiene una piccola cappella, che al suo interno conserva un quadro di San Gerolamo dipinto da Astolfo Petrazzi nella prima metà del XVII secolo.

Ville[modifica | modifica sorgente]

Aree naturali[modifica | modifica sorgente]

Bosco della Ragnaia[modifica | modifica sorgente]

A nord-ovest del paese, lungo la strada verso Asciano e Monte Oliveto Maggiore, vi è il Bosco della Ragnaia, un giardino-bosco che copre circa 9 ettari. Il parco è opera dell'artista Sheppard Craige che, dal 1996, continua ad ampliarlo e ad abbellirlo. Fra le sculture più importanti all'interno del Bosco della Ragnaia vi sono lAltare dello Scetticismo, lOracolo di Te stesso e il Centro dell'Universo, mentre al centro del parco vi è una fontana lunga circa 40 metri che ricorda quelle della Reggia di Caserta.

Strada bianca di Pieve a Salti da San Giovanni d'Asso a Buonconvento[modifica | modifica sorgente]

Sconosciuta per molti e quindi poco frequentata, questa strada è molto interessante e suggestiva immersa nel suo paesaggio: collegando San Giovanni d'Asso a Buonconvento, si fa spazio tra le Crete senesi esistenti tra la valle dell'Asso e la Valle dell'Ombrone. Immersi in una natura quasi incontaminata per la scarsa presenza dell'uomo, eccetto alcune strutture ricettive, in queste campagne si può ammirare la Toscana del passato.

Aree archeologiche[modifica | modifica sorgente]

Società[modifica | modifica sorgente]

Evoluzione demografica[modifica | modifica sorgente]

Abitanti censiti[6]

Etnie e minoranze straniere[modifica | modifica sorgente]

Secondo i dati ISTAT al 31 dicembre 2009 la popolazione straniera residente era di 116 persone. Le nazionalità maggiormente rappresentate in base alla loro percentuale sul totale della popolazione residente erano:

Geografia antropica[modifica | modifica sorgente]

Urbanistica[modifica | modifica sorgente]

Il paese è costituito da due borghi, situati sulle due diverse cime dello stesso colle:

  • il "paese alto", più antico, situato sulla sommità più alta, costituisce la parte storica-artistico-culturale del paese;
  • il "paese basso", più moderno, di carattere residenziale, che si estende a nord del centro storico.

Inoltre il paese si estende anche nella zona che costeggia la ferrovia del tratto fra il passaggio a livello della Traversa dei Monti e la stazione ferroviaria, mentre lungo il tratto della suddetta strada fra il paese e Pava si incontrano le sedi di alcuni consorzi agrari.

Frazioni[modifica | modifica sorgente]

Secondo lo statuto comunale, il territorio di San Giovanni d'Asso possiede una sola frazione, Montisi[7]. Tuttavia, sono da ricordare anche i numerosi borghi medievali che pur non possedendo ufficialmente lo status di frazione, come tali sono considerate e come tali vengono nominate nella cartellonistica urbana.

Amministrazione[modifica | modifica sorgente]

Periodo Primo cittadino Partito Carica Note
2009 2014 Michele Boscagli centrosinistra Sindaco
2014 in carica Fabio Braconi centrosinistra Sindaco

Galleria fotografica[modifica | modifica sorgente]

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Dato Istat - Popolazione residente al 31 dicembre 2010.
  2. ^ Tabella dei gradi/giorno dei Comuni italiani raggruppati per Regione e Provincia (PDF) in Legge 26 agosto 1993, n. 412, allegato A, Ente per le Nuove Tecnologie, l'Energia e l'Ambiente, 1 marzo 2011, p. 151. URL consultato il 25 aprile 2012.
  3. ^ Dato Istat all'1/1/2010.
  4. ^ Lo scavo archeologico della Pieve di Pava
  5. ^ La Storia del paese sul sito ufficiale del Comune
  6. ^ Statistiche I.Stat - ISTAT;  URL consultato in data 28-12-2012.
  7. ^ Statuto comunale di San Giovanni d'Asso

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

Toscana Portale Toscana: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Toscana