Giacomo della Marca

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
(Reindirizzamento da San Giacomo della Marca)
San Giacomo della Marca
San Giacomo della Marca, dipinto di Pietro Perugino
San Giacomo della Marca, dipinto di Pietro Perugino

Presbitero

Nascita 1º settembre 1393
Morte 28 novembre 1476
Venerato da Chiesa cattolica
Beatificazione 12 agosto 1624
Canonizzazione 10 dicembre 1726
Ricorrenza 28 novembre
Patrono di Napoli, Monteprandone

Giacomo della Marca, al secolo Domenico Gangala (Monteprandone, 1º settembre 1393Napoli, 28 novembre 1476), fu un sacerdote appartenente all'Ordine dei Frati Minori Osservanti (O.F.M.Obs.); è stato canonizzato nel 1726 da papa Benedetto XIII.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

San Giacomo della Marca, affresco del 1490 attribuito a Pietro Alemanno. Palazzo dei Capitani del Popolo di Ascoli Piceno.[1][2]

Giacomo della Marca nacque a Monteprandone il 1º settembre 1393, ossia in una regione molto influenzata dalla spiritualità francescana come mostra ad esempio la vita del beato Giovanni de La Verna e di Santa Camilla Battista da Varano. Compiuti gli studi liberali ad Ascoli si laureò in Diritto a Perugia intorno al 1412 e lo troviamo poi a Bibbiena, in Toscana come giudice e poi come notaio nella segreteria comunale di Firenze. Entrato in amicizia con i francescani del luogo e meditando intorno ai misteri redentivi che suscitava in lui la visione del Monte Verna, lasciò l'avvocatura ed entrò nell'Ordine dei Frati Minori nel luglio del 1416. Fu allievo con Giovanni da Capestrano e con Bernardino da Siena. Nel 1423 venne ordinato sacerdote.

Grazie al suo intervento in veste di pacificatore, le città di Fermo e Ascoli, eterne nemiche, stipularono una storica pace nel 1446 e poi nel 1463. A suggello di ciò nello stemma di ciascuna delle due città è rappresentato lo stemma dell'altra ex nemica.

Abile predicatore, fu impiegato dal suo ordine nel contrasto dell'eresia bogomil in Bosnia e delle dottrine degli ussiti in Austria e Boemia. Su invito di Pio II partecipò al Concilio di Mantova del 1459, convocato per indire una crociata contro i Turchi. Fondò alcuni conventi nell'Europa centrale, diffondendo anche la devozione del nome di Gesù. Prese parte al Concilio di Firenze per la riunione fra la Chiesa latina e quelle orientali.

Pur immerso in tante fatiche si prodigò a costruire basiliche, conventi, biblioteche, pozzi e cisterne pubbliche; diede Statuti Civili - lui frate - ad undici città mentre attendeva a fondare nuove confraternite - figurando come un precursore dell'associazionismo cattolico - trova anche il tempo per scrivere 18 libri, mostrandosi così di ingegno universale.

Morì a Napoli il 28 novembre 1476. Il suo corpo venne sepolto nella chiesa di Santa Maria la Nova a Napoli. Nel 2001 il corpo è stato traslato nel Santuario "Santa Maria delle Grazie", da lui fondato nel 1449, a Monteprandone.

Il culto[modifica | modifica wikitesto]

San Giacomo della Marca, dipinto di Francisco de Zurbaran

È stato beatificato il 12 agosto 1624 da papa Urbano VIII. Papa Benedetto XIII lo ha proclamato santo il 10 dicembre 1726.

È tra i patroni della città di Napoli, di Monteprandone e compatrono di Mantova.

A lui sono intitolate due parrocchie in territorio italiano: ad Ascoli Piceno e a Porto d'Ascoli.

Memoria liturgica il 28 novembre.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Luigi Pellegrini e Roberto Paciocco, I francescani nelle Marche: secoli XIII-XVI, Editore Silvana, anno 2000.
  2. ^ L'affresco misura m. 128 x 42. Scheda sull'iconografia di San Giacomo della Marca - Dal sito: sangiacomodellamarca.net URL consultato il 13 giugno 2012.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • San Giacomo della Marca e l'altra Europa. Crociata, martirio e predicazione nel Mediterraneo Orientale (secc. XIII-XV). Atti del Convegno Internazionale di studi (Monteprandone, 24-25 novembre 2006). A cura di Fulvia Serpico, Firenze, Sismel - Edizioni del Galluzzo, 2007 (Società internazionale per lo studio del Medioevo latino)
  • Francesco Pirani, Armonie Picene, in Medioevo, De Agostini Periodici, X, 2008, pag. 102.
  • Biografia e agiografia di san Giacomo della Marca. Atti del Convegno Internazionale di Studi (Monteprandone, 29 novembre 2008). A cura di Fulvia Serpico, Firenze, Sismel - Edizioni del Galluzzo, 2010 (Società internazionale per lo studio del Medioevo latino)
  • Giacomo della Marca tra Monteprandone e Perugia. Lo «Studium» del Convento del Monte e la cultura dell'Osservanza francescana. Atti del Convegno Internazionale di Studi (Monteripido, 5 novembre 2011). A cura di Fulvia Serpico e Luigi Giacometti, Firenze, Sismel - Edizioni del Galluzzo, 2012 (Società internazionale per lo studio del Medioevo latino)

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità VIAF: 77141223 LCCN: n81120487